Strategie vincenti ti portano a successi a lungo termine nel poker online – Registrati gratis!

Le migliori strategie Con le corrette strategie il poker diventa un gioco facile. I nostri autori ti spiegano come vincere passo dopo passo.

I più intelligenti imparano da e con i professionisti internazionali nei nostri live coaching e sul forum.

Poker bonus gratis PokerStrategy.com è gratuito. Inoltre c'è un poker bonus gratis che ti aspetta.

Sei già un membro di PokerStrategy.com? Fai il log in qui

StrategiaNo Limit (NL)

Gioco al postflop - Nessun rilancio al preflop

Introduzione

In questo articolo
  • Perché non si devono mai giocare passivamente le made hand al postflop
  • Perché si necessita di una mano forte per giocare in un piatto grande
  • Perché non si dovrebbe mai bluffare al river

A volte capita che nessun giocatore rilanci al preflop. Questa situazione dà origine al cosiddetto piatto non rilanciato (in inglese “unraised pot”). Il gioco quindi è completamente diverso rispetto a quello che si sviluppa dopo un rilancio al preflop. Nessuno svolge il ruolo dell’aggressor né ha tantomeno l’iniziativa.

Nelle mani in cui nessuno ha rilanciato al preflop, i giocatori hanno di solito una gamma più ampia di mani e intendono vedere il flop in modo economico, ad es. con mani più deboli, come carte dello stesso seme.

In tale situazione, il giocatore seduto nel big blind può persino avere una qualsiasi combinazione di carte, in quanto al preflop può fare semplicemente check e non ha alcun motivo per passare la mano.

Spesso in mani di questo tipo sono attivi diversi giocatori. Una volta che il primo giocatore fa solo call al preflop (detto limp), allora gli altri giocatori tenderanno a limpare per vedere il flop in modo economico.

Vi trovate quindi spesso contro numerosi giocatori che possiedono una vasta gamma di mani e nessuno di essi gode del vantaggio dell’iniziativa. Il motivo sicuramente più importante per cui si necessita di una strategia per i piatti non rilanciati è l’entità del piatto. Poiché non c’è stato alcun rilancio, il piatto è significativamente più piccolo.

ESEMPIO 1 - CON RILANCIO
Preflop - NL25 Blinds: €0.10/€0.25
Vi trovate in CO
  • UTG1 vede €0.25
  • UTG2 e UTG3 fanno fold
  • MP1 vede €0.25
  • MP2 e MP3 fanno fold
  • Voi rilanciate a €1.5
  • BU, SB e BB fanno fold
  • UTG1 e MP1 vedono €1.25
Il piatto è pari a €4.85.
ESEMPIO 2 - NESSUN RILANCIO
Preflop - NL25 Blinds: €0.10/€0.25
Vi trovate in CO
  • UTG1 vede €0.25
  • UTG2 e UTG3 fanno fold
  • MP1 vede €0.25
  • MP2 e MP3 fanno fold
  • Voi vedete €0.25
  • BU e SB fanno fold
  • BB fa check
Il piatto è pari a €1.10.

Come si può notare, nell’esempio 1 il piatto è oltre quattro volte maggiore rispetto all’esempio 2. Anche il rapporto tra il vostro stack e il piatto è diverso. Nell’esempio 1 avete a disposizione in chips circa il quintuplo del piatto, mentre nell’esempio 2 avete addirittura 22 volte il piatto.

È ovvio quindi che la vostra strategia di gioco sarà diversa nei due casi menzionati. In una mano in cui al preflop non c’è stato alcun rilancio, avrete bisogno di un buon motivo per far lievitare il piatto; avete investito una parte minimale delle vostre chips. A questo punto, per poter rischiare una parte più considerevole delle vostre chips, c'è bisogno di un motivo valido: avere una buona mano.

Esiste una vecchia regola nel poker: "Never go broke in an unraised pot" - Non finire mai in bancarotta in un piatto in cui nessuno ha rilanciato. Può essere una regola generale, tuttavia indica chiaramente che è necessario avere una mano veramente forte per far crescere notevolmente un piatto piccolo in cui si è investito molto poco.

In questo articolo scopriremo il motivo di tutto ciò e come si giocano le mani quando non c’è stato alcun rilancio al preflop. Si farà spesso riferimento a concetti spiegati negli articoli teorici relativi ai principi matematici del poker. Se non li avete ancora letti, vi consigliamo di farlo prima di dedicarvi a questo articolo.

Clic per accedere all’articolo: Principi matematici del poker - Odds & Out

Clic per accedere all’articolo: Principi matematici del poker - Implied Pot Odds

Torniamo ora al nostro argomento. Nel primo paragrafo analizzeremo come si origina un piatto non rilanciato, con quali carte siete presenti nel piatto e quali combinazioni si tentano di formare.

DOWNLOADS

Le charts per il gioco prima del flop

Overview della matematica nel poker - Odds e Outs

Quali mani tentate di formare?

Ciascun giocatore entra in un piatto non rilanciato in due modi diversi. O è il big blind, quindi non paga nulla e fa check, oppure si vede il big blind da una qualsiasi posizione e non viene effettuato alcun rilancio. Questa azione viene chiamata “limp”. Numerosi giocatori la applicano da tutte le posizioni possibili, indipendentemente che prima di loro sia entrato qualcuno nel piatto o meno. Chiaramente, avranno un range ampissimo di mani e potranno avere due carte qualsiasi.

Voi invece fate limp solo con mani selezionate e da posizioni selezionate:

  • Siete il big blind e fate check con qualsiasi mano, eccetto TT, JJ, QQ, KK, AA e AK, con cui rilanciate.
  • Oppure, investite volontariamente dei soldi da una delle altre posizioni e fate limp.

