Strategie vincenti ti portano a successi a lungo termine nel poker online – Registrati gratis!

Le migliori strategie Con le corrette strategie il poker diventa un gioco facile. I nostri autori ti spiegano come vincere passo dopo passo.

I più intelligenti imparano da e con i professionisti internazionali nei nostri live coaching e sul forum.

Poker bonus gratis PokerStrategy.com è gratuito. Inoltre c'è un poker bonus gratis che ti aspetta.

Sei già un membro di PokerStrategy.com? Fai il log in qui

StrategiaPot Limit Omaha

Strategia per il PLO Hi/Lo - Parte 3

Introduzione

In questo articolo
  • Come massimizzare le vincite e minimizzare le perdite al flop
  • Perché il flop è un "nuovo inizio" per la tua mano
  • Quali opzioni hai per continuare a giocarla

Nella seconda parte abbiamo stabilito dei criteri generali per il nostro "starting range", in altre parole con quali carte dobbiamo vedere il flop nel PLO8. Ora, al flop, dobbiamo cercare di massimizzare il nostro valore, sia prendendoci la nostra equity che studiando come manipolare gli avversari per massimizzare le vincite e minimizzare le perdite.

Studieremo le varie equity, la differenza fra le varie posizioni, quando giocare in  modo aggressivo e quando in modo difensivo, quando inseguire i progetti e quando lasciarli perdere, come "squeezare" e come il numero di avversari influisce sulla nostra scelta di continuare o meno dopo il flop.

Il flop, nei giochi Omaha, generalmente ha una dinamica diversa da quella del Hold'em. Chi ha aggredito preflop in Omaha non ottiene lo stesso rispetto per quanto riguarda le continuation bet - per questo dobbiamo pensare al flop come a un nuovo inizio per la nostra mano. Qualsiasi equity avessimo avuto preflop, al flop le cose possono cambiare drasticamente, fino al punto che una mano che preflop era una corazzata sul flop può diventare del tutto inutile. A234 double suited può essere un check/fold su flop KJQ, dato che, come dicevamo, gli avversari raramente rispettano i rilanci preflop come nel Texs Hold'em.

Ma questo non significa che dobbiamo dimenticarci dell'azione preflop, si tratta anzi di informazioni molto importanti che influenzano le nostre azioni - per esempio, se con una mano forte decidiamo di uscire puntando o di andare in check/raise. Prima, però, dobbiamo imparare a capire se la nostra mano è o no abbastanza forte per continuare.


AAxx Post flop

Generalmente le mani più facili, nel PLO8, da giocare postflop. Il modo di giocare AAxx dipende da una serie di fattori che esamineremo qua sotto.

Il tuo range percepito


Più mani rilanci preflop, più azione ti daranno gli avversari postflop quando hai AAxx. Quando il tuo range può comprendere progetti bassi, wrap, coppie alte, eccetera, è più facile che gli avversari ti diano azione quando hanno centrato un pezzo del flop, dato che ritengono di avere fold equity.

Il tuo progetto di punto low

Quando hai AA, hai due blocker per il punto low nut , riducendo la possibilità che ci sia in giro un A2, quindi puoi trattare il tuo AA con un 3 come se fosse una monster per il punto low. Con A4 ci batte, per il punto low, 23, e si tratta di un punto realistico dato che noi abbiamo due assi. Diamo un'occhiata ad alcune tipiche equity per gli assi al flop.

Analisi dell'Equity 
Board
QsJd6d
 Hand Scoop
Hi Win  Hi Loss
Lo Win
Lo Loss
EV
As4sAc7d 395 461
359
33
120
0,537
3s5cAd3d 334 359
461
135
22
0,463

Qua abbiamo i nostri assi contro un un progetto di colore nut con un progetto backdoor per un punto low migliore. Siamo quasi in coinflip su questo flop, ed un avversario con un progetto di colore nut andrà di certo ai resti come farebbe con un set. È difficile che un progetto di colore nut sia dominato, e possono mettere molta pressione agli assi, a volte costringendoli a foldare perché temono di trovarsi contro un set. Per confrontare quanto male si è messi contro un set, ecco l'equity in quel caso.

