Strategie vincenti ti portano a successi a lungo termine nel poker online – Registrati gratis!

Le migliori strategie Con le corrette strategie il poker diventa un gioco facile. I nostri autori ti spiegano come vincere passo dopo passo.

I più intelligenti imparano da e con i professionisti internazionali nei nostri live coaching e sul forum.

Poker bonus gratis PokerStrategy.com è gratuito. Inoltre c'è un poker bonus gratis che ti aspetta.

Sei già un membro di PokerStrategy.com? Fai il log in qui

StrategiaNo Limit (NL)

Gioco al postflop - Avete rilanciato al preflop

Introduzione

In questo articolo
  • Al flop non giocare mai passivamente le mani completate
  • Effettuare continuationbet solo su flop appropriati
  • Non bluffare mai più di due avversari

Se al preflop avete a disposizione una mano forte e la strategia di gioco degli avversari vi lascia intendere di avere la mano migliore, allora bisogna rilanciare. Tuttavia una buona posizione e un numero ridotto di giocatori rimasti in gara possono portarvi a rilanciare con una mano non propriamente forte, ad es. nell'intento di attaccare i blind con una cosidetta azione di blindsteal.

Questo articolo analizza lo scenario in cui voi avete rilanciato al preflop e uno o più giocatori ha fatto call. Se dopo di voi qualcuno rilancia nuovamente, si origina una situazione completamente diversa. Come procedere in tali casi verrà chiarito in appositi articoli.

ESEMPIO 1
Preflop - NL25 Blinds: €0.10/€0.25
Vi trovate in MP2
  • UTG1, UTG2, UTG3 e MP1 passano la mano
  • Rilanciate a €1
  • MP3 e CO passano la mano
  • BU vede €1
  • SB passa la mano
  • BB vede €0.75
Flop - Giocatori attivi(3): Voi, BB, BU - Piatto: €3.10
 
ESEMPIO 2
Preflop - NL25 Blinds: €0.10/€0.25
Vi trovate in CO
  • UTG1, UTG2, UTG3, MP1, MP2 e MP3 passano la mano
  • Voi rilanciate a €1
  • BU e SB passano la mano
  • BB vede €0.75
Flop - Giocatori attivi(2): Voi, BB - Piatto: €2.10
 

In qualità di preflopaggressor vi trovate in una situazione particolare e la strategia di gioco è diversa rispetto a quella da adottare nel caso in cui al preflop aveste visto un rilancio o non ci fosse stato un rilancio.

Nei prossimi capitoli scoprirete, ...

  • ... come valutare la forza della vostra mano.
  • ... cosa si intende per continuationbet e quando va applicata.
  • ... quale ruolo svolgono le carte comuni e gli avversari.
  • ... come si gioca al flop, al turn e al river.

Tenete ben presente che un articolo da solo non è sufficiente a trattare approfonditamente questo tema così complesso. Giocare come preflopaggressor nei giri di puntata successivi al flop è la situazione più comune in cui ci si trova a causa del proprio stile di gioco aggressivo. Giocare correttamente in questa fase rappresenta la base del gioco.

Sfruttate quindi anche le altre offerte formative messe a punto da PokerStrategy.com, i materiali di apprendimento approfonditi, i video, gli altri articoli di strategia, le sessioni di coaching e ovviamente il forum, per ampliare e potenziare il più possibile le vostre conoscenze. Solo così potrete ottenere un successo duraturo anche sui limiti superiori.

DOWNLOADS

Le charts per il gioco prima del flop

Overview della matematica nel poker - Odds e Outs

Quanto è forte la vostra mano?

Al flop la prima cosa da fare è dare un'occhiata alla propria mano e capire quanto valgono le proprie carte. Asso Re al preflop è una mano forte, ma può perdere rapidamente valore su un flop sfavorevole.

In linea generale, le varie mani possono essere raggruppate in cinque categorie, i cui confini non sono nettamente divisi, bensì risultano piuttosto labili.

Le cinque categorie sono:

  • Mani prive di valore
  • Progetti (draw) deboli
  • Progetti forti
  • Made hand medioforti
  • Made hand forti
Mani prive di valore

A questa categoria appartengono le mani con le quali si è completamente mancato il flop, ad esempio una coppia bassa, che trova tutte carte alte al flop, oppure carte di partenza forti come AK o KQ, che non formano nulla al flop e rimangono solo delle overcard.

ESEMPIO 3 - MANI TRASH
Preflop - NL25 Blinds: €0.10/€0.25
Vi trovate in CO
  • UTG1, UTG2, UTG3, MP1, MP2 e MP3 passano la mano
  • Voi rilanciate a €1
  • BU e SB passano la mano
  • BB vede €0.75
Flop - Giocatori attivi(2): Voi, BB - Piatto: €2.10
 
ESEMPIO 4 - COPPIA BASSA
Preflop - NL25 Blinds: €0.10/€0.25
Vi trovate in CO
  • UTG1, UTG2, UTG3, MP1, MP2 e MP3 passano la mano
  • Voi rilanciate a €1
  • BU passa la mano
  • SB vede €0.9
  • BB vede €0.75
Flop - Giocatori attivi(3): Voi, SB, BB - Piatto: €3.00
 
Progetti deboli

In questa categoria rientrano tutte le mani che hanno un potenziale minimo o nullo di vincere allo showdown e che offrono poche possibilità di miglioramento. Tra questi ritroviamo i gutshotstraightdraw, le piccole coppie o anche le overcard con backdoordraw (un progetto che deve pescare al turn e al river due carte perfette anziché una come per un normale draw).

ESEMPIO 5 - GUTSHOT
Preflop - NL25 Blinds: €0.10/€0.25
Vi trovate in CO
  • UTG1, UTG2, UTG3, MP1, MP2 e MP3 passano la mano
  • Voi rilanciate a €1
  • BU e SB passano la mano
  • BB vede €0.75
Flop - Giocatori attivi(2): Voi, BB - Piatto: €2.10
 
ESEMPIO 6 - BOTTOMPAIR
Preflop - NL25 Blinds: €0.10/€0.25
Vi trovate in CO
  • UTG1, UTG2, UTG3, MP1, MP2 e MP3 passano la mano
  • Voi rilanciate a €1
  • BU vede €1
  • SB e BB passano la mano
Flop - Giocatori attivi(2): Voi, BU - Piatto: €2.35
 
Progetti forti

Tra i progetti forti ritroviamo tutte le mani che non rappresentano ancora una significativa made hand, però presentano ottime probabilità di diventarlo. Tra queste ci sono i flushdraw, gli open-ended straightdraw e anche i cosiddetti combodraw, le coppie piccole con un flushdraw o un OESD oppure anche un flushdraw con uno straightdraw.

ESEMPIO 7 - FLUSHDRAW
Preflop - NL25 Blinds: €0.10/€0.25
Vi trovate in MP2
  • UTG1, UTG2, UTG3 e MP1 passano la mano
  • Voi rilanciate a €1
  • MP3 passa la mano
  • CO vede €1
  • BU passa la mano
  • SB vede €0.9
  • BB passa la mano
Flop - Giocatori attivi(3): Voi, SB, CO - Piatto: €3.25
 
Made hand medioforti

Questa denominazione potrebbe originare confusione. Alle categoria di made hand medioforti appartengono tutte le made hand in un piatto rilanciato che sono relativamente forti e possono vincere spesso allo showdown. Si tratta in sostanza di tutte le coppie forti, tra cui una toppair con un buon kicker o anche una overpair.

Si tratta di mano forti, ma non invincibili, in effetti possono essere superate. In tal caso, vi ritroverete disperatamente in svantaggio, ad es. quando si possiede una overpair e viene completato un flushdraw.