Mentre nel big blind potete avere più o meno qualsiasi mano, fate limp solo con carte che si giocano bene al postflop in un piatto non rilanciato. Si tratta quasi esclusivamente di mani speculative come le piccole coppie, un Asso con un kicker basso dello stesso seme, carte in sequenza dello stesso seme come 76 (chiamate suited connector) e le figure.

Come si è già visto nello schema (Starting-Hands-Chart), non si fa mai limp da posizione iniziale. Ogni qualvolta giocate da questa posizione, allora rilanciate. Le motivazioni sono ben note: giocare senza iniziativa e senza posizione è una situazione spinosa ed è spesso un modo di perdere soldi.

Se prima di voi nessun giocatore è entrato nel piatto, si fa solitamente limp solo con piccole coppie, in quanto consentono di vedere ancora un eventuale piccolo rilancio dopo di voi. Se legherete il vostro set molto probabilmente vincerete il piatto, altrimenti potrete facilmente passare la mano. Con le altre mani non vale invece la pena fare limp e poi vedere un rilancio. In effetti, formereste raramente una combinazione forte per giustificare l'investimento.

Con tutte le altre mani sopraccitate si potrà fare limp solo se prima di voi è entrato qualcuno nel piatto. Questo incrementa la probabilità che qualcuno vi paghi nel caso doveste formare una mano forte.

Cosa si desidera di fatto formare? In generale si spera di formare mani tipo un tris, un flushdraw e/o uno straightdraw. In un piatto non rilanciato si cercano mani forti con le quali poter giocare in un piatto sostanzioso, per l’appunto tris, colore, scala e in alcuni casi anche doppie coppie.

Se non formate nulla di simile, potete passare le carte a cuor leggero. Le mani limite quali le doppie coppie vanno portate avanti con cautela. Su questo argomento ci ritorneremo più avanti.

ESEMPIO 3 - COPPIA PICCOLA
Preflop - NL25 Blinds: €0.10/€0.25
Vi trovate in MP1
  • UTG1, UTG2 e UTG3 fanno fold
  • Voi vedete €0.25
  • MP2, MP3 e CO fanno fold
  • BU vede €0.25
  • SB fa fold
  • BB fa check
Flop - Giocatori attivi(2): BB, BU - Piatto: €0.85
 

In questa mano avete una coppia piccola. Le coppie sono le uniche mani con le quali si entra nel piatto per primi facendo solo limp. Il motivo è stato già chiarito: potete sempre vedere un piccolo rilancio dopo di voi e tentare di legare un tris. Al flop, quindi, saprete esattamente se continuare a giocare o meno.

Con le altre carte, come ad es. carte suited (dello stesso seme) che possono darvi un flushdraw, la situazione non è così semplice. Innanzitutto, non avete probabilità elevate di completare il punto; in secondo luogo, si forma di solito soltanto un draw che può diventare molto costoso da giocare.

ESEMPIO 4 - SUITED CONNECTOR
Preflop - NL25 Blinds: €0.10/€0.25
Vi trovate in MP1
  • UTG1, UTG2 e UTG3 fanno fold
  • Mp1 e Voi vedete €0.25
  • MP3 e CO fanno fold
  • BU vede €0.25
  • SB fa fold
  • BB fa check
Flop - Giocatori attivi(4): MP1,Voi, BB, BU - Piatto: €1.10
 
ESEMPIO 5- CARTE ALTE DELLO STESSO COLORE
Preflop - NL25 Blinds: €0.10/€0.25
Vi trovate in MP3
  • UTG1 vede €0.25
  • UTG2 fa fold
  • UTG3 vede €0.25
  • MP1 e MP2 fanno fold
  • Voi vedete €0.25
  • CO fa fold
  • BU vede €0.25
  • SB fa fold
  • BB fa check
Flop - Giocatori attivi(5): Voi, BB, UTG1, UTG3, BU - Piatto: €1.35
 

In entrambi gli esempi, si può notare che a partire dalla posizione intermedia potete entrare nel piatto con mani speculative, come due carte in sequenza dello stesso seme (56s) o due carte alte sempre dello stesso seme, se prima di voi è entrato nel piatto già almeno un altro giocatore e siete in posizione media o successiva.

ESEMPIO 6 – ASSO CON KICKER BASSO DELLO STESSO COLORE
Preflop - NL25 Blinds: €0.10/€0.25
Vi trovate in BU
  • UTG1 vede €0.25
  • UTG2 e UTG3 fanno fold
  • MP1 vede €0.25
  • MP2, MP3 e CO fanno fold
  • Voi vedete €0.25
  • SB fa fold
  • BB fa check
Flop - Giocatori attivi(4): Voi, BB, UTG1, MP1 - Piatto: €1.10
 

In posizione finale, oltre alle mani sopraccitate si aggiungono anche gli assi con kicker basso dello stesso seme. Con queste carte, si può contare meno su una coppia di Assi rispetto ad un flush od un flushdraw. Se al flop formate soltanto una coppia di Assi, vi ritroverete dinanzi al problema del kicker debole e perdere parecchi soldi contro una top pair con miglior kicker.

Quanto è forte la mano?

La forza delle vostre mani non dipende soltanto dalle carte in se. Non si può semplicemente dire: ho una scala, perciò vado all-in.

La forza della mano va sempre considerata in relazione a diversi fattori. Tra questi ritroviamo in particolar modo:

  • La mano in vostro possesso.
  • Il numero degli avversari. Quanti più sono gli avversari, tanto più forte dovrà essere la vostra mano.
  • La vostra posizione rispetto agli avversari. Quanti giocatori agiscono prima di voi e quanti dopo? È sempre meglio avere meno giocatori possibili dopo di voi.
  • Come giocano gli avversari? Se un rock improvvisamente diventa aggressivo al flop, potete passare la vostra coppia senza esitare.

