Strategie vincenti ti portano a successi a lungo termine nel poker online – Registrati gratis!

Le migliori strategie Con le corrette strategie il poker diventa un gioco facile. I nostri autori ti spiegano come vincere passo dopo passo.

I più intelligenti imparano da e con i professionisti internazionali nei nostri live coaching e sul forum.

Poker bonus gratis PokerStrategy.com è gratuito. Inoltre c'è un poker bonus gratis che ti aspetta.

Sei già un membro di PokerStrategy.com? Fai il log in qui

StrategiaNo-Limit (SSS/MSS)

Come si gioca al postflop

Introduzione

Requisiti preliminari

Siamo giunti all'ultima parte della strategia shortstack, ossia come giocare dopo che sono state scoperte le prime tre carte.

Se investire o meno altri soldi dopo il flop dipende da come la mano di partenza si lega con le carte comuni. Se completate la mano, è opportuno pensare a un possibile all-in. In caso contrario, non c'è molto altro da dire ...

Guarda i video delle lezioni:

La strategia shortstack è disponibile anche sotto forma di video. Esiste un video apposito per ciascun articolo: i principi base, il gioco al preflop e il gioco al postflop.

Principi
base
Gioco
al preflop
Gioco
al postflop

Che tipo di mani si possono avere?

L'articolo dedicato alle regole del Texas Hold'em vi ha presentato le tipiche mani giocabili, quali le straight e i flush. Quando si applica la strategia shortstack, ci sono alcune altre mani interessanti. Ci sono ad esempio tre diversi tipi di coppia: le middle pair, le top pair e le overpair.

COSA SI INTENDE PER MIDDLE POCKET PAIR?

Si ha una middle pair quando le vostre 2 carte formano una coppia ed esiste solo una carta sul board più alta rispetto alla vostra coppia, a condizione che questa carta non sia un asso.

Se ad esempio avete due Fanti e il flop presenta un otto, un quattro e un re, voi avrete una middle pair, in quanto esiste solo una carta più alta della vostra coppia, ossia il re.

Middle pair

 
Vostra mano:
  Flop:
COSA SI INTENDE PER TOP PAIR?

Si ha una top pair quando una delle vostre carte di partenza forma una coppia con la carta più alta presente sul board.

Se ad esempio avete un asso e un fante, avrete una top pair tutte le volte che la carta più alta sul board è un asso o un fante.

Top pair

 
Vostra mano:
  Flop:
COSA SI INTENDE PER OVERPAIR?

Una overpair è una pocket pair che risulta più alta di tutte le carte presenti sul board.

Se ad esempio avete due assi e il flop contiene tre carte più basse, allora avrete una overpair.

Overpair

 
Vostra mano:
  Flop:
COSA SI INTENDE PER OESD?

Se avete quattro carte in ordine progressivo, ad esempio 4, 5, 6, 7, avete in mano un OESD (open-ended straight draw).

Se avete quattro carte in ordine progressivo, vi basta una sola carta della sequenza all'estremità superiore o inferiore per formare una straight o scala. Questo è l'unico tipo di straight draw da giocare. Non dovreste mai giocare la vostra mano se vi manca una carta al centro della sequenza, ad esempio 4, 5, 7, 8.

Come si verifica spesso nel Texas Hold'em, non importa se si utilizzano entrambe le carte di partenza e le tre carte presenti sul board oppure una delle carte di partenza e quattro carte presenti sul board.

OESD

 
Vostra mano:
  Flop:
COSA SI INTENDE PER FLUSH DRAW?

Si ha un flush draw quando si hanno quattro carte dello stesso seme, i quattro semi sono cuori, quadri, picche e fiori.

Con un'altra carta dello stesso seme formereste un flush.

Flush draw

 
Vostra mano:
  Flop:

Come si gioca la mano?