ESEMPIO 8 - Toppair con kicker alto
Preflop - NL25 Blinds: €0.10/€0.25
Vi trovate in MP2
  • UTG1, UTG2, UTG3 e MP1 passano la mano
  • Voi rilanciate a €1
  • MP3 passa la mano
  • CO vede €1
  • BU passa la mano
  • SB vede €0.9
  • BB passa la mano
Flop - Giocatori attivi(3): Voi, SB, CO - Piatto: €3.25
 
ESEMPIO 9 - Overpair
Preflop - NL25 Blinds: €0.10/€0.25
Vi trovate in CO
  • UTG1, UTG2, UTG3, MP1, MP2 e MP3 passano la mano
  • Voi rilanciate a €1
  • BU vede €1
  • SB e BB passano la mano
Flop - Giocatori attivi(2): Voi, BU - Piatto: €2.35
 
Made hand forti

A questa categoria appartengono le mani monster propriamente dette. Si parte da doppie coppie, per passare a un set e straight fino ad arrivare al royal flush. Ovviamente la forza effettiva della mano dipende sempre anche dalle carte comuni e dal numero degli avversari. Grazie a una made hand forte si ha un'ottima probabilità di avere la mano migliore difficilmente superabile da altri avversari.

Come si gioca al flop?

Al flop si pongono le basi per lo sviluppo dell'intera mano. In questo capitolo verrà chiarito ...

  • ... cosa si intende per continuationbet.
  • ... quali flop e tipologie di avversari sono indicati per questa azione.
  • ... a quanto deve ammontare l'importo di una puntata.
  • ... come bisogna reagire se un avversario prima di voi punta.
  • ... come bisogna reagire se la vostra continuationbet viene rilanciata.
Cosa si intende per continuationbet?

Una continuationbet è una puntata con cui si mantiene l'aggressività dimostrata nei precedenti giri di puntate. Al preflop avete rilanciato, quindi viene distribuito il flop e voi puntate nuovamente. Questa azione viene chiamata continuationbet, per brevità contibet.

Una puntata può perseguire fondamentalmente tre finalità:

  • Si intende portare al fold tutti gli avversari e vincere direttamente il piatto.
  • Si ha una made hand e si intende difenderla dai draw. In questo caso si parla di protection.
  • Si ha una made hand e si tenta di ricavare soldi dalle mani avversarie più deboli. In questo caso si parla di ottimizzazione del value o valuebet.
ESEMPIO 10 - CONTIBET
Preflop - NL25 Blinds: €0.10/€0.25
Vi trovate in MP2
  • UTG1, UTG2, UTG3, MP1 e Voi passate la mano
  • MP3 rilancia a €1
  • CO passa la mano
  • BU vede €1
  • SB passa la mano
  • BB vede €0.75
Flop - Giocatori attivi(3): BB, MP3, BU - Piatto: €3.10
  • BB fa check
  • MP3 punta €2.35
ESEMPIO 11 - CONTIBET
Preflop - NL25 Blinds: €0.10/€0.25
Vi trovate in CO
  • UTG1 vede €0.25
  • UTG2 e UTG3 passano la mano
  • MP1 vede €0.25
  • MP2, MP3 e Voi passate la mano
  • BU rilancia a €1.5
  • SB e BB passano la mano
  • UTG1 e MP1 vedono €1.25
Flop - Giocatori attivi(3): UTG1, MP1, BU - Piatto: €4.85
  • UTG1 e MP1 fanno check
  • BU punta €3

Questa tattica vi sarà sicuramente nota per esperienza diretta, oppure dai video di poker o dai programmi televisivi. La continuationbet al flop, dopo che si è rilanciato al preflop, è una tattica di gioco fondamentale.

Questa può servire come bluff, tuttavia può essere effettuata anche con una mano forte. Ciò significa che vi troverete a effettuare molto spesso una continuationbet, anche nel caso in cui non abbiate formato nulla. Ovviamente non tutti i flop e tutti gli avversari sono indicati per questa azione.

Se l'avversario raramente passa la mano al flop, allora una contibet con funzione di bluff non ha alcun senso. Se il flop si presenta in modo tale da favorire numerose mani, ad es. quando favorisce numerosi draw, allora la continuationbet sotto forma di bluff risulta inappropriata. Ci sono flop indicati e flop sconsigliati per una continuationbet con funzione di bluff.

Quali flop sono indicati per una contibet?

Regola n. 1: se avete una made hand forte, ad es. una toppair o una mano migliore, allora si consiglia sempre di effettuare una continuationbet. La vostra missione sarà aumentare il piatto e proteggere la mano.

Regola n. 2: se avete un draw forte, allora effettuate sempre una continuationbet contro un avversario. Questa è una variante di bluff chiamata semibluff. Potete vincere costringendo l'avversario ad abbandonare il piatto oppure migliorando la vostra mano con la successiva carta comune.

Rimane tuttavia ancora un bluff, il quale risulterà redditizio solo nel momento in cui funzionerà come tale, ossia indurrà l'avversario a passare direttamente la mano. Le prospettive di una mano forte non sono sufficienti di per sé a giustificare un bluff. In tal caso, la probabilità non è così elevata, a meno che non abbiate un vero e proprio monsterdraw.

In presenza di numerosi avversari o di avversari molto restii a fare fold, diminuisce la probabilità che tutti passino la mano. Solo nel momento in cui intravedete la possibilità (flop favorevole + avversari appropriati) che tutti gli avversari ad un certo punto passino direttamente la mano, potrete anche effettuare un contibet contro più avversari.

Se queste condizioni non vengono soddisfatte, allora è preferibile giocare il draw secondo i pot odds applicando la strategia illustrata negli articoli relativi ai pot odds e agli implied pot odds. In tal caso, si fa check e si sta a vedere se qualcun'altro punta e a quale prezzo o meglio con quali pot odds riuscite a vedere la turncard.

Regola n. 3: se avete un draw debole, una made hand debole o addirittua non avete nulla in mano, allora la continuationbet serve da bluff. Tentare di bluffare più avversari o avversari che molto raramente passano la mano è soltanto un dispendio inutile di denaro. In generale un bluff con una mano debole o priva di valore è da prendere in considerazione solo quando si gioca al massimo contro due avversari.

L'ultimo caso vi si presenterà molto spesso. Avete rilanciato al preflop, uno o due giocatori fanno call, al flop non riuscite a formare niente di interessante. A questo punto bisogna chiedersi se valga la pena fare bluff. La risposta dipende dalle carte comuni e dalla strategia di gioco degli avversari.

Guardando le carte comuni bisogna chiedersi:

  • È possibile che gli avversari credano che avete formato una combinazione forte?
  • È possibile che gli avversari stessi abbiano formato qui una combinazione forte?

Ciascun flop, per il quale si risponde Sì alla prima domanda e No alla seconda, è indicato per una continuationbet. Particolarmente idonei alla continuationbet sono quei flop con carte alte, Re, Donna o Asso. Considerando che avete rilanciato al preflop, voi stessi avrete spesso carte alte. È plausibile a questo punto che rappresentiate una coppia alta mediante una puntata.

ESEMPI DI FLOP PROPIZI
Una carta alta  
  • Voi puntate
Asso e Figura
  • Voi puntate
Una coppia
  • Voi puntate

Come si può notare, per una contibet come bluff è indicato un flop che migliora solo poche mani, offre poche possibilità di drawing e poche probabilità di formare una made hand forte. Su un buon flop potete rappresentare una mano forte mentre l'avversario ha raramente le carte per mandare a monte il vostro bluff, persino quando ha la certezza che stiate bluffando.

Sul primo flop, l'OESD con 43 è l'unico draw forte possibile mentre sono da escludere molte made hand forti. È possibile avere un paio di combinazioni di doppie coppie, 52, K5, K2, ma poiché l'avversario ha visto il rilancio al preflop risultano poco probabili. Un tris di Cinque o di Due o una toppair di Re sono le uniche mani forti possibili che l'avversario potrebbe aver formato. Quindi il flop è ideale per una continuationbet visto l'esiguo numero di mani che potrebbero fare call.