Il primo punto dell’elenco riguarda la forza assoluta della mano. Le mani che si possono avere al flop possono essere suddivise approssimativamente in cinque categorie:

  • Mani prive di valore
  • Draw deboli
  • Draw forti
  • Made hand semiforti
  • Made hand forti
1. Mani prive di valore

A questa categoria appartengono tutte le mani che non sono né una made hand né hanno alcuna potenzialità di chiusura di un progetto.

O si è mancato completamente il flop o si ha solo una mano debole come una coppia media. Di solito queste mano vengono subito passate, non appena qualche avversario mostra aggressività.

ESEMPIO 7 – MANO COMPLETAMENTE PRIVA DI VALORE
Preflop - NL25 Blinds: €0.10/€0.25
Vi trovate in BB
  • UTG1 fa fold
  • UTG2 vede €0.25
  • UTG3 e MP1 fanno fold
  • MP2 e MP3 vedono €0.25
  • CO fa fold
  • BU vede €0.25
  • SB fa fold
  • Voi fate check
Flop - Giocatori attivi(5): Voi, UTG2, MP2, MP3, BU - Piatto: €1.10
 

Esempio standard e prevedibile. La mano al preflop era scarsa e lo è tuttora. Non avete alcuna possibilità di formare qualcosa di valido. Easy fold: se qualcuno punta, si passa la mano.

ESEMPIO 8 – MANO MOLTO DEBOLE
Preflop - NL25 Blinds: €0.10/€0.25
Vi trovate in BU
  • UTG1 vede €0.25
  • UTG2 e UTG3 fanno fold
  • MP1 vede €0.25
  • MP2, MP3 e CO fanno fold
  • Voi vedete €0.25
  • SB fa fold
  • BB fa check
Flop - Giocatori attivi(4): Voi, BB, UTG1, MP1 - Piatto: €1.10
 

In questo caso avete una coppia, ma niente di più. Qualsiasi Dieci e qualsiasi Fante vi battono. Tutte le mani che non sono ancora in grado di battervi hanno numerose chance di pescare ancora una carta più alta e quindi di superarvi.

Le uniche due carte che vi possono aiutare sono gli altri due Quattro presenti nel mazzo. La probabilità che uno di questi venga distribuito è pertanto irrisoria. Per questo motivo, non conviene continuare a giocare.

ESEMPIO 9 – UN PO’ DI POTENZIALE
Preflop - NL25 Blinds: €0.10/€0.25
Vi trovate in BU
  • UTG1 vede €0.25
  • UTG2 e UTG3 fanno fold
  • MP1 vede €0.25
  • MP2, MP3 e CO fanno fold
  • Voi vedete €0.25
  • SB fa fold
  • BB fa check
Flop - Giocatori attivi(4): Voi, BB, UTG1, MP1 - Piatto: €1.10
 

Questa mano non si discosta molto in meglio da quella precedente, tuttavia le vostre carte valgono hanno un po' di potenziale: non avete più solo due outs bensì cinque, ossia ciascun Cinque e ciascun Sei. Al turn potreste anche pescare un flushdraw, che però non aumenta di molto le vostre possibilità.

Nel complesso si hanno maggiori possibilità di migliorare la mano rispetto all'esempio precedente. Ciò nonostante, si tratta pur sempre di una mano debole e generalmente si dovrà passare la mano di fronte ad un aggressione.

2. Draw deboli

Tra i draw deboli ritroviamo tutte le mani che non sono una made hand, ma hanno un certo margine di miglioramento. Il confine fra mani prive di valore e draw deboli è molto sottile, in quanto una mano come una coppia piccola è da un lato una mano priva di valore, dall’altro però anche un draw debole in grado di migliorare, seppure raramente.

A questa categoria appartengono i gutshot, le coppie con la carta comune più bassa o intermedia e le overcard. In generale, non è proficuo portare avanti questi progetti. Diamo un'occhiata ad alcuni esempi:

ESEMPIO 10 – CASO LIMITE
Preflop - NL25 Blinds: €0.10/€0.25
Vi trovate in BU
  • UTG1 vede €0.25
  • UTG2 e UTG3 fanno fold
  • MP1 vede €0.25
  • MP2, MP3 e CO fanno fold
  • Voi vedete €0.25
  • SB fa fold
  • BB fa check
Flop - Giocatori attivi(4): Voi, BB, UTG1, MP1 - Piatto: €1.10
 

Questo esempio è stato già riportato per le mani prive di valore. Questa mano è sul confine tra le due categorie, ossia mani prive di valore e draw debole.

La mano si trova nella posizione per cui, è vero che cinque mani la migliorano, tuttavia soltanto due le consentono di diventare un tris forte, mentre con le altre tre diventa solo una doppia coppia relativamente debole.

Questa mano ha quindi delle chances, talvolta può vincere persino uno showdown, ma in complesso il potenziale è basso. Si hanno migliori possibilità nell'esempio seguente.

ESEMPIO 11- GUTSHOT
Preflop - NL25 Blinds: €0.10/€0.25
Vi trovate in SB
  • UTG1 vede €0.25
  • UTG2 e UTG3 fanno fold
  • MP1 vede €0.25
  • MP2, MP3, CO e BU fanno fold
  • Voi vedete €0.15
  • BB fa check
Flop - Giocatori attivi(4): Voi, BB, UTG1, MP1 - Piatto: €1.00
 

In questo esempio vi sono utili solo quattro carte, tutti i Re, ma in tal caso otterreste sicuramente con la scala anche la mano migliore. In generale si dà maggiore importanza al draw se si ottiene con questo la migliore mano possibile.

Con alcuni straightdraw è pertanto necessario stare attenti. Se con il draw non ottenete la migliore scala possibile, esisterà sempre la possibilità che un avversario ottenga una scala migliore. La cosa diventerà costosa quando la carta, che aiuta voi, aiuta anche lui.

Con questo tipo di mani bisogna stare particolarmente attenti, in quanto queste appartengono alle cosiddette mani grattacapo, con le quali o si vince solo un piatto piccolo o se ne perde uno sostanzioso.