Analisi dell'Equity
Board
QsJd6d
 Hand Scoop
Hi Win  Hi Loss
Lo Win
Lo Loss
EV
As4sAc7d 127
127
693
224
0
0,248
QcJcQdTh 541
693
127
0
0
0,752

Contro una tipica mano con un set, non abbiamo le odds per inseguire il nostro progetto di punto low. In un caso del genere, però, potremmo trovarci a chiamare lo stesso dato che i nostri avversari saranno similmente aggressivi anche con progetti di colore e altre mani analoghe contro le quali, invece, abbiamo buona equity. Basta cambiare la mano dell'avversario da set a doppia coppia per far vedere quanto cambia l'equity contro mani che potremmo supporre siano messe benissimo contro di noi.

Analisi dell'Equity
Board
QsJd6d
 Hand Scoop
Hi Win  Hi Loss
Lo Win
Lo Loss
EV
As4sAc7d 191
191
629
224
0
0,345
QcJcKdTh 445
629
191
0
0
0,655


Quindi, dato che sui tipici flop brutti è difficile essere dominati con gli assi, in generale se siamo heads up dobbiamo essere disposti a giocarci lo stack. Molte volte punteremo e l'avversario folderà, poche volte avrà settato e noi avremo lo stesso un 25% di equity, o più, con il nostro progetto di punto low. Dove invece dobbiamo pensare seriamente a lla possibilità di foldare è nei piatti multiway. Contro due avversari, uno con doppia coppia ed uno con un progetto di colore, siamo in grossi guai.

Analisi dell'Equity
Board
QsJd6d
 Hand Scoop
Hi Win  Hi Loss
Lo Win
Lo Loss
EV
As4sAc7d 94
105
561
33
120
0,171
QcJcKdTh 275
334
332
0
0
0,457
3s5cAd3d 202
227
439
135
22
0,372

Quello che ci serve, quindi, per continuare sempre e con tranquillità dopo il flop con i nostri assi, è uno dei seguenti punti:

  • Un set senza punto low:

Questa è ovvia - un top set è un buon risultato per una coppia d'assi. Gioca la mano in modo aggressivo e veloce perché a volte gli avversari vi metteranno su una mano del tipo di A2 e si giocheranno lo stack con coppia + progetto di punto low.

  • Un buon progetto di punto low o un punto low:

Significa almeno due carte basse quando abbiamo un progetto ragionevole per il punto low, come minimo il quarto nut low, come A5 su flop 27K, o A4 su K75.

  • Colore o progetto di colore

Gli assi con un progetto di colore devono venire trattati come una mano forte, a meno che al flop non ci siano solo carte basse e noi non ne abbiamo nessuna. Giocala in modo aggressivo indipendentemente dal numero di avversari e gioisci del risultato, che centri il colore o no.

  • Progetto di scala:

Con AAQJ si deve essere ugualmente disposti a puntare, su flop KT4. Abbiamo infatti undici out per il nut e forse anche un progetto di colore backdoor. Dato che gli avversari generalmente hanno carte basse piuttosto che alte, si giocheranno spesso lo stack con mani come AK43, che a prima vista possono dare l'impressione di averci nel sacco - doppia coppia e backdoor low - ma che in realtà sono leggermente sotto, per 46/54.

Analisi dell'Equity
Board
Ks4cTd
 Hand Scoop
Hi Win  Hi Loss
Hi Tie
Lo Win
EV
As3c4dKh 373
373
438
9
160
0,46
QsAcJdAh 438
438
373
9
0
0,54
  • Board accoppiati:

Se rilanciamo preflop e facciamo uscire un po' di gente dal piatto, tipicamente ci troviamo contro avversari che hanno mani in qualche modo coordinate. Carte come 7, 8, 9, capitano più di rado, quindi se il board è K77 possiamo supporre che AAxx sia ben messa una buona percentuale delle volte. Analogamente, se il flop è 885 gli altri chiameranno le puntate anche con un semplice progetto low, quindi possiamo puntare con AAxx e non preoccuparci, a questo punto, di essere dominati da un 8.