Se avete rilanciato al preflop

Se avete rilanciato al preflop, giocare la mano al postflop è abbastanza semplice. Il vostro obiettivo è se possibile andare all-in al flop se avete una delle mani riportate in alto così come qualsiasi mano migliore, ad esempio un flush.

Si giocano: middle pair, top pair, overpair, OESD, flush draw e qualsiasi altra mano migliore, come two pair, tris, ecc.

Come si gioca la mano:

  • Se nessuno ha puntato o rilanciato, puntate circa i 2/3 del piatto.
  • Se qualcuno ha puntato o rilanciato prima di voi, andate all-in.
  • Se puntate e qualcuno rilancia dopo di voi, andate all-in.
  • Se una puntata o un rilancio vi dovesse costare più della metà del vostro stack, andate direttamente all-in.
  • Se uno o più avversario fanno solo call dopo la vostra puntata o rilancio al flop, allora andate all-in al turn.

Cosa succede se la mano non è giocabile?

Se non avete una mano giocabile, dovreste di solito semplicemente passarla senza investire altri soldi. Nel caso in cui possiate fare check, potreste vedere la carta al turn gratuitamente e possibilmente migliorare la vostra mano. In tal caso, continuate a giocare come se aveste completato una mano al flop.

Ci sono due eccezioni da fare al flop.

Caso 1: Se all'inizio di un giro di puntate il piatto è il doppio del vostro stack, andate all-in indipendentemente da ciò che fa il vostro avversario o dal tipo di mano che avete.

Caso 2: Se al preflop avete rilanciato e al flop vi trovate solo contro un avversario, puntate circa i 2/3 del piatto, persino nel caso in cui non abbiate completato la mano. In questa situazione, non importa che tipo di mano avete, la vostra bet è un bluff. Tenete presente che dovreste effettuare questa azione solo se vi trovate contro esattamente un avversario e se questi non ha puntato o rilanciato.

Se l'avversario rilancia, passate semplicemente la mano. Se fa call, dovrete rinunciare al vostro bluff, a meno che non miglioriate la vostra mano con la carta al turn. Se al turn completate una mano come una middle pair o una top pair, andate all-in.

Se non avete rilanciato al preflop

Se al preflop non avete rilanciato, dovrete giocare in maniera diversa rispetto al flop. Ciò si verifica di solito quando vi trovate nel big blind e nessuno ha rilanciato al preflop.

In primo luogo, non dovreste giocare nessuna mano che ha ancora bisogno di migliorare. Ciò significa evitate di rincorrere gli OESD o i flush draw.

In secondo luogo, non dovreste più giocare le middle pair bensì soltanto le top pair quando l'altra carta di partenza (ossia il cosiddetto kicker) è un fante o una carta più alta.

Si giocano: top pair (con almeno un fante come kicker), overpair e qualsiasi altra mano migliore come le two pair, i tris, ecc.

Come si gioca la mano:

  • Se nessuno ha puntato, puntate circa i 2/3 del piatto.
  • Se qualcuno ha puntato, andate all-in.
  • Se puntate e qualcuno rilancia dopo di voi, andate all-in.
  • Se una puntata o un rilancio vi costerebbe più della metà del vostro stack, andate all-in.
  • Se uno o più avversari fanno solo call dopo la vostra bet, andate direttamente all-in al turn.

Esempi

ESEMPIO 1
Preflop - NL10 - Blind: 0.05/0.10 - 10 giocatori
Vi trovate in posizione iniziale con
  • Voi rilanciate a €0.40. Vi rimangono €1.60.
  • Il giocatore nel big blind fa call.
Flop - Giocatori attivi: 2 - Piatto: €0.85
  • L'avversario fa check.
  • Voi puntate €0.55.

Al preflop avete rilanciato con un asso e un re e un giocatore ha fatto call. Successivamente, questi vi fa check al flop. Voi non avete completato una coppia o una mano migliore, ma la strategia di gioco dell'avversario è debole. Questi inoltre è anche l'unico avversario rimasto nel piatto, per cui ci sono buone probabilità che questi farà fold dinanzi a una bet da parte vostra.