Anche il secondo flop segue questo modello. Non risulta possibile alcun draw forte e con l'Asso e il Re potrete rappresentare verosimilmente una mano forte. Per il vostro avversario sarà difficile formare una made hand forte e inoltre i draw non risultano ipotizzabili.

Ciò si applica anche al terzo esempio. La differenza in questo caso è che difficilmente potrete rappresentare una mano superiore a una overpair, una coppia di Donne o Fanti. L'avversario difficilmente vi attribuirà una mano forte. Dall'altro lato, questo flop non ha di fatto aiutato alcuna mano.

È un altro discorso se l'avversario dovesse pensare che voi stiate bluffando. In questo caso, molto raramente avrà le carte per ricavare profitti. Non potrà fare altro che bluffare a sua volta e rilanciare la vostra puntata. Con gli avversari aggressivi vi renderete conto che questi attaccano molto spesso un flop di questo tipo. Per questo motivo, non vale la pena effettuare una continuationbet se l'avversario è aggressivo ed è in grado di sfruttare questo tipo di flop (coppia e non coordinato) con un controbluff.

ESEMPI DI FLOP SVANTAGGIOSI
Molto drawheavy  
  • Fate check
Molto drawheavy
  • Fate check
Molto drawheavy
  • Fate check

Tutti e tre gli esempi sono accomunati dall'essere molto drawheavy. In tali casi, una contibet è da prendere in considerazione solo se si gioca contro un solo avversario.

Nel primo esempio, difficilmente riuscite a rappresentare una mano forte. In più, questo flop ha indotto molte mani ad andare avanti. Non riuscirete a indurre al fold le seguenti mani: 98, 87, 76, 65, 54, 43, 88, 77, 66, 55, 44 e qualsiasi flushdraw. Si tratta di mani con le quali l'avversario potrebbe avere benissimo visto un rilancio al preflop. Una coppia di Nove, una coppia di Dieci, e altre possibili combinazioni non faranno fold.

Non potete rappresentare nulla, mentre l'avversario ha formato spesso qualcosa di giocabile. Questi sono due motivi validi per investire dei soldi in un bluff su questo flop solo contro un avversario appropriato.

La stessa cosa vale per gli altri due esempi. I flop consentono a molte mani di migliorare. L'avversario potrebbe già avere in mano doppie coppie o una scala completa. Potrebbe avere formato uno straightdraw o flushdraw oppure una coppia con un gutshot. È del tutto possibile che abbia anche mancato il flop, ma è più probabile il contrario. Se vedete carte comuni di questo tipo, è di solito il momento giusto per fare fold e attendere un'occasione migliore.

ESEMPI DI FLOP MEDIOCRI
Carte alte con flushdraw  
  • Riflettete ...
Tre carte alte
  • Riflettete ...
Asso con possibile flush
  • Riflettete ...

Spesso il flop non è indicato per una continuationbet e allo stesso tempo non del tutto inadatto, è una sorta di via di mezzo. È possibile ad esempio rappresentare una mano forte e dall'altro lato avere avversari con una combinazione forte.

I tre esempi in alto illustrano un flop di questo tipo. In tal caso bisogna evitare di:

  • Effettuare sempre una continuationbet.
  • Rinunciare a una continuationbet.

La scelta giusta dipende dal vostro avversario. Cosa potrebbe aver centrato? Cosa passerà? Cosa sono costretti a chiamare? Quanto facilmente possiamo indurli ad un fold? Non c'è un modo corretto in assoluto per giocare su questo tipo di flop. Se non sei sicuro sul da farsi, comunque, è meglio non prendere rischi.

Quali avversari risultano indicati per una contibet?

Esistono diverse tipologie di avversari e la maggior parte di questi reagiscono in maniera differente a una continuationbet. Approssimativamente è possibile distinguere quattro tipi di avversari.

  • Loose-passivi

    I giocatori loose hanno difficoltà a passare la mano. Pertanto non risultano indicati per i bluff. I giocatori loose-passivi si contraddistinguono inoltre per il fatto di manifestare raramente un atteggiamente aggressivo. Questi puntano o rilanciano raramente, mentre vedono numerose puntate. Non tentate di bluffarli bensì di formare una combinazione forte e a quel punto di puntare su tutte le street, cosi facendo verrete ben pagati.

  • Loose-aggressivi

    Anche i giocatori loose-aggressivi passano difficilmente la mano, tuttavia giocano aggressivamente. Questi ad es. fanno bluff di frequente e considerano un flop con una coppia, come nell'esempio in alto, l'occasione giusta per attaccare. Contro questo tipo di avversari bisogna in gran parte rinunciare ai bluff. Riuscirete a vincere dei soldi formando una mano forte e facendovi pagare da loro. La peculiarità di questo gioco è che li porterà a vincere molti piatti piccoli ma contestualmente gli farà perdere anche i piatti più grossi, dato che la loro aggressività li metterà in situazioni molto difficili.

  • Tight-passivi

    I giocatori tight-passivi sono gli avversari ideali per una contibet come bluff. Tight significa che giocano solo poche mani. Fanno subito fold e diventano aggressivi solo quando hanno una mano veramente forte. Contro questi avversari è consigliabile effettuare molto spesso una continuationbet. Se non dovesse funzionare, saprete almeno come siete messi.

  • Tight-aggressivi

    La tipologia tight-aggressivi corrisponde anche al vostro stile di gioco. Questi giocano carte tendenzialmente forti e tentano di divincolarsi da situazioni marginali. Per questo motivo, è possibile bluffarli. Anche voi risultate "bluffabili", il che è una cosa positiva. Se non lo foste, qualcosa andrebbe storto. I giocatori bravi devono essere bluffabili.

    Contro i cosiddetti TAG è possibile attaccare numerosi flop, anche se non tanto come nel caso dei giocatori tight-passivi. Ciò vale soprattutto quando il giocatore in questione gioca contemporaneamente su più tavoli (multitabling). A quel punto, applicherà spesso una strategia standard per cui farà fold su tutti i flop mancati.

Una continuationbet in qualità di bluff è tanto più indicata quanto più tight è l'avversario, ossia quante più condizioni impone alla sua mano per portarla avanti. I giocatori loose-aggressivi sono l'obiettivo peggiore per questa azione. In particolare nei limiti bassi, in cui si incontrano più spesso persone che non hanno la più pallida idea di cosa significhi giocare a poker, vale la regola: non bluffare mai coloro che non riescono a passare la mano.

È consigliabile rinunciare a una bluffcontibet, se l'avversario possiede solo uno stack ridotto. In tal caso, o si tratta di un giocatore scarso o di uno shortstack ed entrambi i tipi raramente passeranno la mano. Quanti meno soldi residui ha l'avversario, tanto meno la puntata funzionerà, in quanto i giocatori con stack ridotti sono spesso committed al piatto.

Bisogna inoltre osservare se la strategia di gioco dell'avversario muta dal preflop al postflop. Esistono giocatori che al preflop procedono coi piedi di piombo, mentre al flop passano da tight a loose e difficilmente faranno fold dopo una contibet. Un'altra tipologia di avversari molto comune non ripone alcuna aspettativa nelle proprie carte al preflop e vuole soltanto vedere il flop. A quel punto, se non ha formato nulla, passa la mano. Questo tipo di avversario è l'ideale per voi, in quanto entra nel piatto con carte così scarse da non avere spesso nulla da rappresentare al flop.

Come si procede a questo punto?

A questo punto avete a disposizione tutte le informazioni per prendere una decisione. È necessario tuttavia ponderare queste informazioni in maniera diversa.

Partiamo dai casi semplici: avete una made hand da medioforte a forte, una toppair con un buon kicker o persino una mano migliore. In questo caso, si fa sempre una continuationbet. Il numero e la tipologia degli avversari risultano irrilevanti. La vostra mano è spesso la migliore oppure ha buone possibilità di migliorare.

Con i draw forti si punta sempre se si gioca contro un avversario, spesso contro due. In presenza di più avversari, le carte comuni e la strategia di gioco avversaria determina fortemente l'appropriatezza di una puntata. Si punta solo quando esiste una buona probabilità che tutti gli avversari passino subito la mano dopo la vostra puntata.

