Strategie vincenti ti portano a successi a lungo termine nel poker online – Registrati gratis!

Le migliori strategie Con le corrette strategie il poker diventa un gioco facile. I nostri autori ti spiegano come vincere passo dopo passo.

I più intelligenti imparano da e con i professionisti internazionali nei nostri live coaching e sul forum.

Poker bonus gratis PokerStrategy.com è gratuito. Inoltre c'è un poker bonus gratis che ti aspetta.

Sei già un membro di PokerStrategy.com? Fai il log in qui

StrategiaMindset e Psicologia

Errori comuni nell'apprendimento

Introduzione

In questo articolo

  • Gli errori più comuni nell'apprendimento
  • L'importanza del riposo
  • Migliorare il proprio C-game
Amo essere associato a PokerStrategy.com proprio perché l'intera cultura di questo sito è costruita sul concetto di apprendimento. I video, gli articoli, i coaching e i forum sono stati tutti creati per aiutarti a diventare un player migliore.

Grazie a tutte queste risorse disponibili è impossibile non imparare, ma in genere i giocatori di poker non sempre hanno un approccio organizzato quando si tratta dei metodi di studio. In alcuni casi si dimostrano passivi e sperano che seguendo le linee guida di altri giocatori possono arrivare ovunque. In altri casi diventano vittime del loro stesso entusiasmo e si sovraccaricano di lavoro provando a immagazzinare troppe nozioni.

Nel mio nuovo libro, The Mental Game of Poker 2, affronto la questione dell'apprendimento e mostro come sviluppare un approccio allo studio più organizzato e dinamico. Questo è molto importante perché ti aiuta a:

•    Adattarti maggiormente alle modifiche repentine dell'ambiente.
•    Sviluppare una struttura coerente attraverso gli alti e i bassi del poker.
•    Mantenere alto l'interesse e l'entusiasmo nel gioco, quindi prevenire i plateau, la noia e il sovraffaticamento.
•    Forgiare skill trasferibili anche al di fuori del poker.
•    Creare nuovi metodi di analisi e di valutazione che vanno oltre i risultati nel poker.
•    Rinforzare la propria autonomia come giocatore.
•    Rendere possibile raggiungere la comfort zone coerentemente.  

Migliorarsi ogni giorno dovrebbe essere la tua priorità. Se giochi a poker da un po' e hai notato un crollo nell'apprendimento, correggere i seguenti errori nascosti potrebbe essere fondamentale per ripartire o accelerare l'apprendimento.

Studiare troppo

Uno dei più comuni problemi legati all'apprendimento, che vedo tra i giocatori di poker, sorge quando provano a studiare troppe cose alla volta. Usare diverse fonti, libri, articoli, video, forum ecc - è una cosa importante. Ma se provi ad utilizzare tutto il materiale per cercare di apprenderlo di fretta, allora ti sovraccarichi e diminuisce l'abilità di assorbire i concetti. Invece di apprendere stai solo ammassando informazioni nella tua testa. L'errore è credere che ammassare concetti in testa diventi poi facile assorbirli e metterli in pratica. Non è così che funziona il nostro cervello.

Sovraccaricarsi di informazioni è come vivere in una stanza estremamente disordinata (sono sicuro che questo non riguardi nessuno dei lettori). Quando cerchi qualcosa è difficile da trovare. Non è un gran problema se hai tutto il tempo che vuoi, ma cosa accadrebbe se fossi sotto pressione e ci fosse del denaro in gioco? Immagina te stesso in una stanza incredibilmente disordinata e ogni 20 secondi sei chiamato a trovare qualcosa nella stanza. Se la trovi vinci $10, se non ci riesci ne perdi $10. Quanto vinceresti? Quanto tempo ci metteresti prima di stancarti, fare una brutta performance e perdere ancora? Quanto ti sentirai frustrato per le perdite e per esser peggiorato?

Quando studi devi essere consapevole di apprendere l'informazione per renderla di facile disponibilità quando ne hai bisogno. In caso contrario rischi di perderti in una mano senza essere in grado di utilizzare quell'informazione che hai ma non riesci a trovare, critichi il grosso sforzo effettuato per metterla in testa e sei frustrato per non essere al livello che credi di aver raggiunto.

Tutti questi problemi si risolvono con l'organizzazione. Piuttosto che imparare otto cose alla volta, focalizzati su due o tre delle aree più importanti. Considerale il focus principale dei video, degli articoli e delle analisi mani. Discuti di queste mani con i coach e con gli altri giocatori. Scendi nei minimi dettagli in modo che tutte le informazioni siano organizzate per ciascuna delle tre aree. Scoprirai un apprendimento molto più semplice e potrai muoverti nella prossima area migliorando più velocemente. Studia meno, ma meglio. Nel lungo periodo apprenderai di più, perché starai studiando con la giusta efficacia.