  • Board con colori o scale:

C'è una semplice regola per quanto riguarda questi board, ed è "fit or fold". Su board con scale o colori generalmente è difficile far foldare gli avversari quando si ha rilanciato preflop, quindi si deve puntare unicamente per valore, lasciando i bluff per poche specifiche situazioni in cui si hanno particolari letture sugli avversari.
Pensa anche all'aspetto che il board potrà avere assunto al river, e se a quel punto la tua mano sarà abbastanza forte per puntare o chiamare. Se pensi che al river folderai troppo, allora non dovresti rimanere in gioco dopo il flop. Cerca di capire se la tua mano sta giocando per tutto il piatto o solo per metà, e prendi in considerazione l'ipotesi di foldare se vincere metà piatto è il meglio a cui puoi aspirare al flop.

Suited Babies

Il suited baby è l'epitome del fit or fold, ma dato che bisogna sempre tenersi qualche maniera per guadagnare soldi al flop, a volte dovrai cercare di far foldare tutti aggredendoli, altre volte potrai tenere il piatto multiway per intrappolare un avversario con un low peggiore.

Monster Babies

Hai A234 ed il flop è 844. In spot del genere devi puntare, per valore, poco. Generalmente un terzo del piatto. Fai in modo che gli altri rimangano interessati e spera che qualcuno centri un punto low o cerchi di bluffarti contro perché le tue puntate danno un'impressione di debolezza. Dato che anche tu avrai un low dividerai con lui la metà low, e puoi puntare grosso sulle street successive sapendo che non folderà. Se qualcuno risponde alla vostra aggressione, non foldare mai.

Babies a colore

Complimenti, hai floppato il colore nut! Quando capita, ci troviamo in una strana situazione. Per prima cosa vogliamo far pagare gli avversari con un set o una doppia coppia, ma vogliamo anche che chi ha un eventuale progetto di punto low si metta ad inseguirlo se anche noi abbiamo lo stesso progetto.

Le puntate di metà piatto funzionano bene in questo caso. Chi insegue un progetto low riterrà di avere odds sufficenti per cercare di vincere metà piatto (a volte rilancerà, credendo che tu sia debole!), mentre allo stesso tempo stai facendo pagare ad un set la possibilità di centrare un full (il fatto che un set possa diventare un full e vincere, comunque, solo metà piatto, significa che lo stai facendo pagare il giusto). Generalmente, però, queste puntate diventano value bet - punti poco al flop, di più al turn, e tutto il piatto al river.

Chaser basso

Generalmente un fold, ma dipende dalla dimensione del piatto. Un chaser basso è una mano in cui hai un'equity minima per la metà high del piatto, come A239 su flop K86. Quando qualcuno punta il piatto possiamo supporre che ci prenderemmo solo una parte del piatto low se dovesse uscire una carta low.
È importante, quando si giocano suited babies, capire quanta equity si ha al flop. Se non hai nessunissima possibilità di vincere la metà high (per esempio una scala bucata, o due progetti di colore backdoor), non devi automaticamente inseguire l'altra metà se il piatto è molto piccolo.

Potresti, senza saperlo, venire "quarterato" (cioè vincere solo metà della metà low) da unavversario che cerca di farti rimanere nella mano. Come regola generale, se ti è rimasta meno di una puntata delle dimensioni del piatto va bene chiamare con un progetto di punto low nut (hai le odds giuste, o al peggio si tratta di un errore minimo). Se però il piatto è più piccolo è meglio lasciar perdere. Come sempre se con il tuo progetto di nut low hai protection la tua equity aumenta molto.
Ecco un esempio, in cui abbiamo un progetto di punto low contro un full floppato.

Analisi dell'Equity
Board
4s4c8d
 Hand Scoop
Hi Win  Hi Loss
Lo Win
Lo Loss
EV
As2s3cKd 1
1
819
630
0
0,385
8sJdJh8h 190
819
1
0
0
0,615

Con il nostro progetto low con protection centriamo il punto il 38,5% delle volte, più del 33% di equity che ci serve per chiamare una puntata delle dimensioni del piatto (supponendo che ci metta all in). Di base però deve essere un 5% più alta, dato che a volte l'avversario girerà mani come A24Q contro le quali siamo messi molto peggio.

