Strategie vincenti ti portano a successi a lungo termine nel poker online – Registrati gratis!

Le migliori strategie Con le corrette strategie il poker diventa un gioco facile. I nostri autori ti spiegano come vincere passo dopo passo.

I più intelligenti imparano da e con i professionisti internazionali nei nostri live coaching e sul forum.

Poker bonus gratis PokerStrategy.com è gratuito. Inoltre c'è un poker bonus gratis che ti aspetta.

Sei già un membro di PokerStrategy.com? Fai il log in qui

StrategiaNo-Limit (SSS/MSS)

Strategia Shortstack: Odds e outs

Introduzione

In questo articolo
  • Quali sono le carte che vi aiutano?
  • Imparare a bilanciare rischio e rendimento
  • Non tutte le combinazioni favorevoli sono davvero tali

I progetti, sono combinazioni incomplete che necessitano di essere integrate da un’altra community card perché possano essere definite mani completate. La strategia della sezione principianti non ha ancora esaustivamente spiegato come gestire questo genere di combinazioni.

In questo articolo imparerete le basi matematiche del poker. Imparerete inoltre a calcolare le percentuali di vincita del vostro progetto e a decidere come e quando sia proficuo giocare la vostra combinazione.

L’articolo si basa sulla spiegazione di tre concetti fondamentali:

  • Outs

    Gli out sono tutte le carte che possono migliorare la vostra combinazione.

  • Odds

    Gli odds indicano le probabilità che una delle carte comuni sia uno dei vostri out.

  • Pot Odds

    I Pot Odds esprimono il rapporto tra il possible profitto e la puntata che dovete effettuare. In poche parole rappresentano il rapporto rischio-rendimento. Se confrontati con gli odds, é essere possibile calcolare fino a che punto sia il caso di chiamare una puntata per completare il vostro progetto.

Attenzione: Questo articolo è disponibile in più di una versione, adattato alle diverse tipologie di gioco. Se vuoi leggere l'articolo sugli odds e outs per la strategia big stack lo puoi trovare a questo link: All'articolo Matematica del Poker - Odds e Outs per la Big Stack Strategy.
Video: Bankroll management: come gestire il tuo denaro
.
Video anschauen

Puoi anche trovare il contenuto di questo articolo in video, con un semplice click sull'immagine.

Puoi leggere l'articolo per assicurarti di aver capito realmente il contenuto del video. Il tuo bankroll te ne sarà grato!

Out – Quali sono le carte che vi aiutano?

I vostri out sono tutte le carte che aumentano forza della vostra combinazione e che possibilmente la rendono la migliore se distribuite come carte comuni. Il punto focale è “renderla la migliore combinazione”, tema che tratteremo in seguito.

 

Esempio A
 

A prima vista, avete una combinazione apparentemente priva di valore. Non potete vincere uno showdown con questa combinazione. Ad ogni modo avete la possibilità di realizzare una combinazione forte, vale a dire una scala, nel caso un asso o un sei siano distribuiti al turn o al river.

Queste carte, l’asso ed il sei, sono i vostri out (sono ancora nel mazzo). La domanda è di quanti out disponete complessivamente. La risposta è relativamente facile se pensate a quanti assi e sei ci sono in un mazzo di carte. In ciascun caso ci sono quattro carte dello stesso valore, il che equivale ad un totale di otto out. Solo una di queste otto carte deve essere distribuita perché voi possiate migliorare la vostra combinazione.

I vostri Outs

 

Esempio B
 

La situazione è ora ulteriormente migliorata. Ciascun asso o sei non solo vi aiuterà a realizzare una scala, ma ciascun fiore vi darà un colore.

Il numero dei vostri out quindi è aumentato. Da un certo punto di vista, potete lasciare che tutte le restanti carte di fiori del mazzo diventino i vostri out. Ci sono 13 carte dello stesso seme in un mazzo, quattro fiori sono già stati distribuiti, quindi rimangono complessivamente 13-4=9 out che possono dar vita al vostro colore. Gli otto out indicati nel suddetto esempio vanno addizionati a questo conteggio.

Vengono aggiunti gli otto out per la scala menzionata nell’esempio precedente, mada questi devono esserne sottratti due ed esattamente l’asso ed il sei di fiori perché sono già stati presi in considerazione negli out per il progetto colore. Questo da un totale di 9+6=15 out:

I vostri out


 

Altri esempi
  • Progetto di Colore - 9 outs

    Ci sono 13 carte dello stesso seme in un mazzo. Quattro sono già state distribuite. Quindi rimangono 9 out che potrebbero completare il colore.