La situazione si complica quando si ha in mano solo un draw debole, una coppia piccola o persino nulla di fatto. La mano in sé non giustifica alcuna puntata e anche un bluff deve funzionare spesso per risultare redditizio. In tal caso, bisogna analizzare attentamente il flop e gli avversari:

  • Numerosi giocatori - Non si punta.
  • Flop molto drawheavy - Non si punta.
  • Un avversario loose che vede ogni puntata - Non si punta.

Un bravo giocatore effettua di solito continuationbet tra il 65% e il 75% dei casi. Se vi trovate in posizione rispetto agli avversari, potrete effettuare continuationbet per una percentuale maggiore dei casi. In media, però, un buon giocatore non effettua al flop alcuna contibet con un quarto fino a un terzo delle carte con cui ha rilanciato. I restanti 65-75% sono bluff veri e propri e mani con cui ha formato qualcosa di giocabile.

Se giocate solo contro un avversario, allora dovreste quasi sempre puntare, a meno che non sia un loose passive che folda raramente una mano già al flop. Giocando contro due avversari, il flop deve essere già buono per poter prendere in considerazione una contibet. Anche gli avversari devono risultare idonei ed essere in grado di fare fold. Come valutare tutto ciò è stato già chiarito in alto.

Per esercitarvi analizzate i quattro esempi riportati di seguito e decidete per ciascuno di essi se effettuereste una continuationbet o meno.

ESEMPIO 12 - OVERPAIR
Preflop - NL25 Blinds: €0.10/€0.25
Vi trovate in BB
  • UTG1, UTG2, UTG3, MP1 e MP2 passano la mano
  • MP3 vede €0.25
  • CO passa la mano
  • BU vede €0.25
  • SB vede €0.15
  • Voi rilanciate a €1.75
  • MP3, BU e SB vedono €1.50
Flop - Giocatori attivi(4): Voi, SB, MP3, BU - Piatto: €7.00
  • SB fa check

La soluzione non è difficile. Si punta in ogni caso. La mano è forte ma bisogna ancora proteggerla. Intendete attirare nel piatto i soldi delle mani più deboli e far pagare al possibile flushdraw un prezzo sconveniente per la turncard.

Se in questo caso non aveste avuto alcuna mano forte, avreste dovuto rinunciare a una contibet. Tre avversari su un flop relativamente drawheavy sono un buon motivo per evitare di investire altri soldi in carte scadenti o mediocri.

ESEMPIO 13 - DRAW FORTE
Preflop - NL25 Blinds: €0.10/€0.25
Vi trovate in BB
  • UTG1, UTG2, UTG3, MP1 e MP2 passano la mano
  • MP3 vede €0.25
  • CO passa la mano
  • BU vede €0.25
  • SB vede €0.15
  • Voi rilanciate a €1.75
  • MP3, BU e SB vedono €1.50
Flop - Giocatori attivi(4): Voi, SB, MP3, BU - Piatto: €7.00
  • SB fa check

È vero che non avete alcuna made hand, tuttavia avete pur sempre un draw forte. Da un lato, avete probabilità di formare un flush, dall'altro avete anche due overcard in grado di formare una toppair forte. Persino contro tre avversari, una contibet risulta quasi sempre obbligatoria.

ESEMPIO 14 - BLUFF CON DUE AVVERSARI
Preflop - NL25 Blinds: €0.10/€0.25
Vi trovate in MP2
  • UTG1, UTG2, UTG3 e MP1 passano la mano
  • Voi rilanciate a €1
  • MP3 e CO passano la mano
  • BU vede €1
  • SB passa la mano
  • BB vede €0.75
Flop - Giocatori attivi(3): Voi, BB, BU - Piatto: €3.10
  • BB fa check

Questo è un caso limite. Se sapete che uno degli avversari ha tendenze loose, allora dovreste qui fare check. Se invece non sapete o pensare che i due avversari siano piuttosto tight, allora potete anche puntare. Il flop risulta favorevole e voi avete ancora un buon numero di out per una toppair forte con l'Asso e il Re.

ESEMPIO 15 - NESSUN BLUFF CON 2 AVVERSARI
Preflop - NL25 Blinds: €0.10/€0.25
Vi trovate in MP2
  • UTG1, UTG2, UTG3 e MP1 passano la mano
  • Voi rilanciate a €1
  • MP3 e CO passano la mano
  • BU vede €1
  • SB passa la mano
  • BB vede €0.75
Flop - Giocatori attivi(3): Voi, BB, BU - Piatto: €3.10
  • BB fa check
  • Voi fate check

Su questo flop è meglio fare check. Se i due avversari non sono estremamente tight, allora non vale assolutamente la pena effettuare una bluffcontibet. Numerose mani hanno formato qui una combinazione forte mentre voi potete a mala pena rappresentare qualcosa. La probabilità che entrambi i giocatori facciano fold diminuisce drasticamente su un flop di questo tipo.

Quanto bisogna puntare?

Dopo avere deciso di effettuare una puntata, rimane ancora da stabilire quando bisogna puntare.

In linea generale vale quanto segue:

  • Quanto più scadente è il flop e soprattutto quanti più draw favorisce, tanto più dovrete puntare.
  • Quanti più avversari avete, tanto più dovrete puntare.

La puntata deve essere sempre compresa tra la metà e l'intera entità del piatto. Un buon valore indicativo è 2/3 del piatto. In presenza di due avversari con un possibile flushdraw al flop, si può tranquillamente puntare l'intero importo del piatto, per proteggere al massimo la propria mano (in tal caso non si bluffa quasi mai).

In presenza di un avversario o di un flop del tutto innocuo, è sufficiente già una contibet pari a metà dell'entità del piatto. In tal caso, non è necessario proteggere la mano da draw e nel caso decideste di bluffare, il bluff vi costerà meno e dovrà anche funzionare con minore frequenza.

ESEMPIO 16 - BLUFF
Preflop - NL25 Blinds: €0.10/€0.25
Vi trovate in CO
  • UTG1, UTG2, UTG3, MP1, MP2 e MP3 passano la mano
  • Voi rilanciate a €1
  • BU e SB passano la mano
  • BB vede €0.75
Flop - Giocatori attivi(2): Voi, BB - Piatto: €2.10
  • BB fa check
  • Voi puntate €1.25

In questo caso, è sufficiente una puntata pari a poco più di metà del piatto. Il flop è innocuo, spesso si dice anche arido, e nel caso in cui aveste una made hand, non dovreste quasi per niente proteggerla. Potrete quindi rappresentare l'asso anche con una puntata inferiore. Il bluff vi costerà meno e dovrà anche funzionare meno volte.

Senza un Asso o probabilmente anche un Sette, l'avversario difficilmente potrà continuare a giocare. In più, vi trovate in posizione nei suoi confronti, per cui si troverà costretto molto spesso a passare la mano.

ESEMPIO 17 - OVERPAIR
Preflop - NL25 Blinds: €0.10/€0.25
Vi trovate in BB
  • UTG1, UTG2, UTG3, MP1 e MP2 passano la mano
  • MP3 vede €0.25
  • CO passa la mano
  • BU vede €0.25
  • SB vede €0.15
  • Voi rilanciate a €1.75
  • MP3, BU e SB vedono €1.50
Flop - Giocatori attivi(4): Voi, SB, MP3, BU - Piatto: €7.00
  • SB fa check
  • Voi puntate €6

Questo esempio lo conoscete già. In questo caso, si ha senza dubbio una continuationbet. Visto che la vostra mano è vulnerabile, che il flop rende possibile un draw forte e che ci sono tre avversari, di cui due hanno posizione su di voi, allora bisogna puntare parecchio. Per questo motivo, si punta quasi l'intera entità del piatto.

