Strategie vincenti ti portano a successi a lungo termine nel poker online – Registrati gratis!

Le migliori strategie Con le corrette strategie il poker diventa un gioco facile. I nostri autori ti spiegano come vincere passo dopo passo.

I più intelligenti imparano da e con i professionisti internazionali nei nostri live coaching e sul forum.

Poker bonus gratis PokerStrategy.com è gratuito. Inoltre c'è un poker bonus gratis che ti aspetta.

Sei già un membro di PokerStrategy.com? Fai il log in qui

StrategiaFixed Limit (FL)

Post-flop: Le strutture al flop

Introduzione

In questo articolo

  • La struttura del flop
  • Come si combinano le carte del board
  • Quanti mani possono essersi formate sul board

 

 

Struttura

Per struttura si intende appunto la struttura interna e la combinazione delle carte comuni, valutando ad esempio quanti draw ammettono.

 

Il flop rappresenta un momento cruciale nel Hold'em. In relazione alle tre carte al flop il valore di una mano può cambiare drasticamente. Se non si legano al flop, delle mani di partenza premium perdono tutto il loro valore in multiway pot, mentre delle mani mediocri al pre-flop possono diventare dei monster con il flop giusto.

Una capacità importante per qualsiasi giocatore di poker è quella di comprendere velocemente come il flop si abbina con la propria mano, e con quella dei propri avversari. La struttura del flop assume fondamentale importanza in questo processo analitico.

Ci sono tre grandi categorie in base alle quali viene classificata la struttura delle carte comuni:

  • Suitedness
    Quante carte comuni dello stesso seme (suited) mostra il board? Sono possibili flushdraw o flush conclusi?
  • Connectedness
    Quante carte collegate o in successione mostra il board? Sono possibili straightdraw o scale completate?
  • Forza High Card
    Quante carte alte, figure e assi mostra il board? Le carte alte vengono giocate volentieri. Più sono alte le carti comuni e maggiori possibilità ci sono che qualcuno abbia formato qualcosa.
Prima di tutto dovreste classificare il flop secondo la suitedness e connectedness. Altresì importante è la consistenza delle carte al flop e se c'è una coppia al board.

 

DOWNLOADS

Le charts per il gioco prima del flop

Overview della matematica nel poker - Odds e Outs

Video: Bankroll management: come gestire il tuo denaro
.
Video anschauen

Puoi anche trovare il contenuto di questo articolo in video, con un semplice click sull'immagine.

Puoi leggere l'articolo per assicurarti di aver capito realmente il contenuto del video. Il tuo bankroll te ne sarà grato!

Suitedness

Una prima valutazione della struttura del flop si ha determinando quante carte dello stesso seme presenta il flop, e quanto sono alte queste carte. Sono possibili flushdraw o un flush terminato?

In questa ottica ci sono tre opzioni possibili relative al flop; abbiamo:

  • Rainbow-Flop - tutte e tre le carte del flop di diverso colore.
  • 2-suited Flop - due carte del flop dello stesso colore.
  • 3-suited Flop - tutte e tre le carte flop dello stesso colore.


RAINBOW-FLOP

Tre carte di colore diverso appaiono nel 40 % dei casi al flop. Questi flop vengono definiti come rainbow. In questi casi non sono possibili flushdraw (se non backdoor draw, i quali necessitano di una carta di colore al turn ed una al river e che si concretizzano soltanto nel 4 % dei casi). Due forme di tipici rainbow flop sono rainbow con una carta alta e rainbow con solo rag. Naturalmente i rainbow flop sono possibili anche con diverse carte alte oppure con una coppia sul board.

I giocatori con dei draw relativamente deboli come overcard, bottom o middle pair, nonché gutshot straight draw hanno migliori possibilità di formare la mano vincente, a causa della mancanza di flushdraw, e possono effettuare un call al flop se vengono offerti pot odds a sufficienza per il loro draw.

RAINBOW CON UNA HIGH CARD

One high card significa che il flop mostra 3 carte di diverso colore e una carta alta.