     

     

  • OESD (open-ended Straightdraw) - 8 Outs

    Qualunque 4 o 9 completa l’OESD per formare una scala. Quindi un OESD ha sempre 8 out.

     

     

  • Due Overcards - 6 Outs

    Ci sono 3 assi e 3 Regine rimaste nel mazzo che potrebbero formare una top-pair. Quindi avete 6 out con 2 overcard.

     

     

  • • Una coppia con la possibilità di fare tris o due coppie - 5 Outs

    Restano 2 otto nel mazzo che potrebbero formare un tris. Uno dei tre Re restanti potrebbe formare una coppia. Questo porta ad un totale di 5 out se disponete di una coppia più piccola.

     

     

  • Gutshot - 4 Outs

    Un progetto gutshot sta a significare che avete una opportunità di formare una scala se la carta interna mancante della vostra scala viene distribuita. Ci sono esattamente quattro carte che potrebbero portare a ciò; nel nostro caso si tratta dei due. Quindi disponete di 4 out con un gutshot.

  •  

 

QUIZ  

DOMANDA 1: Avete un progetto di colore. Quanti out avete??

a) 3
b) 6
c) 9

DOMANDA 2: Avete un OESD. Quanti out avete?

a) 4
b) 6
c) 8

DOMANDA 3: Avete una coppia di tre nella vostra combinazione. Quanti out avete per un tris?

a) 1
b) 2
c) 3

Odds – Quante probabilità ci sono di completare un progetto?

Quindi a cosa si riferisce esattamente il termine odds? In parole semplici, è un format comunemente usato per rappresentare le probabilità di completare la vostra combinazione.

DEFINIZIONE
 
Odds = carte non vantaggiose : carte vantaggiose

Questo tipo di notazione è chiamata Odds contro, perché mostra le probabilità di non completare una combinazione. Si tratta del rapporto tra la probabilità di completare o meno il nostro progetto. Questi sono gli odds. È un modo per esprimere le vostre probabilità così da facilitare la determinazione del fatto che sia vantaggioso o meno continuare a giocare la combinazione, come vedrete nel capitolo seguente.

Guardiamo ancora una volta l’esempio precedente:

 

Conoscete già, 5 carte dopo il flop, le vostre due carte iniziali e le tre carte del flop. Dunque qualunque delle restanti sconosciute 47 carte possono ancora essere distribuite (ci sono complessivamente 52 carte in un mazzo). 8 di queste 47 carte possono essere d’aiuto per completare il vostro progetto, quindi sono vantaggiose, mentre 47-8=39 carte non completano il vostro progetto quindi non sono vantaggiose. In conclusione i vostri odds dal flop al turn sono 39:8, che è come dire quasi 5:1

CALCOLO  
Carte non vantaggiose = carte sconosciute – carte vantaggiose

Visto che conoscete 5 carte al flop, le vostre due carte e le tre carte comuni, ci sono 52-5 = 47 carte sconosciute. Rispettivamente ce ne sono 46 dopo il turn. Le carte vantaggiose sono i vostri out. Da qui il calcolo seguente, tra le altre cose, risulta come segue:

CALCOLO  
Odds dal flop al turn = (47 - out) : out

Una situazione stardard per l’applicazione degli odds dal flop al turn si presenta nella strategia shortstack se avete un progetto in un freeplay, quindi nel Big Blind senza pagare denaro extra per vedere il flop.

Outs and Odds


Outs
Odds dal Flop
al Turn (1 carta)
Odds dal Flop
al River (2 carte)
Esempi
1
46:1
22.5:1
Progetto di colore backdoor (due carte dello stesso seme al turn ed al river)
2
22.5:1
11:1
Coppia nella mano di partenza per migliorare passando ad un tris
3
15:1
7:1
 
4
11:1
5:1
Gutshot
5
8:1
4:1
Una coppia per migliorare passando ad un tris o a doppia coppia
6
7:1
3:1
 
7
6:1
2.5:1
 
8
5:1
2:1
OESD
9
4:1
2:1
Progetto di colore
10
3.5:1
1.5:1
 
11
3.5:1
1.5:1
 
12
3:1
1:1
Progetto di colore + Gutshot
13
2.5:1
1:1
OESD ed una coppia
14
2.5:1
1:1
Progetto di colore ed una coppia
15
2:1
1:1
Progetto di colore ed OESD