ESEMPIO 18 - BLUFF CON DUE AVVERSARI
Preflop - NL25 Blinds: €0.10/€0.25
Vi trovate in MP2
  • UTG1, UTG2, UTG3 e MP1 passano la mano
  • Voi rilanciate a €1
  • MP3 e CO passano la mano
  • BU vede €1
  • SB passa la mano
  • BB vede €0.75
Flop - Giocatori attivi(3): Voi, BB, BU - Piatto: €3.10
  • BB fa check
  • Voi puntate €2

Come si è già chiarito, questa contibet rappresenta un caso limite, tanto da poter essere persino tralasciata. Se decidete di effettuarla, allora è vivamente consigliabile puntare una somma pari ai 2/3 del piatto.

Come reagire se qualcuno ha puntato prima di voi?

Non si verifica sempre che tutti gli avversari prima di voi facciano check e voi possiate riflettere in tutta calma se effettuare una continuationbet o meno. È possibile anche che un avversario punti prima di voi. In questo caso, si parla di donkbet. Come si procede a questo punto viene determinato dall'importo della puntata.

  • Se c'è un avversario e rispetto al piatto punta molto poco (spesso da uno a tre big blind).

    Questa puntata lascia di solito pensate a una mano debole o semiforte. Se l'avversario possiede uno stack minimale inferiore a 2,5 volte l'entità del piatto, allora non vale la pena bluffare. Spesso l'avversario si sente vincolato al piatto e difficilmente passerà qualcosa. In tal caso, si giocano solo le made hand e i draw forti e si rilancia.

    Se l'avversario possiede uno stack da mediogrande a intero, potrete benissimo rilanciare anche con mani più deboli. Questi non deve essere eccessivamente loose e voi dovete avere la certezza che non farà nulla per indurvi a rilanciare. Nel caso dei giocatori tight-passivi, che non applicano di solito una strategia di questo tipo, una puntata di piccola entità può essere anche l'indizio di una trappola.

  • Se c'è un avversario e punta un importo relativamente alto

    In questo caso, bisognerebbe rilanciare con draw forti e made hand a partire da toppair con kicker elevato e fare fold con tutto il resto.

  • Se ci sono più avversari

    In presenza di più avversari, i bluff vanno esclusi a priori. Di norma si rilancia con made hand forti e draw forti. Se si hanno draw deboli e made hand mediocri come una debole toppair o una coppia intermedia è possibile talvolta vedere una puntata di piccola entità. Se però non avete formato alcuna combinazione, allora fate fold.

La situazione diventa preoccupante se prima di voi uno dei due giocatori rilancia ancora. In tal caso, risultano reddittizie soltanto le made hand forti a partire dalle doppie coppie o i combodraw forti, in particolare flushdraw+OESD. Dopo una puntata e un rilancio, è possibile passare anche toppair e persino una overpair di Assi, a seconda ovviamente degli avversari e delle carte comuni.

Il secondo giocatore dimostra molta forza. Se è molto aggressivo non implica necessariamente qualcosa. Sono possibili molti draw? È possibile che abbia una mano più debole della vostra, che ai suoi occhi appare tanto bella da giustificare la sua action?

ESEMPIO 19 - PUNTATA DI PICCOLA ENTITA'
Preflop - NL25 Blinds: €0.10/€0.25
Vi trovate in CO
  • UTG1, UTG2, UTG3, MP1, MP2 e MP3 passano la mano
  • Voi rilanciate a €1
  • BU e SB passano la mano
  • BB vede €0.75
Flop - Giocatori attivi(2): Voi, BB - Piatto: €2.10
  • BB punta €0.5
  • Voi rilanciate a €2

In questo caso, è possibile rilanciare tranquillamente la piccola puntata al flop. Il giocatore seduto nel big blind denota debolezza con questa strategia e voi vi trovate ancora al sicuro grazie all'Asso e alla possibilità di rimediare al turn almeno un flushdraw o uno straightdraw.

ESEMPIO 20 - PUNTATA ELEVATA
Preflop - NL25 Blinds: €0.10/€0.25
Vi trovate in CO
  • UTG1, UTG2, UTG3, MP1, MP2 e MP3 passano la mano
  • Voi rilanciate a €1
  • BU e SB passano la mano
  • BB vede €0.75
Flop - Giocatori attivi(2): Voi, BB - Piatto: €2.10
  • BB punta €1.5
  • Passate la mano

Si tratta della stessa situazione, con la differenza che la puntata dell'avversario è più alta. In risposta a tale azione, potete fare fold. Una puntata elevata indica più forza, numerosi giocatori la scelgono quando hanno in mano toppair, in questo caso forse anche con 88 o A9. Un bluff inoltre vi costerebbe troppi soldi, per cui non ne vale la pena.

ESEMPIO 21 - PIU' GIOCATORI
Preflop - NL25 Blinds: €0.10/€0.25
Vi trovate in CO
  • UTG1, UTG2, UTG3, MP1, MP2 e MP3 passano la mano
  • Voi rilanciate a €1
  • BU passa la mano
  • SB vede €0.9
  • BB vede €0.75
Flop - Giocatori attivi(3): Voi, SB, BB - Piatto: €3.00
  • SB fa check
  • BB punta €0.75
  • Passate la mano

In quest'ultimo esempio, il big blind punta abbastanza poco, ma c'è un altro avversario nella mano. Visto che non avete formato nulla, è meglio che passiate la mano. Un bluff contro due avversari presenta minime probabilità di riuscita e risulterebbe anche costoso.

Come reagire se qualcuno ha rilanciato?

Un'altra situazione in cui vi ritroverete molto spesso è quando dopo la vostra contibet un giocatore rilancia.

È chiaro che in tal caso bisogna passare tutte le mani prive di valore, le coppie basse e medie e i draw deboli. Al contrario, bisogna giocare aggressivamente con i combodraw forti, flushdraw + OESD, flushdraw + coppia, con i quali si punta almeno al migliore flush o alla migliore scala. Se riuscite ad assegnarvi più di 12 out clean, allora rispondete al rilancio con un all-in.

Se invece avete solo un singolo flushdraw, un OESD oppure un doppio gutshot, allora è possibile in determinate circostanze vedere il rilancio. Ciò dipende dall'importo del rilancio. In questo modo, entrano di nuovo in gioco i principi dei pot odds e degli implied pot odds.

In media si può dare per scontato che al turn è possibile vincere circa la metà del piatto qualora venga completato il draw. In linea di massima è possibile vedere il rilancio, nel caso in cui non dobbiate versare oltre i 3/4 del piatto attuale (incluse tutte le puntate e il rilancio avversario).

Con i giocatori passivi, il cui rilancio è indice di grande forza, o con i giocatori molto scarsi è possibile pensare di vincere ancora più soldi nei giri di puntate successivi. Per questo motivo, giocando contro di loro è possibile vedere una puntata pari al piatto, dato che si hanno implied odds molto alte.

Se avete una made hand a partire da una toppair, il flop diventa interessante. Se si presentano numerose possibilità di formare flushdraw o straightdraw, allora dovreste continuare a rilanciare con le mani molto forti. Su un flop innocuo, potete soltanto fare call, per mantenere nel piatto l'avversario che effettua un bluff o possiede una mano più debole.

Le mani più deboli, quali toppair con kicker medio, vanno invece di solito passate dopo un rilancio, a condizione che l'avversario non sia molto aggressivo.

ESEMPIO 22 - OVERPAIR DI ASSI
Preflop - NL25 Blinds: €0.10/€0.25
Vi trovate in UTG1
  • Voi rilanciate a €1
  • UTG2, UTG3 e MP1 passano la mano
  • MP2 vede €1
  • MP3 e CO passano la mano
  • BU vede €1
  • SB e BB passano la mano
Flop - Giocatori attivi(3): Voi, MP2, BU - Piatto: €3.35
  • Voi puntate €2.5
  • MP2 passa la mano
  • BU rilancia a €7.5

Non è una situazione semplice. Il flop offre diverse possibilità di drawing e l'avversario potrebbe persino avere una toppair di Re. Per questo motivo, è meglio rilanciare. Considerando che il rilancio sarebbe comunque così elevato da rendervi in un certo senso vincolati al piatto, allora potete procedere direttamente all-in.