Top pair è frequentemente una mano forte con questi flop, poiché la probabilità di essere superati da draw è molto ridotta. Se al flop sono in gioco soltanto pochi avversari, allora anche middle o bottom pair potrebbero essere la mano più forte. Nel caso di un piatto esiguo esiste anche la possibilità di effettuare uno slowplay. Tuttavia, se il piatto è già cospicuo oppure i vostri avversari sono calling-station, non si deve effettuare uno slowplay.
Dal momento che il rainbow flop non aiuta spesso la mano degli avversari, si ha spesso la possibilità di bluffare con successo contro pochi avversari.

Un esempio tipico
accade quando si è nel big blind ed il flop è K75 rainbow. Gli avversari nella mano sono solamente un limper e lo small blind, che ha soltanto completato il big blind. Se lo small blind fa check al flop esiste spesso una buona possibilità di effettuare un semibluff con una coppia bassa oppure un bluff vero e proprio. Considerando la quantità nel piatto di 3 small bet, un'azione del genere ha successo in un caso su 4 ed il flop non aiuta altrettanto gli avversari.
RAINBOW CON SOLO RAG

Esempi per un flop di questo tipo sono 653 oppure 962. Questo tipo di flop non aiuta la maggior parte di giocatori che ha investito volontariamente soldi nel piatto, poiché si preferiscono normalmente carte alte. Tuttavia, un limper potrebbe aver formato un set e giocatori molto loose potrebbero aver formato un altro tipo di combinazione forte.


Una mano molto forte naturalmente si avrebbe con un set, oppure se dalla posizione dei blind si forma una doppia coppia strana. Con una doppia coppia si dovrebbe sempre puntare oppure effettuare un check-raise. Per uno slowplay queste mani sono troppo deboli. Anche se si forma un set si dovrebbe puntare e rilanciare la maggior parte delle volte, per ricavare value dalla propria mano.

Se nessuna di queste mani particolarmente forti è in gioco, un'overpair è spesso la mano migliore. Le overpair sono delle mani forti, ma vulnerabili, al flop e devono essere protette a tutti i costi con delle puntate e dei rilanci. Con il tipo di flop con solo rag esistono meno possibilità per un bluff che abbia successo, poiché molti avversari vedono la puntata con 2 overcard. Manca la possibilità di sfruttare una carta di valore elevato sul board come scarecard.

Spesso al flop si ha una debole doppia coppia, se si ottiene un free play dalla posizione dei blind in un unraised pot. Un esempio sarebbe T6 con un rainbow flop del tipo 652. Contro uno oppure due avversari si dovrebbe puntare assolutamente, poiché la probabilità di avere la mano migliore è alta. In multiway pot un check è preferibile in un primo momento. A seconda di come si evolve la mano, si decide per un check-raise oppure un check-fold. Se ad esempio tutti fanno check fino al button e questi è un giocatore aggressivo e punta, si dovrebbe effettuare un check-raise, per far passare gli altri avversari. Se invece un giocatore in posizione iniziale punta ed un altro rilancia, presumibilmente non si ha la mano migliore e si può passare.
 
2-SUITED FLOP

In poco più della metà dei casi (55%) il flop è 2-suited, ovvero al flop vi sono due carte dello stesso seme ed una terza di seme diverso. Pertanto sono possibili progetti di colore per quei giocatori che avevano due carte di colore al pre-flop. Se avete voi un progetto di colore, la mano generalmente va giocata fino al river.


Flushdraw sono mani forti, poiché nel 35 % dei casi si concretizzano fino al river, ed un colore si trova nelle prime posizioni nel hand ranking. Il flush draw viene un po' svalutato se al board vi è una coppia, poiché gli avversari che hanno pescato qualcosa al flop hanno per lo meno una doppia coppia. Pertanto esiste il pericolo che fino al river un colore possa essere battuto da un full house. Ciononostante anche in questo caso un flushdraw dovrebbe essere giocato, anche se in misura meno aggressiva.

Le made hand, sopratutto top pair, sono meno forti con un 2-suited flop rispetto ad un rainbow board, dal momento che esiste sempre la possibilità di essere superati fino al river da un giocatore con un progetto di colore. Tuttavia, una top pair è spesso in vantaggio al flop e dovrebbe essere protetta con delle puntate e dei rilanci (approfondimenti sulla protection si trovano nell'articolo di Onkel Hotte). Anche se un avversario non passerà un progetto di colore è molto importante farlo pagare, fino a quando abbiamo la mano migliore.