 

QUIZ  

DOMANDA 4: Dovreste conoscere a memoria gli odds per i progetti più importanti. Uno di questi è il progetto di colore. Quali sono gli odds dal flop al turn in questo caso?

a) 2:1
b) 3:1
c) 4:1

DOMANDA 5: Quali sono gli odds dal flop al turn per un OESD?

a) 5:1
b) 4:1
c) 2:1

DOMANDA 6: Un gutshot ha solo quattro out ed è quindi un progetto relativamente debole. Quali sono gli odds dal flop al turn in questo caso?

a) 5:1
b) 11:1
c) 22.5:1

Pot Odds – Posso giocare la mia combinazione vantaggiosamente?

Ora che sapete come determinare le probabilità di completare il vostro progetto mediante l’uso degli odds, l’unico quesito al quale non si è dato risposta è in merito a come applicare tutto ciò praticamente nel gioco.

Facciamo nuovamente riferimento al vecchio esempio:

 

Stiamo osservando una situazione concreta di un cash game no-limit con denaro vero. Siete al flop con un avversario e disponete delle carte sopra illustrate. Il pot ora ammonta a €10. Il vostro avversario punta €2. Varrebbe la pena di pagare €2 per vedere le carte al turn?

  • Piatto prima della puntata del vostro avversario: €10
  • Puntata del vostro avversario: €2
  • Possiblile profitto per voi: €12
  • Puntata che dovreste vedere: €2

Come ora sappiamo le probabilità di completare la vostra scala al turn sono approssimativamente 5:1 contro di voi. Questo vuol dire che completerete la vostra combinazione una volta su sei. Supponiamo che vinciate la mano con ogni probabilità se ottenete uno dei vostri out. Questo vuol dire che vincereste €12 una volta su sei. Negli altri 5 casi su sei perdereste €2, sempre supponendo che sarete costretti ad abbandonare la mano al turn se non riuscite a migliorarla.

Questo vuol dire che di media se puntate i €2 perderete €2 cinque volte su sei. Complessivamente sono €10. Ad ogni modo in un colpo vincerete €12. Il guadagno netto calcolato sottraendo le perdite dal profitto sarà quindi €12 - €10 = €2. Per questo motivo in questa situazione a lungo andare diventa vantaggioso vedere la puntata del vostro avversario. In questa circostanza vincereste una media di 0.33€ (= €2 / 6 mani) per ciascuna ripetizione.

Qui entrano in gioco i pot odds, le probabilità di piatto. Queste rappresentano il rapporto tra il possibile profitto e la puntata da effettuare. Sono l’espressione del rapporto beneficio/costo.

IMPORTANTE  
Pot Odds = possibile profitto : puntata da vedere

Nella situazione descritta, il piatto è di €10. Inoltre vanno aggiunti al pot i €2 puntati dal l’avversario che portano al risultato nel piatto finale di una possibile vincita di €12. Voi dovreste pagare €2 per restare in gioco per vedere la carta al turn. I pot odds ora sono di €12 : €2 o 6:1.

Come suggeriscono i numeri 6:1 e 5:1, si applica una seplice regola:

IMPORTANTE  
Se i pot odds sono più vantaggiosi degli odds di una combinazione incompleta, chiamando trarrete profitto a lungo andare. Se sono peggiori, subirete delle perdite a lungo andare.

Cosa accadrebbe se l’avversario puntasse €4 invece che €2? Il possibile profitto salirebbe da una parte a €10 + €4 = €14. D’altra parte le vostre probabilità di piatto di vedere la puntata sarebbero di €14 : €4, che è come dire un rapporto di 3.5:1. Sarebbe dunque svantaggioso vedere la puntata. In questa situazione sarebbe consigliabile passare la mano perché andreste a perdere a lungo andare.

Per fare dei calcoli esatti: vincereste €14 una volta su sei. Perdereste €4 cinque volte su sei. Guadagnereste €14 di media dopo sei tentativi e perdereste €4 * 5 = €20, il che porta ad una perdita complessiva di €6. In questa situazione perdereste in media €1 (= 6€ / 6 mani) per ciascuna ripetizione.