Poco riposo

Questo che andrò a spiegare si ricollega al primo problema. La mente umana ha risorse limitate per l'apprendimento, per il pensiero e anche di energia. Studiare troppo potrebbe scaricarti. Proprio come i muscoli necessitano di riposo dopo del duro lavoro, ugualmente funziona la tua mente. Riposarsi ti permette di assorbire le nuove informazioni in modo da poterle utilizzare. Se non ti riposi in maniera adeguata e continui ad ammassare nozioni nella tua mente, ti troverai davanti ai problemi menzionati nella sezione precedente.
 
Il riposo è un problema per i giocatori di poker, specie per i grinders. Questa tipologia di giocatori è convinta che possono giocare e imparare ad un livello molto alto senza prendere pause. Questo modo di giocare è come stampare denaro e loro hanno bisogno che la stampa continui. Il problema di non riposare adeguatamente è che queste informazioni rimarranno nella loro mente cosciente ma non nella memoria a lungo termine.

Consiglio almeno un giorno di pausa a settimana, 5 giorni al mese e 3-5 giorni di fila al trimestre nei quali non si deve pensare al poker. Inoltre è importante prendersi delle piccole pause durante la giornata mentre si gioca. Sicuramente ci saranno delle volte nelle quali potrai andare avanti senza riposarti adeguatamente, ma il tuo livello di apprendimento e la qualità del gioco si abbasseranno costantemente man mano che si va avanti senza riposare.

Molti giocatori hanno paura di perdere il momentum proprio nel giorno di pausa, ma alla fine il momentum rallenterà se si spingerà la propria mente e il proprio gioco al limite. Il tuo obiettivo è quello di giocare coerentemente ad alti livelli. Riposarsi permetterà alla tua mente di recuperare, crescere sana e forte e ritornare fresca e pronta per giocare ad alti livelli. Questo può accadere solo riposandosi adeguatamente, in modo da assorbire ciò che impari sia ai tavoli che fuori.

Ignorare gli errori del C-game

Quando si decide cosa studiare è comprensibile voler lavorare sul proprio A-game. Se vuoi emulare i giocatori di fama mondiale è naturale che tu debba guardare i loro video, leggere i loro libri e cercare di riproporre ciò che fanno per avere successo.

Una delle ragioni per cui i top player hanno così successo non è solo perché il loro A-game è perfetto, ma anche perché è altrettanto curato il loro C-game. Quando la differenza tra il tuo C-game e l'A-game è piccola, non sarà così difficile giocare il tuo A-game. Quando la differenza è enorme, il tuo gioco sarà costellato da alti e bassi. Un giorno sarai al top e il giorno dopo farai errori stupidi. Ci si sente come se stessero giocando due giocatori diversi.

La soluzione a questo problema è semplice. Invece di concentrarsi solamente sull'aggiunta di skill al tuo A-game, focalizzati sull'eliminazione dei leak più grossi del tuo C-game. Non ti libererai mai del tuo C-game, ma se punterai a migliorarlo alla fine diventerà così forte da superare il vecchio A-game. Avrai così un A-game più potente.

Nel tuo gioco, per esempio, le skill nelle street potrebbero essere queste:

•    A-game: Aggressivo al turn e al river
•    B-game: Aggressivo al turn, timoroso al river
•    C-game: Timoroso al turn e al river

Se ti concentri solo a giocare il tuo A-game, potresti provare a giocare sempre aggressivamente su entrambe le street, ma quando sei in tilt o sotto forte pressione cadrai nel tuo C-game timoroso. Se invece ti concentri sull'eliminazione della paura nel tuo C-game, alla fine riuscirai a giocare aggressivamente al turn e poco al river, e il tuo gioco nell'insieme potrebbe sembrare così:

•    A-game: Ultra aggressivo al turn e al river
•    B-game: Aggressivo al turn e al river
•    C-game: Aggressivo al turn, timoroso al river

Come puoi vedere, il tuo vecchio C-game è stato eliminato, il tuo A-game è diventato il B-game e hai un nuovo A-game. In più, ora hai un'idea chiara su dove lavorare nel prossimo livello.

Non riuscire a vedere i progressi

A volte l'apprendimento viene meno non perché lo si sta facendo nel modo errato ma perché non si realizza che lo si sta facendo in maniera corretta. L'instabilità del poker non aiuta in questo caso. Nel breve periodo puoi fare tutto correttamente ma continuare a perdere, quindi i progressi spesso vengono mascherati dai risultati della sessione.

Anche se stessi lavorando sulle piccole value bet, se il risultato della sessione è negativo è facilmente deducibile che si sta apprendendo erratamente. Ad ogni modo, il solo fatto che stia considerando maggiormente le value bet è un segno di progresso. Sicuramente non un grosso segno, ma comunque progresso.