ESEMPIO 23 - COMBODRAW FORTE
Preflop - NL25 Blinds: €0.10/€0.25
Vi trovate in CO
  • UTG1, UTG2, UTG3, MP1, MP2 e MP3 passano la mano
  • Voi rilanciate a €1
  • BU vede €1
  • SB passa la mano
  • BB vede €0.75
Flop - Giocatori attivi(3): Voi, BB, BU - Piatto: €3.10
  • BB fa check
  • Voi puntate €2.5
  • BU rilancia a €8
  • BB passa la mano

Voi avete in mano un flushdraw elevato e un OESD, per un totale di 15 out per una mano che molto probabilmente sarà la migliore. In tal caso, dopo un rilancio dovreste procedere direttamente all-in. Persino nel caso in cui il button dovesse vedere sempre il vostro all-in e non fare mai fold, riuscirete a produrre profitti in quanto il vostro draw è molto forte.

ESEMPIO 24 - TOPPAIR CON MOLTA ACTION
Preflop - NL25 Blinds: €0.10/€0.25
Vi trovate in CO
  • UTG1, UTG2, UTG3, MP1, MP2 e MP3 passano la mano
  • Voi rilanciate a €1
  • BU vede €1
  • SB passa la mano
  • BB vede €0.75
Flop - Giocatori attivi(3): Voi, BB, BU - Piatto: €3.10
  • BB fa check
  • Voi puntate €2.75
  • BU rilancia a €8
  • BB e Voi passate la mano

In questo caso, la situazione è diversa. È vero che avete una toppair con un ottimo kicker, tuttavia su questo flop sono plausibili molte mani contro le quali vi trovate in svantaggio, doppie coppie, un tris, una scala completa o un flush, o persino un Asso e Dieci con l'Asso di Fiori.

Persino nel caso in cui aveste ancora la mano migliore, l'avversario avrà così tante possibilità di superarvi da non lasciarvi più giocare. Probabilmente vi ricorderete la regola: piatti grandi per mani forti, piatti piccoli per mani deboli. In questo caso, il piatto è sostanzioso mentre la vostra mano è troppo debole, per cui non è redditizio continuare a giocare.

Come si gioca al turn?

Al turn bisogna valutare nuovamente la propria mano. È ancora forte e potete migliorarla o non ha alcun valore? Al turn è stato completato un possibile draw in mano all'avversario?

  • Con le made hand forti si continua a giocare aggressivamente.
  • Se al flop avete bluffato, passate la mano al turn.
  • Se avete un draw forte, allora potete continuare a giocare aggressivamente contro un avversario, solo passivamente contro più avversari.
  • Con le coppie forti si punta, tuttavia in presenza di carte comuni innocue si può anche fare check e vedere una puntata.
  • Se viene completato un possibile draw, bisogna alzare la guardia. Se avete in mano made hand forti senza particolari prospettive di miglioramento dovreste più che altro puntare e fare fold dopo un rilancio.
  • Se un avversario prima di voi punta, allora rilanciate solo con mani veramente forti ed evitate di bluffare.
Continuare a giocare aggressivamente le made hand forti

Se la vostra mano è ancora forte, doppia coppia o persino migliore, dovete continuare a giocare aggressivamente. Se è stato completato un progetto di mano migliore, bisogna valutare se puntare e fare fold dopo un rilancio oppure fare check e vedere una puntata avversaria.

ESEMPIO 25 - TRIS
Preflop - NL25 Blinds: €0.10/€0.25
Vi trovate in MP2
  • UTG1, UTG2, UTG3 e MP1 passano la mano
  • Voi rilanciate a €1
  • MP3 e CO passano la mano
  • BU vede €1
  • SB passa la mano
  • BB vede €0.75
Flop - Giocatori attivi(3): Voi, BB, BU - Piatto: €3.10
  • BB fa check
  • Voi puntate €2.5
  • BU e BB vedono €2.5
Turn - Giocatori attivi(3): Voi, BB, BU - Piatto: €10.60
  • BB fa check
  • Voi puntate €8.5

Anche al turn avete ancora la migliore mano possibile. Risultano probabili i flushdraw e gli straightdraw. È necessario proteggere ancora il vostro tris e tentare anche di portare altri soldi nel piatto. Per questo motivo, si punta.

ESEMPIO 26 - VIENE COMPLETATO UN FLUSH
Preflop - NL25 Blinds: €0.10/€0.25
Vi trovate in MP2
  • UTG1, UTG2, UTG3 e MP1 passano la mano
  • Voi rilanciate a €1
  • MP3 e CO passano la mano
  • BU vede €1
  • SB passa la mano
  • BB vede €0.75
Flop - Giocatori attivi(3): Voi, BB, BU - Piatto: €3.10
  • BB fa check
  • Voi puntate €2.5
  • BU e BB vedono €2.5
Turn - Giocatori attivi(3): Voi, BB, BU - Piatto: €10.60
  • BB fa check
  • Voi puntate €8.5

È vero che vengono completati i flushdraw e gli straightdraw, ciò nonostante avete ancora alcune probabilità di successo formando un full house al river. Gli avversari non devono necessariamente avere il flush o una straight. In effetti, con una singola carta di Cuori hanno già un flushdraw.

È possibile che vi troviate ancora in vantaggio, tuttavia dovete proteggere la mano e nel caso in cui vi troviate in svantaggio, avrete ancora dieci out per un full house o un poker.

Una combinazione così forte costituita da una made hand forte e un draw forte non può essere giocata passivamente, in quanto esistono fin troppe mani più deboli che vedranno una puntata e voi protrete alla fine vincere spesso anche se vi trovate momentaneamente in svantaggio.

Non continuare a bluffare al turn

Se al flop avete bluffato, allora al turn dovreste fare fold. Con i draw deboli e le mani prive di valore non vale la pena continuare a giocare. Il bluff diventerebbe costoso e funzionerebbe troppo raramente.

ESEMPIO 27 - BLUFF NON RIUSCITO
Preflop - NL25 Blinds: €0.10/€0.25
Vi trovate in CO
  • UTG1, UTG2, UTG3, MP1, MP2 e MP3 passano la mano
  • Voi rilanciate a €1
  • BU vede €1
  • SB e BB passano la mano
Flop - Giocatori attivi(2): Voi, BU - Piatto: €2.35
  • Voi puntate €1.4
  • BU vede €1.4
Turn - Giocatori attivi(2): Voi, BU - Piatto: €5.15
  • Voi fate check

La situazione è palese. Al flop avete bluffato, non vi è riuscito e la mano non è migliorata al turn. Per questo motivo, passate la mano. In questo caso, puntare ancora potrebbe anche funzionare talvolta, tuttavia vi ritrovereste a far lievitare artificialmente il piatto con un bluff. Il che è da evitare a ogni costo.

Giocare passivamente i draw forti

Se avete un draw forte, non è redditizio giocare aggressivamente contro più avversari. Si fa check e si sta a vedere se qualcuno punta. In caso affermativo, è possibile calcolare i propri pot odds e valutare se sia più opportuno fare call o fold.

Giocando contro un avversario solo potrebbe valere la pena effettuare una puntata. Ciò si verifica tuttavia solo se si hanno buone possibilità che l'avversario passi poi la mano. In caso contrario, bisogna giocare il draw passivamente e all'occorrenza passare la mano.

Anche se la vostra mano vi sembra buona, manca solo una carta comune e la probabilità di completare il vostro draw si è drasticamente ridotta.