QUIZ  

DOMANDA 7: Il pot è di €2 al flop. Un avversario punta €1.A voi è rimasto €1. Quali sono i vostri pot odds?

a) 1:1
b) 2:1
c) 3:1

DOMANDA 8: Il pot è di €2. Un avversario punta €1 al turn. Voi disponete di €1, dovreste a quel punto puntare tutto per continuare a giocare. Avete un progetto di colore. Potete vedere questa puntata con profitto?

a) yes
b) no

DOMANDA 9: Il pot è di €2. Un avversario punta €1 al flop. Voi disponete di €1, dovreste puntare tutto per continuare a giocare. Avete una OESD. Potete vedere questa puntata con profitto?

a) yes
b) no

Out svalutati / modificati

Torniamo al tema sugli out e modifichiamo sensibilmente l’esempio di introduzione:

 

Nella sezione dedicata agli out, abbiamo compreso che ci sono otto out in questo gruppo, qualunque asso o sei potrebbe formare una scala.

I vostri Out

Cosa accadrebbe se aveste davanti un avversario con in mano le seguenti carte:

L‘asso di cuori così come il sei di cuori formerebbero una scala, ad ogni modo formerebbero un colore per il vostro avversario in altre parole la combinazione migliore. Queste due carte non hanno più nessun valore per voi. Avete quindi solo sei out al posto degli otto iniziali. Questi vengono chiamati out svalutati o modificati.

I vostri out modificati

Ovviamente non conoscete le carte del vostro avversario, ma c’è una certa probabilità che egli abbia effettivamente in mano due cuori. Non potete presumere di avere in mano otto cosiddetti out puliti per formare in questo caso la vostra scala. Dovete svalutare, dal numero delle carte, quella che ottimizza la vostra combinazione ma che forma una combinazione migliore per il vostro avversario.

In questo esempio è probabile che più avversari abbiate e meno riusciate a presumere di avere tutti e otto gli out. Inoltre il modo di giocare dei vostri avversari potrebbe far intendere se essi hanno in mano o meno un progetto di colore.

Un altro motivo per svalutare gli out in questo caso è che il vostro avversario potrebbe avere in mano una combinazione come quella che segue:

Dunque tutte e quattro le carte, esattamente tutti sei, non sono più considerabili out „puliti“ perché potrebbero formare una scala migliore per il vostro avversario. In questo caso restano solo quattro out.

I vostri out svalutati in questa situazione

Dobbiamo realisticamente svalutare gli out perché si possa fare una corretta ipotesi sugli odds in una combinazione incompleta. Non potete quasi mai aspettarvi di prendere tutti i vostri out, specialmente se state giocando contro diversi avversari. Potrebbe succedere che loro abbiano in mano una combinazione incompleta migliore. Potrebbe anche essere che abbiano la stessa combinazione. Molte sono le cose che possono succedere portandoci a perdere la mano nonostante esca uno dei nostri out. Potete raramente presupporre di riuscire a considerare puliti tutti i vostri out.

Dovete sempre porvi le seguenti domande: quale dei miei out rende effettivamente la mia la combinazione la migliore? Se disponete di un OESD e c’è la possibilità per un progetto di colore, considerereste per default solo 6 out svalutati piuttosto che il totale di 8 out.

I giocatori ai livelli più bassi amano in modo particolare giocare carte dello stesso seme per la possibilità di formare un colore, per questa ragione voi dovreste di conseguenza abbastanza rigorosamente sottrarre due out, specialmente contro più avversari.

Se vi chiedete quanti out potete considerare utili per voi, dovreste prima rispondere alle seguenti domande: quali sono le possibili migliori combinazioni e quanto sono probabili. Più avversari avete e più sono probabili. Ai limiti più bassi, le carte connesse come 87, 54 o 76 e le mani suited sono giocate spesso, perciò dovete tenerlo in conto.


QUIZ  

DOMANDA 10: Avete un OESD al flop. C’è un possibile progetto di colore. Di quanti out svalutati disponete?

a) 2
b) 4
c) 6

DOMANDA 11: Avete in mano un 2 ed un 8. Il flop è 9 T J, il che vi da un OESD. Qualunque regina o 7 potrebbe formare una scala. Quanti out potete realmente considerare utili per voi qui?

a) maximum 4
b) maximum 6
c) alle 8

DOMANDA 12: Avete in mano una combinazione progetto di colore, sfortunatamente su un board che mostra 4 4 4 K. Di quanti out potete darvi credito qui ora?

a) 2, finché non avete troppi avversari
b) ) 0, qualunque pocketpair e qualunque re vi batte
c) tutti e 9

Conclusioni

Concludendo:

Gli odds sono la relazione tra: carte non vantaggiose / carte vantaggiose.
I pot odds sono la relazione tra: possibile ricavo: Input (puntata che deve essere pagata)

Essenzialmente un progetto può essere giocato con profitto se i pot odds sono più vantaggiosi degli odds. Si tratta di situazioni in cui potreste vincere più chip completando il vostro progetto piuttosto che perdere in situazioni in cui non lo completate.

