Strategie vincenti ti portano a successi a lungo termine nel poker online – Registrati gratis!

Le migliori strategie Con le corrette strategie il poker diventa un gioco facile. I nostri autori ti spiegano come vincere passo dopo passo.

I più intelligenti imparano da e con i professionisti internazionali nei nostri live coaching e sul forum.

Poker bonus gratis PokerStrategy.com è gratuito. Inoltre c'è un poker bonus gratis che ti aspetta.

Sei già un membro di PokerStrategy.com? Fai il log in qui

StrategiaMindset e Psicologia

Stili di gioco dal punto di vista psicologico


Il poker è una lotta con se stessi. Come è stato già detto in precedenza, questo implica prima di tutto una buona autogestione. Da qualsiasi parte volgiamo lo sguardo ci sono insidie e sfide che vi aspettano al varco per mettere alla prova il vostro carattere. Per diventare un giocatore di poker migliore bisogna lavorare seriamente sul proprio carattere. Ogni nostra debolezza non solo implica difficoltà pratiche o contribuisce a creare  spiacevoli situazioni sociali, ma rappresenta anche un buco attraverso il quale scivolano via i nostri soldi. È necessario per questo lavorare molto per ridurre al minimo le nostre debolezze ed esercitare il maggiore controllo possibile sulle nostre azioni.

Solo recentemente ho rivolto molta più attenzione alla linea che intercorre tra l'autogestione e la strategia. Lo stile tight-aggressive è la maggiore espressione del perfetto auto-controllo. Ed è risaputo che questo è anche l'unico stile di gioco davvero lucrativo nel poker.

Se è davvero così, perché non adottano tutti questo stile?

La risposta è semplice: perché non è naturale. Questo stile è un prodotto artificiale, che raramente troviamo in natura. Occorre investire molte energie nell'esercitarsi in questo tipo di comportamento.

Tutti gli altri stili corrispondono ad un certo tipo di carattere:


Loose-passive

Il tipo loose-passive è simpatico. È molto socievole ed estroverso. La sua più grande debolezza è il desiderio di armonia. Vuole piacere ed evitare di essere considerato una persona sgradevole. Per questa ragione, gioca molte mani di partenza (a causa della suo innato slancio verso l'interazione) ma rilancia molto poco. Questa azione (inconscia) mira ad evitare qualsiasi tipo di attacco. Restare in gioco e piacere agli altri è il suo unico obiettivo che, per quanto mi riguarda, non raggiunge spesso. Amo avere dei calling station al mio tavolo.


Loose-aggressive

Il LAG vuole essere sempre al centro dell'attenzione e compie mosse 'egomaniacali'. Usa il gioco come opportunità per mettersi in luce. Ognuno di noi ha incontrato questo tipo di giocatore nella vita reale.


Tight-passive

Il Rock è oltre modo prudente ed ha un gran bisogno di sicurezza e controllo. Non dominerà mai il gioco, perché il controllo e la sicurezza a breve termine non esistono nel poker.

Tutti questi tipi di giocatore corrispondono a tipi di carattere umano. Ma quand'è che entra in gioco il TAG?


Tight-aggressive

Lo stile tight-aggressive è contraddittorio. Da una parte, è necessario trattenersi ma poi comportarsi in modo decisivo ed aggressivo al momento di giocare. Personalmente non vedo nessuna corrispondenza con un tipo di carattere preciso. Naturalmente ci sono persone tra noi tendenzialmente colleriche che restano calme fino a quando non si raggiunge un certo livello, per poi esplodere. In ogni caso, non si tratta di un tight-aggressive, poiché la rabbia collerica è una rabbia cieca. Il TAG è sempre in grado di tirare il freno di emergenza al turn o al river nel momento in cui realizza di essere battuto.

Questi tratti trovano delle analogie in alcuni tipi di carriera o hobby. I bravi poliziotti o soldati sono tight-aggressive. Sono in grado di controllarsi e di colpire senza preavviso quando serve. Quello con un lottatore di kung-fu è sempre il mio paragone preferito. Così come il poliziotto ed il soldato, il maestro di kung-fu diventa bravo attraverso il duro lavoro e l'allenamento tenace. Il lasciarsi andare è alla base degli altri tre stili di poker. Siamo quello che siamo. Al contrario, lo stile tight-aggressive è il prodotto di uno strenuo lavoro. Sebbene abbiate familiarità con i fondamentali teorici, dovete reprimere gli impulsi come l'aggressione o la fuga cieca durante la mano da giocare. Il maestro di kung-fu dovrà passare degli anni nella meditazione al fine di rafforzare il proprio carattere e di ottenere un livello elevato di auto-controllo. Dovrà anche dominare le stesse tecniche di combattimento (queste equivalgono alla strategia nel poker).

Per quanto possa sembrare strano, il TAG acquisisce nel lungo periodo esattamente la sicurezza ed il controllo che il rock cerca di raggiungere nel breve periodo. Egli adotta un gioco statisticamente corretto e quindi riceve introiti continui e a lungo termine. La pratica non è certo facile, ma se passerete per questa difficile scuola, entrerete a far parte dell'élite. Non c'è il rischio di diventare un pesce in estinzione a causa di amici del poker che prendono il gioco sul serio.

Mentre il pesce rappresenta il caso generico, lo squalo costituisce l'eccezione.

 

Commenti (6)

#1 RounderKey, 26.07.09 11:20

io sono uno squalo

#2 CdLate, 23.10.09 12:10

io sono un bomber!

#3 Zuzzuillo, 11.04.10 15:46

wow, grazie a questa scuola sto davvero imparando tantissimo!!!<br /> Su 5 sit, 4 vado ITM e 2 faccio il primo posto...(microlimiti per ora:D) cerco di essere TAG anche se a volte ti arrivano carte in posizioni sfavorevoli che vorresti rilanciare...a malincuore foldo<br /> Cmq so che verrò ripagato a fine torneo :)

#4 KNOCKOUTtecn, 05.06.12 11:24

e' tutto vero!

#5 Ciulak, 03.12.14 16:17

L'elite del poker non è il tight-aggressive... ehehe c'è un livello superiore al tight aggressive.

#6 pgp67, 04.10.15 23:09

Ottimo