ESEMPIO 12 – MANO COMPLETAMENTE PRIVA DI VALORE
Preflop - NL25 Blinds: €0.10/€0.25
Vi trovate in CO
  • UTG1 vede €0.25
  • UTG2, MP1, MP2 e MP3 fanno fold
  • Voi vedete €0.25
  • BU e SB fanno fold
  • BB fa check
Flop - Giocatori attivi(4): Voi, BB, UTG1, UTG3 - Piatto: €0.85
 

In questo caso, ciascun Otto vi assicura una scala, purtroppo però qualsiasi Fante in mano ad un avversario batterebbe la vostra scala e una mano più debole raramente vi paga, se siete in vantaggio. Ciascun giocatore è consapevole che ciascun 6 e ciascun Fante formano la scala. In questo esempio si aggiunge anche che è plausibile ci sia un flushdraw che potrebbe battervi allo showdown.

ESEMPIO 13 – PIÙ DRAW DEBOLI
Preflop - NL25 Blinds: €0.10/€0.25
Vi trovate in BU
  • UTG1 vede €0.25
  • UTG2 e UTG3 fanno fold
  • MP1 vede €0.25
  • MP2, MP3 e CO fanno fold
  • Voi vedete €0.25
  • SB fa fold
  • BB fa check
Flop - Giocatori attivi(4): Voi, BB, UTG1, MP1 - Piatto: €1.10
 

Qui sei outs vi assicurano una toppair, tutte le carte di Picche un flushdraw, tutti i Nove o gli Assi un gutshot e tutti i Fanti un OESD. In totale, non avete un draw forte, ma ci sono diverse carte che vi aiutano. In determinate circostanze questa mano è giocabile per una piccola puntata.

3. Draw forti

A partire da questa categoria, la situazione si fa interessante. Mentre nelle categorie precedenti non fate nulla di sbagliato se passate la vostra mano al flop, con i draw forti si richiede più attenzione.

I draw forti non possono vincere direttamente uno showdown, tuttavia hanno buone possibilità di trasformarsi in una mano forte. Tra questi ritroviamo sicuramente il flushdraw, l’OESD, ma anche i cosiddetti combodraw, che sono costituiti da un insieme di draw contemporanei, ad esempio da una coppia e un flushdraw oppure persino da un flushdraw e un OESD.

I draw forti sono mani valide, il che però non significa che bisogna portarli avanti a tutti i costi. Di seguito verrà chiarito come bisogna giocarli.

ESEMPIO 14 - OESD
Preflop - NL25 Blinds: €0.10/€0.25
Vi trovate in MP2
  • UTG1 vede €0.25
  • UTG2, UTG3 e MP1 fanno fold
  • Voi vedete €0.25
  • MP3 e CO fanno fold
  • BU vede €0.25
  • SB fa fold
  • BB fa check
Flop - Giocatori attivi(4): Voi, BB, UTG1, BU - Piatto: €1.10
 

Un classico draw forte è l’OESD su un flop composto da tre carte di diverso seme (rainbow flop). Vi risultano utili otto carte, le quali sono in grado di assicurarvi persino la migliore scala possibile. Si tratta chiaramente di una buona situazione.

Se il progetto non fosse per la miglior scala possibile o se il flop presentasse due carte dello stesso seme in grado di dare un flushdraw, bisognerebbe svalutare la forza del vostro progetto.

ESEMPIO 15 – OESD PRIVO DI VALORE
Preflop - NL25 Blinds: €0.10/€0.25
Vi trovate in MP2
  • UTG1 vede €0.25
  • UTG2, UTG3 e MP1 fanno fold
  • Voi vedete €0.25
  • MP3 e CO fanno fold
  • BU vede €0.25
  • SB fa fold
  • BB fa check
Flop - Giocatori attivi(4): Voi, BB, UTG1, BU - Piatto: €1.10
 

In questo esempio si ha un OESD, tuttavia due fattori lo svalutano:

  • È plausibile che ci sia un flushdraw.
  • Utilizzate soltanto una carta e non state pescando per formare la scala migliore.

Avete quindi in mano la cosiddetta idiot end straight, in quanto accostate il Tre all'estremità inferiore. Se al turn scendesse ora un Sette e voi senza pensare investiste tutti i vostri soldi con la scala, agireste in maniera grossolana e appunto stupida. Qualsiasi Otto vi batterebbe.

Avete in mano un OESD, tuttavia in questo scenario non vale quasi nulla. La mano appartiene in questo caso più che altro alla categoria delle mani prive di valore.

ESEMPIO 16 - FLUSH DRAW
Preflop - NL25 Blinds: €0.10/€0.25
Vi trovate in MP2
  • UTG1 vede €0.25
  • UTG2, UTG3 e MP1 fanno fold
  • Voi vedete €0.25
  • MP3 e CO fanno fold
  • BU vede €0.25
  • SB fa fold
  • BB fa check
Flop - Giocatori attivi(4): Voi, BB, UTG1, BU - Piatto: €1.10
 

Un flushdraw è sempre una bella mano, a condizione che utilizziate entrambe le vostre carte. In questo esempio, sono possibili flushdraw migliori, tuttavia non molto probabili, per cui potete presumere di avere la mano migliore se al turn scende un’altra carta di Cuori.

ESEMPIO 17 – FLUSHDRAW PRIVO DI VALORE
Preflop - NL25 Blinds: €0.10/€0.25
Vi trovate in MP2
  • UTG1 vede €0.25
  • UTG2, UTG3 e MP1 fanno fold
  • Voi vedete €0.25
  • MP3 e CO fanno fold
  • BU vede €0.25
  • SB fa fold
  • BB fa check
Flop - Giocatori attivi(4): Voi, BB, UTG1, BU - Piatto: €1.10
 

Questo esempio mostra il rovescio della medaglia. Il flushdraw non vale nulla per i seguenti motivi: utilizzate solo una delle vostre carte; ciascuna carta di Fiori più alta del vostro Otto ottiene un colore migliore; in presenza di tre avversari ancora in gioco è persino probabile che uno di questi abbia in mano un flushdraw migliore.