È fondamentale per un gioco vantaggioso nel lungo termine, che abbiate compreso il concetto di odds e pot odds e con essi anche le basi matematiche del poker. Sapere quando è il caso di vedere un rilancio e quanto puntare per rendere il progetto di un avversario svantaggioso, senza dar loro i giusti odds, è un elemento fondamentale per un gioco strategico. Prendetevi il tempo per andare davvero fino in fondo a questo materiale perché darà realmente una marcia in più al vostro gioco ed alle vostre finanze.

 

Appendice: Soluzioni


Domanda 1:
Avete un progetto di colore. Quanti out avete?
c) 9
Domanda 2:
Avete un OESD. Quanti out avete?
c) 8
Domanda 3:
Avete una coppia di tre nella vostra combinazione. Quanti out avete per un tris?
b) 2
Domanda 4:
Dovreste conoscere a memoria gli odds per i progetti più importanti. Uno di questi è il progetto di colore. Quali sono gli odds dal flop al turn in questo caso?
c) 4:1
Domanda 5:
Quali sono gli odds dal flop al turn per un OESD?
a) 5:1
Domanda 6:
Un gutshot ha solo quattro out ed è quindi un progetto relativamente debole. Quali sono gli odds dal flop al turn in questo caso?
b) 11:1
Domanda 7:
Il pot è di €2 al flop. Un avversario punta €1.A voi è rimasto €1. Quali sono i vostri pot odds?
c) 3:1
Domanda 8:
Il pot è di €2. Un avversario punta €1 al turn. Voi disponete di €1, dovreste a quel punto puntare tutto per continuare a giocare. Avete un progetto di colore. Potete vedere questa puntata con profitto?
b) no
Domanda 9:
The Il pot è di €2. Un avversario punta €1 al flop. Voi disponete di €1, dovreste puntare tutto per continuare a giocare. Avete un OESD. Potete vedere questa puntata con profitto?
b) si
Domanda 10:
Avete un OESD al flop. C’è un possibile progetto di colore. Di quanti out svalutati disponete?
c) 6
Domanda 11:
Avete in mano un 2 ed un 8. Il flop è 9 T J, il che vi da un OESD. Qualunque regina o 7 potrebbe formare una scala. Quanti out potete realmente considerare utili per voi qui?
a) massimo 4
Domanda 12:
Avete in mano una combinazione progetto di colore, sfortunatamente su un board che mostra 4 4 4 K. Di quanti out potete darvi credito qui ora?
b) 0, qualunque pocketpair e qualunque re vi batterebbe lo stesso
 

Commenti (15)

#1 prete960, 15.12.08 11:51

scusate non so se qualcuno mi può aiutare ma nella tabella outs/odds non ho capito come fanno a dimezzarsi i rapporti dei vari outs dal turn al river con una sola carta di diffrenza : <br /> (47-outs):outs<br /> (46-outs) : outs<br /> dove sbaglio?<br /> Grazie

#2 pippo83, 07.01.09 23:50

nella domanda 9 è si perchè voi semplicemente andate all in al flop quindi fate una puntata che non vi favorisce negli odds al turn ma siete all in quindi vedete anche il river e secondo me conviene correggetemi se sbaglio

#3 scholes81, 27.02.09 16:05

anche io non ho capito , o meglio non è stato spiegato , il fatto degli odds al river che si dimezzano con una sola carta di differenza (come diceva precedentemente prete960).