A causa del possibile flush draw, i draw più deboli sono giocabili soltanto con pot odds molto più vantaggiosi rispetto a quelli necessari per i rainbow board. Non solo le possibili carte di colore non sono degli outs puliti per le overcard, le middle e bottom pair o per i gutshot straight draw, ma esiste anche un grado più elevato di rischio di completare la propria mano al turn, per poi perdere a causa di un redraw al river. Per tale motivo si dovrebbe passare un draw più debole. Soltanto con dei pot odds molto vantaggiosi si può continuare a giocare.

Un giocatore con un Asso oppure un Re dello stesso colore del 2-suited board ha un backdoor flush draw che si concretizza fino al river nel 4% dei casi circa. Un backdoor flush draw non è di per sé un motivo sufficiente per continuare a giocare una mano dopo il flop. Tuttavia, può dare della forza aggiuntiva a delle mani marginali.
 
3-SUITED FLOP

Circa il 5% dei flop è 3-suited, ovvero vi sono tre carte dello stesso seme. In questi casi è possibile un colore completato già al flop.



Se si ha la fortuna di completare un colore al flop, bisogna puntare e rilanciare con tutti i colori (tranne con il nut flush), per proteggere contro il nut flush draw. Se al flop si ha il nut flush si ha una mano molto forte e si dovrebbe cercare di trarre il massimo valore possibile da questa mano. Anche in questo caso è spesso corretto giocare in modo deciso al flop, poiché una quarta carta di colore al turn spesso spegne l'azione. Inoltre esiste l'esigua possibilità che un avversario abbia formato un colore più piccolo oppure un set e si possono vincere molte puntate da parte sua, prima che si renda conto di non avere la mano migliore. Se però si crede che gli avversari abbiano delle mani deboli, allora è a volte esatto attuare uno slowplay con il nut flush.

Se si ha una delle due carte di colore più alte possibili insieme ad una carta di un altro colore, si gioca la mano fino al river, in genere. A volte ne scaturiscono possibilità vantaggiose per dei semi-bluff. Tuttavia, i flushdraw più piccoli dovrebbero essere scartati nei multiway pot. Il rischio di completare la sua mano e di non vincere il piatto è troppo elevato (si è drawing dead).

Se nessuno ha un colore, un giocatore con una scala oppure un set è molto spesso in vantaggio, naturalmente. Anche top pair è ancora giocabile nel caso di un 3-suited flop. Tuttavia, si dovrebbe giocare in modo piuttosto conservativo con una top pair. Delle mani più deboli come middle oppure bottom pair e progetti di scale dovrebbero essere scartate.

 

Connected Flop

Al secondo posto nella valutazione della struttura del board è di rilevante importanza se ci sono carte collegate o in successione che rendono possibile straightdraw o scale completate. Particolarmente interessanti sono due tipi:

  • 2-connected Flop - Hanno due carte collegate tipo JT.
  • 3-connected Flop - Hanno tre carte collegate e permettono scale completate.
2-CONNECTED FLOP
Nel 40% dei casi circa, il flop è 2-connected, il che permette dei progetti di scala ed aumenta la probabilità di doppie coppie, poiché la maggior parte dei giocatori di poker preferisce mani di partenza con carte connected (in sequenza).



Soprattutto nel caso di un rainbow flop un open ended straight draw è una mano molto forte che pesca uno dei propri outs nel 32% dei casi. Se si aggiungono delle overcard allo straight draw, diventa addirittura una mano molto forte e dovrebbe essere giocata in tal senso. Un esempio tipico è KQ con un rainbow flop del tipo JT2. Un'altra drawing hand giocabile è un gutshot straight draw con 2 overcard. Con questo board sarebbe quindi AK.
3-CONNECTED FLOP

Nel caso di 3-connected flop la probabilità che un giocatore abbia completato una scala al flop è elevata. Per tale motivo questo tipo di flop è molto pericoloso per tutte le altri mani.


Tuttavia, la nutstraight non ha la stessa forza del nut flush, poiché esiste la possibilità di perdere contro un flush allo showdown. Inoltre possono arrivare altre carte di scala al board ed un giocatore con la nut straight al flop può dover dividere il piatto oppure perdere contro una scala più alta. In linea generale delle scale completate al flop dovrebbero essere sempre protette.

