Strategie vincenti ti portano a successi a lungo termine nel poker online – Registrati gratis!

Le migliori strategie Con le corrette strategie il poker diventa un gioco facile. I nostri autori ti spiegano come vincere passo dopo passo.

I più intelligenti imparano da e con i professionisti internazionali nei nostri live coaching e sul forum.

Poker bonus gratis PokerStrategy.com è gratuito. Inoltre c'è un poker bonus gratis che ti aspetta.

Sei già un membro di PokerStrategy.com? Fai il log in qui

StrategiaNo Limit (NL)

Floating

Introduzione

Con il termine floating si vuole indicare una giocata con cui si vede la puntata dell’aggressore al pre-flop con l’intenzione di vincere il piatto al turn con una bluff-bet. Ciò può accadere sia in posizione che fuori posizione. Tuttavia, naturalmente risulta molto più semplice effettuare questa giocata in posizione. Questo articolo si basa su concetti matematici che mostrano in quali situazioni un floating può risultare vantaggioso.

 

Questo non è l'articolo intero...

Diventando gratuitamente un membro di PokerStrategy.com, otterrai un capitale gratuito con cui iniziare a giocare a poker e, inoltre, potrai accedere a centinaia di articoli strategici come questi - potrai sfruttare video di poker, sessioni di live coaching e forum di strategia. Registrati ora gratuitamente e inizia a giocare per sbloccare tutte le nostre offerte.

Registrati ora

Commenti (1)

#1 Thukam, 10.10.15 10:53

Mi pare che nell'articolo si utilizzi ripetutamente il termine "Floating Equity" invece di "Floating EV", il che lo rende di più difficile lettura.<br /> In particolare, nei diagrammi cartesiani abbiamo in ordinata sempre un valore atteso (nelle ipotesi degli esempi via via trattati), mentre come etichetta dell'asse delle ordinate nel disegno compare la fuorviante scritta "Equity".<br /> <br /> Per quello che riguarda le formule - che risultano di scarsa leggibilità perché su più righe - sarebbe meglio definire dei simboli *brevi* a priori (ad esempio: Px per "probabilità di check di Oppo al turn", Pf per "probabilità di fold di Oppo al turn, Pdc "probabilità che il draw si completi al turn", p[T] pot al turn, ...) per poi ottenere una formula più compatta e comprensibile.<br /> <br /> Inoltre i 2 diagrammi dell'EV OOP (con e senza draw) sono identici, mentre mi aspetterei che nel caso di draw la situazione break-even si raggiunga con una fold equity più bassa (e non identica alla fold equity necessaria nel caso di assenza di draw).<br /> <br /> In conclusione: l'articolo è molto interessante ma si può rendere decisamente più fruibile.