ESEMPIO 28 - DRAW FORTE CONTRO UN AVVERSARIO
Preflop - NL25 Blinds: €0.10/€0.25
Vi trovate in CO
  • UTG1, UTG2, UTG3, MP1, MP2 e MP3 passano la mano
  • Voi rilanciate a €1
  • BU vede €1
  • SB e BB passano la mano
Flop - Giocatori attivi(2): Voi, BU - Piatto: €2.35
  • Voi puntate €1.4
  • BU vede €1.4
Turn - Giocatori attivi(2): Voi, BU - Piatto: €5.15
  • Voi puntate €3.25

Al flop avete bluffato. Il turn migliora la vostra mano in un flushdraw. Considerando che le carte comuni non consentono molte mani realmente forti, in questo caso potete continuare a bluffare ancora al turn.

Toppair e Overpair

Con le coppie si hanno due opzioni:

  • Si punta e si fa fold in caso di rilancio.

    Al flop un rilancio può essere anche un draw o un bluff. Al turn, però, in particolare nei limiti inferiori un rilancio denota quasi sempre una mano molto forte. Un'eccezione è rappresentata da giocatori estremamente loose-aggressivi, i cosiddetti maniac. Questi giocatori sono così aggressivi che rilanciano molto spesso anche al turn con made hand e draw più deboli o persino con bluff veri e propri. Contro questa tipologia di avversari, le overpair o le toppair con kicker elevato risultano ancora giocabili, a condizione che non sia stato completato un draw forte.

  • Si fa check

    Se vi trovate in posizione rispetto agli avversari e questi fanno check, potete anche voi fare check, in altre parole fate check behind. A seconda della rivercard poi potete vedere un'eventuale puntata. Se invece non siete in posizione, fate check e vedete la puntata. Al river poi dovrete valutare nuovamente tutto.

ESEMPIO 29 - PUNTATE
Preflop - NL25 Blinds: €0.10/€0.25
Vi trovate in CO
  • UTG1, UTG2, UTG3, MP1, MP2 e MP3 passano la mano
  • Voi rilanciate a €1
  • BU vede €1
  • SB passa la mano
  • BB vede €0.75
Flop - Giocatori attivi(3): Voi, BB, BU - Piatto: €3.10
  • BB fa check
  • Voi puntate €2.5
  • BU vede €2.5
  • BB passa la mano
Turn - Giocatori attivi(2): Voi, BU - Piatto: €8.10
  • Voi puntate €6

Puntare risulta appropriato soprattutto quando gli avversari hanno posizione su di voi o quando volete evitare di distribuire una rivercard gratuita. In questo esempio, è stato completato il flushdraw, tuttavia non è detto che sia in mano all'avversario. In questo momento, però, qualsiasi carta di Cuori gli assicura un flushdraw.

Siete pertanto costretti a puntare per proteggere la vostra mano. Se l'avversario rilancia, sarete molto probabilmente battuti e pertanto passate la mano. La stessa strategia di gioco sarebbe applicabile se al turn non fosse stato completato il flush, bensì il turn fosse stato ad esempio un Dieci di Picche. Se l'avversario rilancia, voi potete tranquillamente passare la mano.

ESEMPIO 30 - PUNTATE E FATE FOLD
Preflop - NL25 Blinds: €0.10/€0.25
Vi trovate in MP2
  • UTG1, UTG2, UTG3 e MP1 passano la mano
  • Voi rilanciate a €1
  • MP3 e CO passano la mano
  • BU vede €1
  • SB passa la mano
  • BB vede €0.75
Flop - Giocatori attivi(3): Voi, BB, BU - Piatto: €3.10
  • BB fa check
  • Voi puntate €2.5
  • BU vede €2.5
  • BB passa la mano
Turn - Giocatori attivi(2): Voi, BU - Piatto: €8.10
  • Voi puntate €6.5
  • BU rilancia a €15
  • Voi passate la mano

La migliore strategia di gioco considerando questa turncard è puntare e passare la mano dopo un rilancio. L'avversario rilancerà molto difficilmente con una mano peggiore della vostra. Voi però non potete neanche fare check, in quanto persino una mano come 22 possiede 14 out contro la vostra coppia di Fanti.

Se invece l'avversario vede soltanto la vostra puntata, allora potrete passare la mano direttamente al river oppure effettuare una piccola puntata e passare la mano dopo un rilancio.

ESEMPIO 31 - FATE CHECK
Preflop - NL25 Blinds: €0.10/€0.25
Vi trovate in CO
  • UTG1, UTG2, UTG3, MP1, MP2 e MP3 passano la mano
  • Voi rilanciate a €1
  • BU vede €1
  • SB passa la mano
  • BB vede €0.75
Flop - Giocatori attivi(3): Voi, BB, BU - Piatto: €3.10
  • BB fa check
  • Voi puntate €2.5
  • BU passa la mano
  • BB vede €2.5
Turn - Giocatori attivi(2): Voi, BB - Piatto: €8.10
  • BB fa check
  • Voi fate check

Questa strategia di gioco risulta appropriata nel momento in cui non risultano possibili draw di rilievo e voi vi trovate in posizione. In questo esempio, le carte comuni favoriscono al massimo un gutshotdraw come draw. Su questo turn non è necessario proteggere la propria mano.

Facendo check si verifica quanto segue:

  • Se l'avversario possiede una mano migliore, gli date meno soldi mantenendo il piatto piccolo.
  • Se l'avversario possiede una mano peggiore, ad es. un gutshot, una coppia di Assi peggiore, una coppia di Otto o un'altra coppia, farà molto spesso fold in risposta alle vostre puntate. Facendo check manifestate segni di debolezza, pertanto l'avversario probabilmente punterà ancora al river o sotto forma di bluff oppure perché convinto di avere la mano migliore. Se non dovesse puntare, vedrà probabilmente una vostra puntata.

Un caso particolare si verifica quando al turn viene completato un draw del flop. Se ad esempio al flop ci sono due carte di un colore e al turn scende la terza, allora bisogna valutare nuovamente la propria mano. Spesso si verifica che l'avversario vi abbia appena superato. In questi casi, risulta anche appropriato puntare con mani leggermente più forti che non hanno più alcuna possibilità di miglioramento per poi passare la mano dopo un rilancio.

Con le mani che possono ancora migliorare, come ad es. una coppia con un flushdraw forte, bisognerebbe fare check e vedere una puntata nel caso in cui non ci si trovi in posizione oppure fare check e vedere una puntata al river se invece si è in posizione.

Se l'avversario punta al turn prima di voi, allora dovreste rilanciare solo e soltanto con made hand realmente forti, come doppie coppie forti o mani migliori. Se viene completato un draw per una mano migliore, dovreste eventualmente anche evitare di rilanciare bensì soltanto fare call. Un'eccezione è rappresentata qui da un tris, nel caso in cui siano stati completati un flush e una scala.

Come si gioca al river?

Al river bisogna nuovamente chiedersi quanto forte sia la propria mano. Una prima occhiata vi fa già capire se sia sceso un draw che l'avversario potrebbe potenzialmente avere in mano. Se avete una made hand forte, a partire da doppie coppie, e con molta probabilità vi trovate ancora in vantaggio, dovreste continuare a giocare aggressivamente.

Se avete soltanto una toppair o una overpair con le quali avete puntato al flop e al turn, giunti al river dovreste evitare di puntare. Ciò non si applica al caso in cui l'avversario è loose o generalmente scarso. Anche con tutti gli altri avversari dovreste fare meglio check e vedere soltanto un'eventuale puntata. Ciò è particolarmente indicato se il flop consentiva ad es. un flushdraw, che non è stato ancora completato fino al river. Se al flop e al turn avete puntato, allora al river potete fare check, qualora l'avversario sia abbastanza aggressivo da bluffare con il flushdraw non ancora completato.

Se viene completato un draw e l'avversario è in posizione rispetto a voi, allora è preferibile puntare e fare fold dopo un rilancio. In questo modo, riceverete probabilmente altri soldi dalle made hand più deboli, per le quali l'avversario non avrebbe altrimenti investito più nulla. Contro gli avversari aggressivi potete anche fare check e vedere una puntata. Se la strategia avversaria dovesse indicare chiaramente che siete battuti, potete ovviamente sempre fare fold.