Analisi dell'Equity
Board
4s4c8d
 Hand Scoop
Hi Win  Hi Loss
Lo Win
Lo Loss
EV
As2sQcKd 1
1
819
520
0
0,318
8sJdJh8h 300
819
1
0
0
0,682

Cambiare il 3, nella nostra mano, con una donna, distrugge le odds per inseguire il progetto. Le nostre possibilità di centrare il punto scendono al 32%, quindi se l'altro punta l'intero piatto diventa un chiaro fold se non abbiamo un buon modo di vincere la metà high. Questo esempio mostra l'importanza della terza carta bassa quando si insegue un punto low, dato che dà cinque out in più per metà del piatto.

Coppia coperta + mani basse

La mano da "piano B" generalmente ha bisogno esattamente di quello per continuare dopo il flop: un piano B. Tutto dipende dalla forza della coppia alta e del progetto basso. Le overpair sono un buon punto d'inizio, quindi AKK3 può rimanere in gioco su un flop Q86, dato che è dominata in entrambe le direzioni solo da un'unica combinazione di quattro carte, come AQ62. Se però abbiamo AJJ3 dobbiamo stare un po' più tranquilli, dato che ora bastano tre carte per dominarci, come AQ2x.

Ovviamente, come abbiamo accennato prima, a volte gli avversari si giocheranno lo stack al flop senza niente altro che un progetto di punto low o con una mano high senza progetto low, quindi in situazioni del genere serve molta capacità di analisi sul range dell'avversario, specialmente su quello che loro considerano buono per un all in.

Le mani da Piano B sono molto più facili da foldare nei piatti multiway - per fare altrimenti bisogna avere centrato il nut o per lo meno una possibilità di vincere entrambe le metà. Un esempio è A299 su 987. Qua centreremo full o più il 33% delle volte (e supporremo che sia abbastanza per vincere la metà high). Se non dovesse succedere è probabile che ci prendiamo il low (centriamo il low il 54% delle volte). Per non centrare né il high né il low dobbiamo vedere o un A2TJQK al turn senza che accoppi al river, cosa che succede il 18,5% delle volte.
Ed anche quando non miglioriamo possiamo sempre vincere con il nostro top set - non è automatico che qualcuno abbia una scala. E le volte in cui siamo buoni sono la definitiva conferma del fatto che su questo flop non possiamo fare altro che mandare i resti, perché abbiasmo semplicemente troppa equity.

Non inseguire il low!

Cambiare solo una carta al board dà alla mano tutto un altro aspetto. Invece di 987 abbiamo T98 con una mano simile, A288.

Ora dobbiamo prendere in considerazione l'esistenza di mani come QJxx con cui siamo quasi in coin flip, o TT/99 che ci dominano del tutto. In una situazione in cui siamo contro un set più alto la nostra equity consiste quasi solamente nel centrare carte basse runner/runner per il punto low o qualche progetto backdoor di colore o scala. Ci serve una delle venti carte low al turn seguita da una di sedici al river per centrare un punto low. Il runner/runner per il low esce il 14% delle volte, e dato che si tratta di metà piatto ci dà al massimo il 7% di equity (supponendo che il nostro avversario non abbia anche un A2 o qualche tipo di blocker).

Si vede quindi che chiamare nella speranza di centrare un punto low runner/runner è estremanente sconveniente, dato che tale possibilità non aggiunge molta equity alla nostra mano. Uno degli aspetti dei giochi pot limit è che un piccolo errore monetario su una street si trasforma in uno più grosso in quella successiva. Dobbiamo sempre considerare la nostra equity contro il range completo delle mani che può avere il nostro avversario.

Analisi dell'Equity
Board
9s8cTd
 Hand Scoop
Hi Win  Hi Loss
Lo Win
Lo Loss
EV
2sAc8d8h 302
302
518
160
0
0,466
AsJcQdKh 358
518
302
0
0
0,534
Analisi dell'Equity
Board
9s8cTd
 Hand Scoop
Hi Win  Hi Loss
Lo Win
Lo Loss
EV
2sAc8d8h 39
39
781
160
0
0,145
AsTcQdTh 621
781
39
0
0
0,855

Sono entrambi i migliori scenari possibili, in cui il nostro avversario non ha nessun progetto low né alcun blocker per i nostri progetti.