Gli straight draw dovrebbero essere giocati soltanto dalla parte superiore e non da quella inferiore (definita anche "idiot end"). Altrimenti si corre il rischio di completare la propria mano e perdere ciononostante allo showdown. Le overpair e le top pair dovrebbero essere giocate prudentemente, poiché anche in questo caso il rischio che un avversario abbia una doppia coppia è grande (la maggior parte dei giocatori di poker preferisce carte connected). Le overpair sono molto più forti se si ha anche uno straight draw, ad esempio JJ con un flop del tipo 987. A volte si possono giocare anche 2 overcard con un gutshot straight draw.

 

Una coppia sul board

Nel 17% dei casi si ha una coppia sul board. Ovviamente trips sarebbe una mano molto forte. Tuttavia, se l'azione è molto accesa, se si ha in mano un trips ed un kicker basso, si dovrebbe stare molto attenti, poiché un avversario potrebbe avere un kicker superiore oppure già un full house.

I progetti di colore e di scale perdono molto del proprio valore in caso di coppia sul board, poiché il rischio di un full house è più elevato e gli avversari hanno dei redraw più forti.

Molto raramente (una volta su 425 mani) al flop arriva un tris. Naturalmente un giocatore con un poker ha la mano migliore. Tuttavia, il più delle volte nessuno ha formato un poker. In questo caso delle pocket pair hanno molto valore. Maggiore la pocket pair, maggiore sarà il valore della propria combinazione. Se nessuno ha una pocket pair, un asso con un buon kicker rappresenta la mano migliore.

COPPIA ALTA


Particolarmente pericoloso è un flop con una coppia alta sul board, come ad esempio KJJ, poiché le carte alte si giocano più spesso. Se più giocatori investono dei soldi nella mano con un flop del genere, spesso almeno un giocatore ha trips.


Tuttavia, con pochi giocatori al flop spesso un'overpair, una top pair oppure anche un asso con un buon kicker è la mano migliore. Infatti, con una coppia sul board soltanto 5 carte legano con il flop, mentre senza coppie sono 9 le possibili carte.
COPPIA BASSA
Fondamentalmente valgono le stesse idee rispetto ad una high pair. Tuttavia contro dei giocatori solidi da early e middle position è poco probabile che abbiano formato trips. Con un board come T44, ad esempio, un giocare tight non avrebbe un 4 in mano. In questi casi si può procedere in modo più aggressivo con un'overpair oppure una top pair. Se, però, sono in gioco avversari molto loose, oppure i blind, si deve temere che un giocatore abbia trips.



Con una low pair al board in un unraised pot si offrono buone possibilità per un bluff dal big blind, ad esempio se il board è 44J rainbow. Se si ha un flop del genere contro 2 avversari e lo small blind fa check oppure non è nel piatto, si dovrebbe puntare, poiché esiste la possibilità che nessuno abbia una mano buona e si può facilmente rappresentare trips.

 

Solo carte alte

Un altro caso particolare è un flop con solo carte alte, come ad esempio AKT oppure QJ9. In questi casi si ha bisogno di una mano migliore, rispetto agli altri tipi di flop.

Il motivo è il seguente: gli avversari preferiscono giocare normalmente con delle carte alte e più probabilmente hanno delle mani più forti. Per avere la mano migliore in un multiway pot con un flop di solo carte alte, vi è bisogno spesso di almeno una top pair con un buon kicker. Dei draw deboli come middle oppure bottom pair dovrebbero essere scartati, poiché il rischio di completare la propria mano e di perdere ciononostante è troppo alto. A causa della natura coordinata di board con 3 carte alte si offrono spesso possibilità di scale.

 

Conclusione

Suitedness, connectedness e la presenza di High-Card sono i tre criteri fondamentali per valutare la struttura del board. Inoltre la domanda è se al board c'è una coppia e se essa e alta o bassa.

Con quante mani iniziali si collega il board? Quanto è pericoloso il board per la mia mano completata? Che probabilità ci sono che il mio avversario giochi realmente le mani collegate a questo board? Ecco alcune delle domande alle quali è necessario trovare una risposta. All'inizio non è semplice ma si può apprendere seguendo il metodo classico: esercitandosi, tramite i forum, coaching, articoli e valutazioni delle mani.