Strategie vincenti ti portano a successi a lungo termine nel poker online – Registrati gratis!

Le migliori strategie Con le corrette strategie il poker diventa un gioco facile. I nostri autori ti spiegano come vincere passo dopo passo.

I più intelligenti imparano da e con i professionisti internazionali nei nostri live coaching e sul forum.

Poker bonus gratis PokerStrategy.com è gratuito. Inoltre c'è un poker bonus gratis che ti aspetta.

Sei già un membro di PokerStrategy.com? Fai il log in qui

StrategiaBasi del poker

Analisi del gioco (3)

Introduzione

In questo articolo
  • Le applicazioni pratiche dell'analisi del gioco
  • Quali pericoli si annidano dietro ciascun tipo di gioco
  • Come usare l'analisi per determinare la linea migliore

Nella terza parte della serie sull'analisi del gioco ci occuperemo degli aspetti tecnici e matematici che riguardano più da vicino la pratica del gioco.

Con l'aiuto di alcuni esempi spiegheremo in che modo le diverse decisioni e le varie ipotesi influenzano l'analisi delle mani, illustreremo gli aspetti a cui stare più attenti e vi daremo modo di spremere al massimo ogni situazione.

Diversi tipi di gioco – diversi pericoli

L'analisi dettagliata è uguale per tutti i tipi di gioco. Ecco i punti fondamentali per ciascun giro di puntate:

  • Definire la situazione iniziale (le tue carte, il board, il piatto, le puntate, il numero di avversari).
  • Definire l'equity necessaria.
  • Definire i range degli avversari.
  • Calcolare l'equity effettiva.

Esistono però anche aspetti che dipendono dal tipo di gioco – bisogna sempre pensare in maniera attiva, senza mai affidarsi passivamente ai numeri della calcolatrice.
Di seguito alcuni esempi per i diversi tipi di gioco.

Short-stack strategy

Nella short-stack strategy lo stack corto può portare a parecchie situazioni scomode. Ecco un esempio per capirci meglio.

ESEMPIO 1:

0,05/0,10 No Limit Hold'em (9-handed)

Preflop: Hero is BU with 7h7c
2 folds, MP1 calls €0.10, 2 folds, CO calls €0.10, Hero raises €0.60, SB folds, BB calls €0.50, MP1 calls €0.50, CO calls €0.50

Flop: (€2.45) Jd3s8h (4 players)
BB bet €2.45, 2 fold, Hero...

Se studiamo la situazione e inseriamo nella formula i valori corrispondenti, otteniamo questo:

Equity necessaria = 2.45 / (4.80+2.45) * 100 = 33%

Il problema in questo caso è che non hai più €2,45. La tua perdita potenziale – e con essa il rischio – è limitata a €1,40. Dato che non puoi mai giocare per più di quanto tu abbia, non puoi nemmeno accettare la puntata dell'avversario. E dato che hai solo €1,40, il massimo che puoi vincere è €3,75 (i piatto, €2,45, + il tuo massimo valore, $1,40).

Con questi valori cambia anche il risultato della formula:

Equity necessaria = 1.40 / (3.75 + 1.40) * 100 = 27%

In questo caso puoi vincere di più rispetto al rischio e quindi ti basta meno equity.

Big-stack strategy
ESEMPIO 2:

0.05/0.10 No Limit Hold'em (9-handed)

Stacks & Stats
MP3: €10

Stats: 17/7/3.0 (VPIP/PFR/AF)

Preflop: Hero is BB with 7h7s
4 folds, MP3 raises €0.40, 3 folds, Hero calls €0.30

Flop: (€0.85) 8d5hKh (2 players)
Hero checks, MP3 bets €0.85, Hero...