Se hai avuto una sessione orribile e sei tiltato è facile dire che non hai fatto progressi con i tuoi problemi legati al tilt. Sebbene tu abbia fatto progressi se ci metti più tempo ad andare in tilt o se non tilti spesso e perdi meno di quanto perdevi normalmente. Potrebbe sembrare che non ci sia progresso visto che il tilt rimane. Cercando di risolvere questioni legate al mental game come il tilt, ci sono sempre molti step; a volte si va avanti a volte si indietreggia. Fai sempre in modo che un passo indietro ti lasci comunque in una posizione migliore rispetto a quella precedente.

La ragione per cui riconoscere i progressi, tatticamente o mentalmente, è così importante è perché spesso i giocatori si scoraggiano e smettono di utilizzare strategie che funzionavano. Piuttosto strano, vero? Tanti sforzi ma non si riescono a scorgere progressi, quindi si abbandona. Se effettivamente non ci sono progressi, bisogna capirlo in modo da poter fare qualcosa di differente, perché sicuramente ciò che si sta facendo non funziona. Ecco perché hai bisogno di sapere che ciò che stai facendo è corretto, in modo da poterlo continuare a fare.

Il modo più semplice per riconoscere i progressi è stabilire dall'inizio le variabili che ti aiuteranno a riconoscerli e come capire quando si è raggiunto un obiettivo. Quando si imposta un obiettivo di apprendimento, pensa a cosa significa averlo raggiunto e cerca di definirlo chiaramente. Per esempio, se stai lavorando sulla 4-bet, allora un modo per capire se si sta andando nella direzione giusta potrebbe essere riconoscere come comportarsi quando ci si trova davanti ad una situazione tipo o leggere un grafico positivo rispetto ad un grande campione filtrando le mani 4-bettate oppure la valutazione di un coach.

Prima di iniziare, stabilisci le variabili che indicano il progresso, così da non lasciare per strada una strategia vincente o evitare di continuare ad utilizzarne una perdente.

Apprendimento fuori livello

Se insegnassi ad un principiante di certo non cominceresti parlando di odds o di G-bucks (Galfond dollars), gli insegneresti i fondamentali della selezione delle mani e forse il concetto di posizione. Questo potrebbe sembrare ovvio, ma molti giocatori di poker fanno spesso questo errore con il proprio apprendimento.
Se sei un giocatore di $0.50/$1, guardare un video dove si gioca al $25/$50 potrebbe essere di aiuto, ma mai utile come un video $0.50/$1 o $1/$2 prodotto da un coach capace. Esiste un gap didattico molto grande tra il $0.50/$1 e il $25/$50 del quale non si è a conoscenza, quindi le ipotesi che potrebbero nascere sono nulle. Adesso non sei bravo abbastanza e un consiglio utile al $25/$50 potrebbe risultare un errore al tuo livello di gioco.

Se ti concentri troppo sul materiale fuori dalla tua portata, potresti abbatterti ingiustamente per aver fatto errori che diversamente non avresti commesso. Inoltre sarai schiavo della ‘sindrome del gioco fancy’ dove dai troppo credito al tuo avversario e provi a controbattere con giocate di alto livello, quando sarebbe sufficiente un concreto approccio basilare.

Non dico di non provare a leggere materiale didattico per livelli alti, perché questo è sicuramente un ottimo modo per apprendere da persone che sono arrivate dove tu vuoi arrivare. Ad ogni modo, spero che tu ora abbia realizzato che costruire il proprio gioco coerentemente è più realistico che saltellare qua e là verso il successo.

JaredTendler è il coach mental game di oltre 250 giocatori di poker professionisti e autore di The Mental Game of Poker (che ha scritto assieme all'editore di PokerStrategy.com BarryCarter). Il loro nuovo libro, Mental Game of Poker 2, parla principalmente dell'apprendimento e del gioco nella comfort zone. Lo puoi trovare su Amazon o ordinarlo con il 10% di sconto qui, utilizzando il promo code PokerStrategy.
 

Commenti (5)

#1 ConteCaly, 11.11.13 14:16

Le case si costruiscono dalle fondamenta... grazie :)

#2 dado2005, 01.12.13 08:27

bell articolo,bravi.

#3 gianni1955, 31.12.14 17:49

Ottimo articolo,assolutamente da leggersi e riconoscersi

#4 qtber, 25.03.16 17:07

Purtroppo nel poker la fortuna conta molto, quindi può risultare difficile vedere dei miglioramenti dovuti allo studio nell'arco di breve tempo. Articolo ben scritto e abbastanza interessante.

#5 omar2nd, 08.06.16 19:41

Spero di vedere The Mental Game vol II scritto in italiano al più presto! ;)