ESEMPIO 18 – COPPIA AL FLOP
Preflop - NL25 Blinds: €0.10/€0.25
Vi trovate in MP3
  • UTG1 fa fold
  • UTG2 e UTG3 vedono €0.25
  • MP1 e MP2 fanno fold
  • Voi vedete €0.25
  • CO, BU e SB fanno fold
  • BB fa check
Flop - Giocatori attivi(4): Voi, BB, UTG2, UTG3 - Piatto: €1.10
 

In generale bisogna sempre alzare la guardia nel momento in cui le carte comuni presentano una coppia. Questo perché è possibile che qualcuno abbia già un full house o un tris che può trasformarsi in seguito in un full house.

I flushdraw e gli straightdraw vanno spesso svalutati in presenza di coppie tra le carte comuni e in particolare in presenza di numerosi avversari.

Ciò che svaluta ulteriormente lo straightdraw in questo esempio sono i seguenti motivi:

  • ... che non riuscite a formare la migliore scala possibile. Un Dieci non vi assicura necessariamente la mano migliore.
  • ... che è possibile ci sia un flushdraw. Di fatto vi aiutano solo 6 outs svalutati (dagli 8 totali), i quali potrebbero anche regalare un full house a un avversario che possiede un tris.

In definitiva la mano rientra più che altro tra i draw deboli e pertanto dovete procedere con particolare cautela nel caso decideste di portarla avanti.

ESEMPIO 19 - MONSTER DRAW
Preflop - NL25 Blinds: €0.10/€0.25
Vi trovate in MP2
  • UTG1 fa fold
  • UTG2 vede €0.25
  • UTG3 fa fold
  • MP1 e Voi vedete €0.25
  • MP3 fa fold
  • CO vede €0.25
  • BU fa fold
  • SB vede €0.15
  • BB fa check
Flop - Giocatori attivi(6): Voi, SB, BB, UTG2, MP1, CO - Piatto: €1.50
 

Concludiamo con un esempio di un vero e propri monster draw: avete un flushdraw e un OESD. In totale 15 outs vi sono utili - raramente potrete avere di meglio.

4. Made hand semiforti

Contro diversi avversari, la coppia media è una mano senza valore. Contro pochi avversari, tuttavia, può essere considerata come una made hand semiforte.

Nei piatti con più giocatori vi troverete contro quasi sempre solo toppair con kicker forte, qualcosa tipo un Re o una Donna. Raramente avrete una overpair se al preflop avete fatto limp con una coppia.

Queste mani sono di per sé abbastanza forti per investire dei soldi, ma dovrete essere in grado di lasciarle perdere se un avversario decide di restare in gioco - soprattutto se diventa aggressivo.

ESEMPIO 20 – TOPPAIR VULNERABILE
Preflop - NL25 Blinds: €0.10/€0.25
Vi trovate in MP1
  • UTG1 vede €0.25
  • UTG2 e UTG3  fanno fold
  • Voi vedete €0.25
  • MP2, MP3, CO, BU e SB fanno fold
  • BB fa check
Flop - Giocatori attivi(3): Voi, BB, UTG1 - Piatto: €0.85
 

Si tratta di una mano abbastanza forte, ma comunque vulnerabile. In queso caso, siete di solito in vantaggio, in caso di resistenza dovreste tuttavia procedere con cautela, in quanto proprio in un piatto non rilanciato potreste essere sconfitti da 22 oppure JT o anche T2 del big blind.

ESEMPIO 21 – PICCOLA OVERPAIR
Preflop - NL25 Blinds: €0.10/€0.25
Vi trovate in MP3
  • UTG1 e UTG2 vedono €0.25
  • UTG3, MP1 e MP2 fanno fold
  • Voi vedete €0.25
  • CO fa fold
  • BU vede €0.25
  • SB fa fold
  • BB fa check
Flop - Giocatori attivi(5): Voi, BB, UTG1, UTG2, BU - Piatto: €1.35
 

Anche in questo caso abbiamo una mano forte, ma comunque molto vulnerabile. Esistono parecchie carte che al turn potrebbero privarvi della vostra overpair. Inoltre potreste essere contro ad un flushdraw e/o ad uno straightdraw.

Potreste anche essere già indietro contro una scala completa, una doppia coppia (in particolare 54), un set con 44, 55 oppure 88 o talvolta anche una coppia più alta come due Dieci o due Fanti, con i quali l'avversario può aver fatto limp al preflop.

Non c'è ragione di perdere immediatamente interesse dalla vostra mano, tuttavia in caso di resistenza dovreste passare la mano, in particolare in presenza di numerosi avversari. Se non siete ancora sconfitti, i vostri avversari avranno spesso ancora buone possibilità di superarvi con un draw forte.

Giocando contro molti avversari, come in questo caso, anche una pocket pair più alta non vi mette in una buona situazione, però contro pochi avversari questa mano può essere considerata una made hand forte. Di queste ci occuperemo in seguito nell’articolo.

ESEMPIO 22 - BOTTOM TWO PAIR
Preflop - NL25 Blinds: €0.10/€0.25
Vi trovate in MP3
  • UTG1 e UTG2 vedono €0.25
  • UTG3, MP1 e MP2 fanno fold
  • Voi vedete €0.25
  • CO fa fold
  • BU vede €0.25
  • SB fa fold
  • BB fa check
Flop - Giocatori attivi(5): Voi, BB, UTG1, UTG2, BU - Piatto: €1.35
 

Anche per questa mano vale quanto è stato detto prima. In questo momento avete probabilmente la mano migliore, tuttavia esistono molte carte che potrebbero causarvi un po’ di problemi al turn o al river. Con queste mani, chiamate bottom two pair, dovreste fare attenzione su questo flop e in particolare giocando contro più avversari.