In generale al river si bluffa di meno. Se quindi al river viene completato un flush, voi puntate e l'avversario rilancia, potete stare sicuri che è l'avversario ad avercelo, per cui voi potete di solito fare fold.

Se avete doppie coppie o mani migliori dovreste continuare a puntare per offrire all'avversario la possibilità di vedere con una mano peggiore. Al river non dovreste più puntare così tanto come al flop e al turn, in quanto non è più necessario proteggere la mano. Di solito si punta sempre un importo pari all'incirca alla metà del piatto. Al river non dovreste inoltre bluffare. I bluff al river funzionano raramente.

ESEMPIO 32 - BLUFF NON RIUSCITO
Preflop - NL25 Blinds: €0.10/€0.25
Vi trovate in CO
  • UTG1, UTG2, UTG3, MP1, MP2 e MP3 passano la mano
  • Voi rilanciate a €1
  • BU vede €1
  • SB e BB passano la mano
Flop - Giocatori attivi(2): Voi, BU - Piatto: €2.35
  • Voi puntate €1.4
  • BU vede €1.4
Turn - Giocatori attivi(2): Voi, BU - Piatto: €5.15
  • Voi puntate €3.25
  • BU vede €3.25
River - Giocatori attivi(2): Voi, BU - Piatto: €11.65
  • Voi fate check

Come abbiamo detto, dovreste sempre abbandonare i bluff prima del river al massimo. In questo esempio, il flush draw al turn è l'unica cosa che ha reso possibile continuare a bluffare. Ora non potete aspettarvi che l'avversario passi dopo l'innocuo Due al river se ha chiamato fino ad ora. Vincerete davvero raramente con un'altra puntata.

ESEMPIO 33 - TOPPAIR
Preflop - NL25 Blinds: €0.10/€0.25
Vi trovate in CO
  • UTG1, UTG2, UTG3, MP1, MP2 e MP3 passano la mano
  • Voi rilanciate a €1
  • BU vede €1
  • SB passa la mano
  • BB vede €0.75
Flop - Giocatori attivi(3): Voi, BB, BU - Piatto: €3.10
  • BB fa check
  • Voi puntate €2.5
  • BU vede €2.5
  • BB passa la mano
Turn - Giocatori attivi(2): Voi, BU - Piatto: €8.10
  • Voi puntate €6
  • BU vede €6
River - Giocatori attivi(2): Voi, BU - Piatto: €20.10
  • Voi fate check
  • BU punta €10
  • Passate la mano

Questa è una situazione limite. Potete anche tentare di effettuare al river una piccola puntata. Se l'avversario rilancia, voi passate la mano. In questo modo, tuttavia, potrebbe eventualmente vedere ancora con mani più deboli, voi mantenete basso il prezzo per lo showdown e in caso di rilancio avversario, il bluff diventa improbabile.

Dall'altro lato, la probabilità di riuscita di un bluff è comunque molto bassa. L'avversario ha pur sempre visto al flop e al turn. Se ora punta al river, allora avrà già qualcosa in mano, che voi difficilmente riuscirete a battere. La maggior parte dei giocatori non punterà con coppie deboli di questo tipo, ma saranno contenti di vedere lo showdown.

Se puntano, avranno o una scala, un flush, nel migliore dei casi un tris o appunto un bluff. In questa situazione potete tranquillamente fare check e passare la mano dopo la puntata, a condizione che non sia troppo piccola.

ESEMPIO 34 - TOPPAIR
Preflop - NL25 Blinds: €0.10/€0.25
Vi trovate in CO
  • UTG1, UTG2, UTG3, MP1, MP2 e MP3 passano la mano
  • Voi rilanciate a €1
  • BU e SB passano la mano
  • BB vede €0.75
Flop - Giocatori attivi(2): Voi, BB - Piatto: €2.10
  • BB fa check
  • Voi puntate €1.4
  • BB vede €1.4
Turn - Giocatori attivi(2): Voi, BB - Piatto: €4.90
  • BB e Voi fate check
River - Giocatori attivi(2): Voi, BB - Piatto: €4.90
  • BB punta €3
  • Voi vedete €3

In questo esempio si è scelta la strategia tipica del potcontrol. Avete rilanciato al preflop e su un board innocuo avete formato una toppair con un kicker medio forte. Voi puntate e l'avversario risponde con un call.

Al turn la situazione non cambia di molto. L'avversario fa check e voi lo imitate. Su un river innocuo l'avversario punta e voi fate call. Voi puntate al flop, fate check al turn e vedete la puntata al river. Fissatevi in mente questa sequenza.

In questo esempio, non dovete puntare al turn prima del vostro avversario. In caso contrario, scaccerete soltanto tutte le mani che riuscite a battere. Un Nove continua a giocare così come forse un Re. Il flushdraw può essere trascurato, in quanto viene completato solo al turn e non presenta carte con le quali l'avversario può aver fatto call al flop.

Non è necessario proteggere la mano, per cui potete indurre l'avversario a puntare ancora con una mano peggiore al river mentre voi fate in modo di mantenere il piatto piccolo nell'eventualità vi trovaste in svantaggio.

Conclusione

Un gioco di posizione aggressivo e controllato è la chiave del successo nel No-Limit Hold'em. Per questo motivo, la situazione di gioco più comune e importante è aver rilanciato al preflop e quindi agire come preflopaggressor nei giri di puntata a partire dal flop.

Una domanda frequente riguarda la continuationbet. I principi fondamentali di questa azione sono stati presentati in questo articolo. Si consiglia di puntare sempre con made hand forti o draw forti per un importo compreso tra la metà e l'intera entità del piatto.

In caso contrario, i draw vanno giocati passivamente. A tal proposito, la teoria alla base di questa strategia è stata presentata negli articoli relativi ai pot odds e agli implied pot odds. Inoltre, non bisogna mai bluffare contro più di due avversari o giocatori loose che malvolentieri passano la mano.

Al turn, si passano i bluff. Si continua a puntare con le made hand forti. I draw vanno giocati passivamente secondo i pot odds, tranne nel caso favorevole in cui l'avversario possiede un draw forte. Se si hanno in mano coppie e non si è in posizione bisognerebbe più che altro puntare, mentre se si è in posizione e ci sono carte comuni senza draw bisognerebbe anche fare solo check.

Al river è possibile a quel punto vedere una puntata. Se invece avete puntato con una coppia al flop e al river, allora non dovreste più puntare in posizione, eccetto se gli avversari sono scarsi, bensì fare solo check.

Se si ha la mano migliore, bisogna continuare a giocare aggressivamente al river, diminuendo però gli importi delle puntate. Al river bisognerebbe puntare per un importo pari a circa la metà del piatto.

Il prossimo articolo prende in esame la situazione di gioco opposta, in cui avete visto un rilancio al preflop.

Clic per accedere all'articolo: Gioco al postflop - Un avversario ha rilanciato al preflop

 

Commenti (5)

#2 lucace, 23.08.12 14:33

esempio 33- top pair<br /> Non è troppo weak check-foldare al river? Vilain non potrebbe puntare qui con un busted draw in posizione (facendo leva sul fatto che noi siamo giocatori aggressivi e che facilamente barrelliamo flop e turn)? L'avversario potrebbe averci seguito con l'asso di cuori o un K di cuori debole o anche meno (dato che si già ci avrà visto barrellare parecchio in precedenza), in fondo dovremmo trovarlo bianco 1 volta su 3 per rendere corretto il call!<br /> Ho detto una marea di stupidaggini?

#3 blackmagicnew, 28.11.13 23:06

visto

#4 Kdfumo, 27.07.14 15:24

Posso usare questi articoli come punto di riferimento anche per i tavoli shorthanded?

#5 Thukam, 23.12.14 21:56

Esempio 11: con QJs in CO non sarebbe più appropriato chiamare i 2 limper, per poi foldare al rilancio del button?

#6 pgp67, 07.10.15 10:15

Visto