La vostra bet deve essere sempre pari a circa i 2/3 del piatto, ma allo stesso tempo non deve essere un calcolo preciso. In questo esempio, avete puntato €0.55. Puntare €0.50 o €0.60 non sarebbe stato un errore, la cosa importante è che voi puntiate.

Se l'avversario fa call, dovrete abbandonare la vostra mano, a meno che non riusciate a migliorare al turn o al river senza dovere investire altri soldi.

ESEMPIO 2
Preflop - NL10 - Blind: 0.05/0.10 - 10 giocatori
Vi trovate in posizione iniziale con
  • Rilanciate a €0.40. Vi rimangono €1.60.
  • Il giocatore nel big blind fa call.
Flop - Giocatori attivi: 2 - Piatto: €0.85
  • L'avversario punta €0.20.
  • Voi rilanciate e andate all-in.

Ancora una volta rilanciate con un asso e un re e il giocatore nel big blind fa call. Questa volta punta al flop, ma voi avete una mano forte, ossia una top pair.

La strategia vi indica di andare all-in se un avversario punta prima di voi al flop e voi avete una mano giocabile.

ESEMPIO 3
Preflop - NL10 - Blind: 0.05/0.10 - 10 giocatori
Vi trovate in posizione iniziale con
  • Rilanciate a €0.40. Vi rimangono €1.50.
  • Un giocatore in posizione intermedia fa call.
  • Il giocatore nel big blind fa call.
Flop - Giocatori attivi: 3 - Piatto: €1.25
  • Il giocatore nel big blind fa check.
  • Voi fate check.
  • Il giocatore in posizione intermedia fa check.
Turn - Giocatori attivi: 3 - Piatto: €1.25
  • Il giocatore nel big blind punta €0.40
  • Voi andate all-in.

Si hanno le stesse carte in una situazione simile. Al preflop rilanciate con un asso e un re. Questa volta non centrate il flop e vi trovate contro due avversari. Non ha alcun senso qui bluffare, per cui fate check nella speranza di vedere la carta al turn gratuitamente.

Gli avversari vi fanno vedere la carta al turn gratuitamente e voi completate una top pair. Questo è un segnale per puntare tutti i vostri soldi.

ESEMPIO 4
Preflop - NL10 - Blind: 0.05/0.10 - 10 giocatori
  Siete nel big blind
  • Due giocatori in posizione intermedia fanno call.
  • Voi fate check.
Flop - Giocatori attivi: 3 - Piatto: €0.35
  • Voi fate check.
  • Un avversario punta, l'altro fa fold.
  • Anche voi passate la vostra mano.

Questa è una situazione in cui numerosi giocatori commettono degli errori. Voi vi trovate nel big blind e poiché nessuno ha rilanciato al preflop, avete potuto vedere il flop gratuitamente.

Completate una top pair. La strategia vi impone di giocare la top pair solo se il kicker è un fante o una carta migliore. Il vostro kicker è un 7, che sfortunatamente non è sufficiente. Voi dovreste trattare la vostra mano come se non aveste proprio nulla.

Voi fate check e passate dopo ogni bet. Non dovrebbe essere poi tanto difficile da fare.

ESEMPIO 5
Preflop - NL10 - Blind: 0.05/0.10 - 10 giocatori
Vi trovate in posizione finale
  • Rilanciate a €0.40. Vi rimangono €1.40.
  • Entrambi i giocatori nei blind fanno call.
Flop - Giocatori attivi: 3 - Piatto: €1.20
  • Entrambi i giocatori nei blind fanno check.
  • Voi andate all-in.

In questo esempio avete una middle pair. Al preflop avete rilanciato con delle pocket queen, ma al flop c'è una carta più alta, una overcard, ossia il re. Il problema ora è che qualsiasi top pair riesce a battervi.