La mano non è così forte come sembrerebbe al primo sguardo. Qualsiasi avversario con un Otto ha la possibilità di superare la vostra mano. Non vi trovate quindi necessariamente in vantaggio e potreste essere facilmente superati.

5. Made hand forti

L’ultima categoria è costituita dalle made hand forti. Si parte dalle doppie coppie forti, si passa per i tris, le scale, i colori fino a giungere alla scala reale.

ESEMPIO 23 - TOP-TWOPAIR
Preflop - NL25 Blinds: €0.10/€0.25
Vi trovate in BB
  • UTG1, UTG2, UTG3, MP1 e MP2 fanno fold
  • MP3 e CO vedono €0.25
  • BU e SB fanno fold
  • Voi fate check
Flop - Giocatori attivi(3): Voi, MP3, CO - Piatto: €0.85
 

Rispetto alla doppia coppia dell’esempio precedente, le doppie coppie sono particolarmente forti quando viene formata una coppia con la carta comune più alta e l’altra con la seconda carta comune più alta. Questa prende il nome di top two pair.

In questo caso, vi sconfiggono soltanto un improbabile tris di Re, un tris di Cinque e un tris di Due, ossia solo tre mani. Molto probabilmente avete quindi la mano migliore. Ciò nonostante, sono possibili alcuni draw. In particolare, il possibile colore di Cuori e l’OESD con 43 sono progetti pericolosi.

In questo esempio, il vostro obiettivo primario dovrebbe essere proteggere la mano da questi draw presentando loro un prezzo elevato per vedere la turn card e quindi svantaggioso.

ESEMPIO 24 - TRIS
Preflop - NL25 Blinds: €0.10/€0.25
Vi trovate in BB
  • UTG1 e UTG2 fanno fold
  • UTG3 e MP1 vedono €0.25
  • MP2, MP3, CO, BU e SB fanno fold
  • Voi fate check
Flop - Giocatori attivi(3): Voi, UTG3, MP1 - Piatto: €0.85
 

Un tris, in questo caso trips, è anch’esso una mano molto forte. In questo momento, vi trovate indietro soltanto contro un tris di Quattro con kicker migliore (Fante, Re, Asso) e un full house (due Donne oppure Donna/Quattro).

È però possibile un flushdraw e vedere un'altra Donna scendere sarebbe molto poco gradevole. In nessun caso, in una situazione del genere, dovreste giocare in modo "tricky" (particolare, al di fuori degli schemi) e tentare di tendere una trappola all’avversario. In particolare in presenza di più avversari la cosa migliore da fare è sempre il puntare aggressivamente.

Che ruolo svolgono gli avversari?

Oltre alle carte che avete in mano dovete anche fare attenzione ai giocatori contro cui giocate e le loro azioni.

In tal caso, risultano determinanti i seguenti fattori:

  • Il numero degli avversari.
  • La vostra posizione rispetto agli avversari.
  • La strategia di gioco degli avversari.

Ricordate questa regola: quanti più sono gli avversari, tanto più forte dovrà essere la vostra mano. Una toppair con un kicker mediocre è buona contro un singolo avversario, ma raramente vincerà allo showdown contro quattro, o più, giocatori.

È inoltre importante considerare la vostra posizione sugli avversari. Quanti di loro agiscono prima di voi in un giro di puntate? Quanti invece si trovano dopo di voi e possono rilanciare dopo la vostra puntata?

Avete quindi scoperto che giocare in posizione, ossia poter agire dopo gli avversari, è di gran lunga più redditizio che agire prima degli avversari (out-of-position). Questo principio è valido anche nei piatti non rilanciati al preflop.

Con una mano marginale è spesso meglio fare fold piuttosto che giocarla fuori posizione.

Non da ultimo risulta determinante per voi il modo in cui gli avversari giocano. Ciò non significa tentare di ottenere read incredibili sul loro conto, per esempio scoprire che hanno sempre una mano monster se lasciano passare esattamente 1,3 secondi prima di puntare o rilanciare. Si tratta di domande molto più banali ma decisive quali:

  • Quanto facilmente l’avversario fa fold dopo una vostra puntata?
  • Con quale frequenza tenterà di bluffarvi nei successivi giri di puntate?
  • Se al flop passa malvolentieri la mano, quando si decide a fare fold?

Contro avversari che si lasciano facilmente portare al fold, potete giocare in modo più loose anche con mani più deboli. Contro tali avversari, si vincono più spesso piccoli piatti incontrando poca o nessuna resistenza.

Contro giocatori che invece vedono spesso e volentieri una puntata bisogna ovviamente essere decisamente più chiusi; per contro si possono però ottenere profitti di gran lunga superiori dalle proprie made hand forti, proprio perché questi avversari non fanno volentieri fold e voi potete puntare al flop, turn e river, con un'elevata probabilità di ricevere un call.

ESEMPIO 25 - TOP PAIR E RILANCIO AVVERSARIO
Preflop - NL25 Blinds: €0.10/€0.25
Vi trovate in BB
  • UTG1 e UTG2 fanno fold
  • UTG3 vede €0.25
  • MP1 e MP2 fanno fold
  • MP3 vede €0.25
  • CO, BU e SB fanno fold
  • Voi fate check
Flop - Giocatori attivi(3): Voi, UTG3, MP3 - Piatto: €0.85
  • Voi puntate €0.55
  • UTG3 rilancia a €2
  • MP3 fa fold

Non è una situazione per niente semplice. In questo caso, è quasi sempre meglio fare direttamente fold.

Se vedete la puntata, ci saranno molte carte che non vorreste veder comparire al turn (Asso, 8, 5, Dieci, 3, tutti i Cuori). Vi sarà incredibilmente difficile poi continuare a giocare correttamente.