Quando aggiungiamo i progetti di colore possiamo adattare di conseguenza le nostre equity. Un progetto di colore backdoor trasforma un 53/47 in un 51/49 - un salto del 4% a nostro favore. Un progetto di colore floppato ed un set trasforma il notro punto in quello dominante, ora al 65/35 contro una scala nut, un salto dl 36% a nostro favore. Se anche il nostro avversario ha un progetto di colore la nostra equity cambia solo se se è dello stesso seme e più alto del nostro. Questo dimostra l'importanza di selezionare bene le mani preflop, per cercare di evitare di essere dominati con mani come coppie medio/basse o colori medio/bassi, ad esempio 6h5h5s3s e 8s8d3d3c.

Mani High Only

Per le mani High Only vale lo stesso concetto che per i Suited Baby, ma ribaltato. Ora, logicamente, cerchiamo mani carte alte e speriamo di vincere tutto il piatto senza doverlo dividere con una mano low. Questo tipo di mani generalmente devono venire giocate in modo rapido e aggressivo, per far pagare il massimo possibile a tutti i progetti di punto low, dato che se dovesse uscire una carta low potremmo venire freerollati o foldare la mano high migliore contro la pressione di una low su un board pericoloso.

Prendiamo ad esempio una mano come AhKsQd9h, ha potenziale per un progetto di colore nut ed un buon kicker se dovesse centrare una coppia. L'aspetto poù difficile è che le volte in cui centra un progetto di colore è molto complesso giocarlo nel PLO8, dato che spesso alcuni degli out per i colore varrann solo per metà piatto, e non per lo scoop.

Quindi con il nostro AhKsQd9h ci vediamo il flop, Jh6h3s.

Heads up non è un buon flop, ma prende valore man mano che aumentano gli avversari.

Intanto non abbiamo nessuna coppia, quind qualsiasi quattro carte a caso con un progetto di punto low saranno favorite contro di noi. Al turn solo tre carte ci danno il nut, e cioè KhQhTh. Non pensiamo che un cuori basso ci dia il nut, perché a quel punto potremmo venire freerollati da qualsiasi mano low con una doppia coppia o un set.

Poi, quando centriamo, sulla maggior parte dei board sarà possibile un punto  low, quindi in una situazione del genere abbiamo bisogno di più avversari con lo stesso low o di uno intrappolato in mezzo con un colore più basso ed una mano low contro cui possano vincere sia la miglior mano high che la migliore low. Quindi, se esce una carta low ed un giocatore esce puntando con il suo punto low, se sei l'ultimo a parlare puoi rilanciare, ma se sei il primo dopo che l'altro ha puntato a volte guadagni di più a chiamare con il nut sperando che qualcuno rilanci dopo di te o che per lo meno chiami invece di foldare contro il tuo rilancio.

Quindi, diversamente dal caso dei Suited Baby, dove abbiamo un progetto in due direzioni e possiamo quindi giocare in modo aggressivo, qua la mano suited high only la dobbiamo giocare passivamente su un board con un progetto low ed uno di colore se non abbiamo showdown equity. Ritornando ad un argomento chiave della seconda parte, il nostro obbiettivo è vincere soldi, non piatti. Vincere metà di un piatto grande quando ci abbiamo messo metà dei soldi è peggio che vincere metà di uno piccolo quando ci abbiamo messo un terzo dei soldi.

Conclusione

Logicamente tutto quello che ho detto in questo articolo deve venire trattato come strategia generale, che ovviamene va adattata alle specifiche condizioni di gioco, e questo lo si impara solo con l'esperienza. Non c'è nessun "sempre" né nessun "mai" quando si tratta di consigli strategici, e possono capitare situazioni in cui una linea non convenzionale  è la più profittevole, e spetta a te, il giocatore, usare la logica e la ragione per dedurre il modo migliore per fare soldi dai tuoi avversari.