In questo caso ti serve il 33% di equity, ed a seconda del range che fai ad MP3 sei tra il 20 ed il 30.
In casi come questo potrebbe convenire studiarsi un attimo le implied pot odds. Se, per esempio, centri un set e la mano continua, sei in grado di far sì che l'avversario sborsi abbastanza?
Con le implied odds le cose funzionano più o meno come con la definizione dei range. Devi fare delle ipotesi il più realistiche possibili, e non c'è nessuno che possa aiutarti. Neanche qua ci sono regole fisse.
Tieni comunque presente che con le implied odds devi stare molto attento. Possono influenzare, in entrambe le direzioni, le decisioni-limite.

Mid-stack strategy

Nella mid-stack strategy, i due pericoli appena esplicati sono più gravi. È facilissimo trovarsi contro una puntata superiore al proprio stack, e d'altra parte rimane possibile calcolarsi da soli le implied pot odds, se decidi comunque di chiamare una puntata. La dimensione intermedia dello stack generalmente fornisce una buona protezione, per lo meno al flop, che ti permette, se la usi bene, di guadagnare.

Fixed Limit

Nel fixed limit la situazione è del tutto diversa. A causa delle diverse regole del gioco, le pot odds, e con loro l'equity necessaria, sono di solito ottimali. Il problema principale è che devi capire alla perfezione il range dell'avversario. Anche i più piccoli errori possono avere effetti pesantissimi.
In questo caso devi cercare di metterti nei panni dell'avversario. Quali sono le mani che gioca in questo modo? Sono solo monster o ogni tanto può essere in bluff? Se sì, lo fa abbastanza spesso da doverne tenere conto, o si tratta di un dettaglio marginale?
Come vedi, bisogna pensare. Dare per scontati alcuni aspetti può costarti molto caro.

Determinare la linea migliore

Se hai letto l'articolo sulle analisi, se sei stato attento ed hai capito bene, sai già che un punto importante è determinare quale sia il comportamento migliore da tenere.
Logicamente, puoi concentrarti sul confermare le tue mosse, ma ogni tanto fa bene pensare un po' di più, per essere in grado, in futuro, di prendere decisioni migliori. 
Anche qua i concetti di equity ed equity necessaria giocano un ruolo fondamentale. Per farla semplice, il tuo obiettivo dev'essere: 

  •  mettere nel piatto una cifra corrispondente al range di equity del tuo avversario.

Cosa si intende? Ve lo spieghiamo con un esempio. 

ESEMPIO 3:

0,05/0,10 No Limit Hold'em (9-handed)

Stacks & Stats
MP2 17/5/4.0 (VPIP/PFR/AF)
BU 20/4/2.0 (VPIP/PFR/AF)

Preflop: Hero is BB with 6c9d
3 folds, MP2 calls €0.10, 2 folds, BU calls €0.10, SB folds, Hero checks

Flop: (€0.35) 3d9h8h (3 players)
Hero checks, MP2 bets €0.20, BU calls €0.20, Hero...

Il primo passo è calcolare l'equity necessaria.

Rischio: €0,20Potenziale profitto: €0,75
Equity necessaria: 0.20/(0.75+0.20) * 100 = 21%

Continuiamo con il calcolo dell'equity. Prima di tutto, definiamo i range degli avversari.

Usando le stat puoi capire piuttosto bene cosa possono avere al flop.

Dato che MP2 ha un AF parecchio alto, la sua puntata non dovrebbe preoccuparti troppo. Potrebbe benissimo essere una mossa tattica per fare uscire dalla mano te e BU.

Quest'ultimo ha chiamato, quindi non è detto che abbia schifezze totali. Se avesse avuto un punto veramente forte, però, è probabile che avrebbe rilanciato.

Se supponi un range più o meno standard, viene fuori una situazione del genere:



L'equity necessaria in questo momento è minore di quella che viene fuori dal calcolo, quindi puoi decisamente chiamare.  Dedichiamo però un po' di tempo allo studio delle alternative.