Persino rilanciare sarebbe qui completamente fuori luogo. La mano non è abbastanza forte per questo tipo di azione. Potete anche essere già battuti. E' un peccato, ma la scelta migliore in questo esempio è passare la mano.

Come si gioca al flop?

Dopo aver assimilato i principi fondamentali e individuato i punti su cui bisogna fare attenzione, passiamo ora a qualcosa di più concreto. Cosa bisogna fare esattamente con una data mano, con un dato flop e contro dati avversari?

Avete già appreso, all’inizio dell’articolo, le categorie che vengono utilizzate come linee guida di base. Ricordate: Non giocare mai passivamente al flop con una made hand. Non tendere alcuna trappola agli avversari, non vedere una puntata con una made hand mediocre. Giocate in maniera lineare.

L’unica eccezione si ha quando lo small blind punta. Se non punta e voi avete una made hand allora le uniche possibilità sono o puntare o fare fold.

Non conviene fare check e poi vedere una puntata. In tal caso, non avreste la più pallida idea di come siete messi e riuscirete difficilmente ad avere il controllo sulla mano e sulle dimensioni del piatto.

Considerando che nei piatti non rilanciati si bluffa raramente, potete trovarvi in due possibili situazioni con la vostra made hand:

  • Siete in vantaggio. Proteggete la vostra mano e spillate soldi dalle mani più deboli.
  • Siete in svantaggio. Fate fold, le possibilità di vincere non sono elevate e difficilmente miglioreranno.
Mani prive di valore

Con tutte le mani di questa categoria, potete senza alcun timore lasciare la mano. La mano non vale proprio nulla, anche solo per investire un altro big blind.

ESEMPIO 26- COPPIA PICCOLA
Preflop - NL25 Blinds: €0.10/€0.25
Vi trovate in CO
  • UTG1 vede €0.25
  • UTG2 fa fold
  • UTG3 vede €0.25
  • MP1, MP2 e MP3 fanno fold
  • Voi vedete €0.25
  • BU e SB fanno fold
  • BB fa check
Flop - Giocatori attivi(4): Voi, BB, UTG1, UTG3 - Piatto: €1.10
  • BB punta €0.5
  • UTG vede €0.5
  • Voi fate fold

In questo esempio, avete esattamente due carte che vi risultano utili. La mano non vale nulla e sarebbe solo uno spreco di denaro investire su di essa altri soldi. Si fa semplicemente fold.

ESEMPIO 27 – COPPIA INTERMEDIA
Preflop - NL25 Blinds: €0.10/€0.25
Vi trovate in BB
  • UTG1 e UTG2 vedono €0.25
  • UTG3, MP1, MP2 e MP3 fanno fold
  • CO vede €0.25
  • BU fa fold
  • SB vede €0.15
  • Voi fate check
Flop - Giocatori attivi(5): Voi, SB, UTG1, UTG2, CO - Piatto: €1.25
  • SB e Voi fate check
  • UTG1 punta €1
  • UTG2 vede €1
  • CO, SB e Voi fate fold

In questo esempio, la vostra mano è leggermente più forte di quella precedente. Formate una coppia con la carta comune intermedia ed esistono eventualmente 4 carte in grado di migliorare la vostra mano. Ciò nonostante, su questo flop sono possibili anche flushdraw e straightdraw e ovviamente toppair con l’Asso, visto che i giocatori particolarmente scarsi giocano spesso tutte le possibili mani di partenza che contengono un Asso.

In questo scenario, in presenza di 4 avversari al flop state combattendo molto probabilmente una battaglia già perduta. La vostra mano appartiene in questo caso alla categoria delle mani prive di valore. Sono possibili fin troppi draw, ci sono fin troppi avversari, sono possibili alcune mani migliori e avete un potenziale irrisorio di sviluppo in una mano migliore.

Draw deboli

Se nell’esempio precedente aveste avuto almeno un gutshot e la prospettiva di formare una scala, avreste potuto considerare il vedere una puntata piccola. Non potevate però assolutamente versare la puntata di €1.

La situazione cambierebbe se ci fossero soltanto uno o due avversari. Se avete posizione su di loro ed entrambi fanno check, potete puntare 2/3 del piatto, premesso che entrambi siano almeno in grado di passare la mano.

Si tratta di un bluff, sebbene non sia un bluff vero e proprio. Se al momento non avete una made hand completata, ma pur sempre con la possibilità di migliorare in una mano completa e quindi decidete di puntare, si parla di semi-bluff.

Un semi-bluff risulta appropriato se ...

  • ... la vostra mano può diventare una made hand forte.
  • ... sapete che puntando costringerete gli avversari a fare spesso direttamente fold.

Ogni tanto vincerete direttamente, in quanto gli avversari faranno fold, e altre volte vincerete venendo chiamati e completando il vostro progetto. Queste due condizioni devono essere soddisfatte affinché i semi-bluff risultino proficui. Se non avete un qualche tipo di draw o se gli avversari non sono particolarmente inclini al fold, allora un semi-bluff risulta fuori luogo.

Se qualcuno vede la puntata e voi non riuscite a migliorare la mano al turn, allora fate check. Fare nuovamente bluff è raramente redditizio e dopo tutto un semi-bluff che non lega il progetto finisce per essere semplicemente un bluff.

ESEMPIO 28 - GUTSHOT
Preflop - NL25 Blinds: €0.10/€0.25
Vi trovate in SB
  • UTG1 vede €0.25
  • UTG2 e UTG3 fanno fold
  • MP1 vede €0.25
  • MP2, MP3, CO e BU fanno fold
  • Voi vedete €0.15
  • BB fa check
Flop - Giocatori attivi(4): Voi, BB, UTG1, MP1 - Piatto: €1.00
  • BB, Voi e UTG1 fanno check
  • MP1 punta €0.25
  • Voi e BB vedono €0.25
  • UTG1 fa fold

In questo caso, quattro carte vi sono utili per formare la migliore mano possibile. Potete vedere un puntata minimale di un avversario che dispone di uno stack intero. Se dovesse puntare di più fate fold. Contro tre avversari non dovreste neanche puntare al flop sotto forma di semi-bluff. Non vincerete abbastanza spesso quando verrete chiamati e la probabilità che ciò accada è fin troppo elevata quando siete contro tre avversari.