Ciò nonostante, potete giocare la mano a condizione che la carta più alta presente sul board non sia un asso.

In questo esempio, non fate solo bet, bensì andate direttamente all-in. Ricordate la regola: se una puntata o un rilancio vi dovesse costare più della metà del vostro stack, andate all-in.

Di norma, la vostra puntata dovrebbe ammontare a circa i 2/3 del piatto. In questo esempio, sarebbero €0.80. Vi rimangono però solo €1.40 (la metà dei quali è €0.70), pertanto una puntata da €0.80 vi costerebbe chiaramente più della metà di ciò che avete, per questo motivo andate all-in.

Riepilogo

Giunti a questo punto, avete appreso che ...

  • Se al preflop avete rilanciato, continuate a giocare con le middle pair, le top pair, le overpair, gli OESD, i flush draw e tutte le altre mani migliori.
  • Se al preflop non avete rilanciato, continuate a giocare con le top pair (se il vostro kicker è un fante o una carta migliore), le overpair e tutte le altre mani migliori. Non si giocano gli OESD o i flush draw.
  • Una middle pair non ha alcun valore se sul board c'è un asso.
  • Voi dovreste bluffare solo se avete rilanciato al preflop e al flop avete un solo avversario.

Questo è tutto ciò che riguarda la strategia shortstack, probabilmente la strategia Hold'em più breve e più efficace che sia stata mai sviluppata. La cosa importante è seguire sempre le regole della strategia. La natura matematica della strategia non consente deviazioni, indipendentemente da quanto giuste possano essere le vostre motivazioni.

Buona fortuna ai tavoli, e non dimenticate di scaricare la versione stampabile della strategia.

Schema riassuntivo della strategia shortstack con lo schema delle mani di partenza

 

Commenti (9)

#1 Thelastjudge, 12.09.10 07:27

Non ho capito quali sono le situazioni in cui non si rilancia pre-flop, dal momento che si entra in gioco solo facendo raise. Praticamente, solo facendo check da big blind?

#2 skaramucha, 30.09.10 12:34

penso proprio di si visto che in tutti gli altri casi devi chiamare e/o rilanciare anche se sei SB

#3 bellavec, 30.09.10 14:44

#1, #2: si, si tratta dei cosiddetti freeplay, cioè le mani da giocare dopo aver fatto check da big blind.

#4 ZJacopo, 16.07.11 17:08

scusate qua dice di andare all-in con un oesd ma va bene anche una double gutshot giusto?

#5 bellavec, 02.08.11 10:39

#4 il doppio gutshot è esattamente uguale ad una oesd, perciò puoi giocarlo nello stesso modo :)

#6 gueco, 11.10.11 23:39

non e un po troppo riskioso andare in all in cn una oesd alla fine sono solo 8 outs ke si hanno.

#7 vitanueva1, 02.01.12 09:28

in realtà credo che i progetti vengano giocati così aggressivamente, poichè, considerata la selezione delle mani di partenza in forza della tabella (cioè sostanzialmente assi forti AK AQ e talvolta, di rado, AJ), quando si ha una OSED o un flush draw, gli outs, non sono mai solo 8 (osed) o 9 (flush draw). Di solito a questi vanno aggiunti i 6 outs per formare una top pair (o almeno una middle -mani, si ricorda, con cui in ogni caso andremmo all in), che in tal modo portano i nostri out a 14 (osed) o 16 (flush draw). Ora avere tale numero di outs al flop, significa che (sempre che la nostra potenziale coppia sia sufficiente a farci vincere il piatto, come di norma accade), matematicamente si ha una percentuale di vincere il piatto superiore al 50%....quindi la giocata (considerato che siamo in cash game e non in sit&go) è ad EV positivo. Cioè ci fa guadagnare.

#8 joseph87, 01.12.12 14:51

non è rischioso andare allin con una middle pair?

#9 Ciufciuf5, 28.06.13 08:48

E poi abbiamo pure una discreta fold equity giocando TAG