Fold:

Limitarsi a foldare è fuori questione, hai troppa equity. Se però sai che MP2 ha una mano forte ed adatti di conseguenza il suo range, potrebbe convenirti.
Con le ipotesi che abbiamo fatto, in ogni caso, non puoi farlo.

Rilanciare:

Puoi rilanciare? Teoricamente, sì. Il pulsante è là e puoi puntare quando vuoi. Che convenga, però, è un altro discorso.

Per fare i calcoli giusti devi cambiare i valori. Prima di tutto, devi capire quanto vuoi rilanciare. Supponiamo che tu scelga €0,80. Ecco cosa viene fuori:

Rischio: €0,80Potenziale profitto: €0,70Equity necessaria:0.80/(0.70+0.80) * 100 = 53%

A prima vista sembra un valore troppo alto – raramente avrai tanta equity. Solo che non ti serve, perché in questo caso l'aspetto importante è la fold equity.

In generale, si può dire che non giochi contro l'intero range dell'avversario, perché probabilmente quando rilanci alcune mani le folderà. Ed è esattamente questo valore che esprime la fold equity.

Diamo un'occhiata al range di MP2:

Si tratta più del 17% di tutte le mani di partenza.

Quali di queste rimangono giocabili dopo il tuo rilancio, per un giocatore decente? Quali non lo saranno più e andranno foldate?

Se supponi che MP2 sia un giocatore decente puoi limitare di molto il suo range, lasciando solo le mani che hanno centrato qualcosa (top pair top kicker) ed i progetti forti (bilaterale/progetto di colore).


Siamo al 4% circa di tutte le mani di partenza. MP2, cioè folderà più o meno i tre quarti del suo range.
Contro le mani che rimangono hai poi circa il 40% di equity. Tirando le somme, viene fuori che rilanciare non dovrebbe rappresentare un problema. Logicamente, devono valere le condizioni che i rilanci sono corretti e che l'avversario è in grado di foldare.

Purtroppo, però, c'è un altro avversario. Calcolare solo per MP2 è divertente ma sostanzialmente inutile.

Se fai gli stessi calcoli anche per BU, ipotizzando anche in questo caso che foldi tutte le mani non buone, ottieni un'equity appena del 21,5%. Dato che però entrambi folderanno piuttosto spesso rilanciare non è un'idea malvagia.

Puntare direttamente al flop:

Un'ulteriore possibilità è di puntare direttamente al flop. Anche qua valgono gli stessi concetti che per i rilanci: si inserisce nella formula il rischio ed il guadagno potenziale, e si calcola l'equity necessaria.

Anche in questo caso devi tenere conto della fold equity. Non è neanche detto che vincerai con la mano migliore, ma puoi guadagnare grazie agli sforzi dei tuoi avversari.

Riassunto

Hai imparato quali pericoli si annidano nei vari tipi di gioco, se li tieni a mente puoi evitare interpretazioni sbagliate ed analizzare le mani con maggior precisione.

Hai anche visto come sfruttare tutti i dati che hai per determinare la linea più conveniente. A forza di esercitarti imparerai a comprendere al volo le situazioni e prenderai decisioni “più corrette”.

Se, nonostante tutto, ti dovessero rimanere dei dubbi, PokerStrategy.com ti offre tantissimo materiale di apprendimento.

 

Commenti (4)

#1 blackmagicnew, 17.11.13 17:40

Visto

#2 specialwar, 16.12.13 10:17

ok

#3 Sfilo, 13.01.14 12:07

Ciao, ho un piccolo dubbio derivante dall'esempio, in particolare nell'ipotesi rilancio:<br /> <br /> Rischio: €0,80Potenziale profitto: €0,70Equity necessaria:0.80/(0.70+0.80) * 100 = 53%<br /> <br /> ma qui calcolando l'equity necessaria non dovremmo considerare almeno un call avversario che farebbe aumentare il profitto e quindi abbassare l'equity necessaria? qui è come se stessimo valutando solo la fold equity...

#4 pgp67, 01.07.15 11:41

Letto