#4 PrOHero, 28.02.09 17:05

è semplice dato ke al turn hai ankora 2 carte , mentre al river diventa 1 e quindi hai meta' possibilita' :)

#5 pokeringh, 23.06.09 01:28

il tutto spiegato benissimo grazie

#6 BIGPACIONS, 12.08.09 00:35

scusate non ho capito ma alla domanda numero 8 la risposta non dovrebbe essere no? l'avversario punta 1$ al turn e non al flop è scritto li..<br /> e quindi le possibilità dal turn al river di realizzare un progetto di colore sono come dal flop al turn o poco più visto che c'è una carta non vantaggiosa in meno.. dunque l'odds sarebbe 4:1.. in media su 5 volte quattro volte perdo 1$ e una volta vinco 3$.. forse la domanda è scritta male e vole dire che l'avversario punta al flop?

#7 BIGPACIONS, 12.08.09 00:42

pippo poi ha ragione alla domanda 9 la risposta è si in quanto dal flop(andando all in si scopriranno 2 carte) al river l'odds è di 2:1 mentre questo pot odds è 3:1 quindi in media su 3 volte 2 volte perdo 1$ e una ne vinco 3$.. ma sono piene di errori queste domande risposte o sono io chenon ho capito nulla?

#8 Kevorkian87, 28.11.09 12:41

Scusate ma alla domanda numero nove la risposta dovrebbe essere NO. Con una bilatera abbiamo Odds per 5:1 con un pot di 3 noi per vedere dobbiamo puntare 1, quindi Pot Odds 3:1 allora conviene il Fold.

#9 TheTH84, 28.12.09 15:59

La nove è esatta tu sei all in e devi tener conto del rapporto da flop a river e non da flop al turn

#10 bellavec, 07.10.10 14:53

#1, #3 per quanto riguarda il concetto degli odds da flop a river e da turn a river: se siamo al turn la formula postata da prete960 è corretta, (46-outs) : outs.<br /> <br /> Se invece siamo al flop, il calcolo è molto più complicato, perché bisogna calcolare la probabilità di ottenere uno dei nostri out o al turn o al river. Non sto a fare i calcoli espliciti, ma le probabilità all'incirca raddoppiano :)

#11 albycomy, 23.02.11 21:31

Post flop avendo 2 carte ancora da vedere la regola vuole(abbastanza semplificata) che le outs si raddoppino X2 :)

#12 mnuela71, 09.12.11 20:45

ECCO UN'ALTRO ARGOMENTO CHE CREDEVO DI AVER CAPITO (SBAGLIANDO!)CERTI PASSAGGI MI SONO ANCORA UN PO OSTICI-MA è UN PO COME INIZIARE A PARLARE UNA NUOVA LINGUA -LA PRONUNCIA NON PUO ESSERE PERFETTA!(MENO MALE CHE MI SONO PRESA UNA PAUSA DI RIFLESSIONE /STUDIO)

#13 vitanueva1, 02.01.12 11:58

Credo che si dovrebbero correggere alcune risposte nel quiz.<br /> Mi spiego, alla domanda 8, la risposta corretta è No, nn devo chiamare. Però nel quiz il "NO" corrisponde alla risposta B e non alla risposta A, come erroneamente indicato nella soluzione soprastante.<br /> Nella domanda 9, invece, ritengo sia sbaglaita la soluzione indicata. Infatti, sebbene siamo l flop, e la puntata dell'oppo ci metterebbe all in, offrendo quindi pot odds di 3:1 (calcolate su turn e river, che, essendo all in andremmo comunque a "comprare").<br /> Tuttavia, nel caso di specie, noi abbiamo una OSED (e non un Flush draw) per cui con 8 outs, le odds sono di 3,5:1. Orbene, offrendo il piatto pot odds di 3:1 e avendo noi solo odds di 3,5:1, la riposta correttq dovrebbe essere un FOLD, quindi "NO". Non possiamo chiamare, perchè il call nel lungo periodo ci porterebbe una perdida.

#14 Ciufciuf5, 28.06.13 09:39

Come hanno detto bellavec e albycomy, dal flop al river gli outs raddoppiano perché potrebbe uscirci una carta nell'ultima street. Quindi le pot odds sono 3:1, le odds 2,5:1. Il call è decisamente +EV

#15 PuttoMan, 13.11.16 14:57

Scusatemi ma non mi è chiaro un passaggio (anche stupidissimo secondo me).<br /> La probabilità di un OESD dal Flop al Turn è di 5:1. "Questo vuol dire che completerete la vostra combinazione una volta su sei".<br /> Ma perchè una volta su sei e non una volta su 5? Gli odds sono comunque un rapporto, giusto? Quindi io avrei 1/5 di possibilità di completare la scala. Dove sbaglio?