ESEMPIO 29- GUTSHOT
Preflop - NL25 Blinds: €0.10/€0.25
Vi trovate in BB
  • UTG1, UTG2, UTG3, MP1 e MP2 fanno fold
  • MP3 vede €0.25
  • CO fa fold
  • BU vede €0.25
  • SB fa fold
  • Voi fate check
Flop - Giocatori attivi(3): Voi, MP3, BU - Piatto: €0.85
  • Voi puntate €0.55
  • MP3 e BU fanno fold

In questo caso ci sono solo due avversari e potete semi-bluffare anche con uno straightdraw debole. Se qualcuno fa call e non legate il 5 al turn, allora è il caso di lasciare la mano senza spendere altri soldi.

Draw forti

Le mani appartenenti alla terza categoria, ossia i draw forti, non dovrebbero di norma essere passate al flop, tranne in caso di un’azione avversaria tenace. Di norma si ha una probabilità di vincita del 30%. La questione è capire come giocarla al meglio.

Se avete in mano draw molto forti, come un flushdraw finalizzato al più alto flush possibile, ad es. A2 su un flop del tipo 59T, bisogna sempre puntare prima degli avversari, se gli avversari prima di voi fanno check, cioé effettuare un semi-bluff. La puntata ideale sarebbe intorno dai 2/3 all’intero importo del piatto. Potete fare lo stesso anche se avete il flushdraw per il secondo miglior flush possibile.

Tra i draw molto forti, ritroviamo i combodraw (draw combinati) come un flushdraw con uno straightdraw oppure un flushdraw con una coppia, così come un OESD con una coppia o anche un OESD con due overcard, ad esempio QJ su un flop del tipo 29T.

Se prima di voi qualcuno effettua una puntata, avendo in mano draw di questo tipo dovreste fare solo call, premesso che l’avversario abbia ancora soldi a sufficienza per pagarvi in seguito (implied pot odds) oppure voi riceviate direttamente il giusto prezzo al flop (pot odds). A quale prezzo si riesce a vedere una puntata con un draw in modo redditizio verrà chiarito nei due articoli dedicati ai principi matematici del poker:

Clic per accedere all’articolo: Principi matematici del poker - Odds & Out

Clic per accedere all’articolo: Principi matematici del poker - Implied Pot Odds

Rilanciare una puntata con un draw, per quanto forte sia, risulta del tutto fuori luogo in una mano in cui al preflop non c’è stato alcun rilancio. In questo modo, riuscirete a portare al fold solo altri draw che successivamente potrebbero darvi altri soldi e inoltre vi esponete al rischio che l’avversario rilanci ulteriormente.

Se avete un draw più debole come un piccolo flushdraw o uno straightdraw su un board sfavorevole e state giocando contro due o più avversari, allora è spesso opportuno fare solo check e stare a vedere se qualcuno punta e quale prezzo vi propone. A quel punto, seguendo il principio dei pot odds, potete decidere se restare nella mano o meno.

ESEMPIO 30 - OESD
Preflop - NL25 Blinds: €0.10/€0.25
Vi trovate in MP2
  • UTG1 vede €0.25
  • UTG2, UTG3 e MP1 fanno fold
  • Voi vedete €0.25
  • MP3 e CO fanno fold
  • BU vede €0.25
  • SB fa fold
  • BB fa check
Flop - Giocatori attivi(4): Voi, BB, UTG1, BU - Piatto: €1.10
  • BB e UTG1 fanno check
  • Voi puntate €0.75
  • BU fa fold
  • BB e UTG1 vedono €0.75

In questo caso avete tre avversari contro, ma anche un draw molto forte. Con questo draw, con 8 outs per la mano migliore, potreste fare un semi-bluff anche contro così tanti avversari.

Anche non dovesse riuscirvi come in questo caso, le vostre probabilità di vittoria sono il doppio rispetto ad un gutshot. Inoltre avete posizione sugli avversari. Ciò giustifica un semi-bluff contro così tanti avversari. Se in questo esempio vi trovaste nel big blind e non in MP2, in alternativa avreste potuto fare check invece di puntare.

ESEMPIO 31- DRAW FORTE
Preflop - NL25 Blinds: €0.10/€0.25
Vi trovate in CO
  • UTG1 vede €0.25
  • UTG2 e UTG3 fanno fold
  • MP1 vede €0.25
  • MP2 e MP3 fanno fold
  • Voi vedete €0.25
  • BU fa fold
  • SB vede €0.15
  • BB fa check
Flop - Giocatori attivi(5): Voi, SB, BB, UTG1, MP1 - Piatto: €1.25
  • SB, BB, UTG1 e MP1 fanno check
  • Voi puntate €1.1
  • SB e BB fanno fold
  • UTG1 vede €1.1
  • MP1 fa fold

In questo esempio avete un flushdraw forte e in aggiunta overcard (Re e Fante), che migliorano ulteriormente il vostro draw. Normalmente contro quattro avversari dovreste rinunciare a un semi-bluff. Raramente riuscirete a portarli tutti al fold.

Ciò nonostante, in questa situazione particolare, potete comunque puntare. Una motivazione essenziale a sostegno di questa azione è che vi trovate in posizione, ossia tutti gli avversari devono agire prima di voi. Inoltre, numerose carte vi favoriscono al turn o al river. Se qualcuno vede la vostra puntata, allora riuscirete spesso a pescare una carta buona e potrete aggiudicarvi la mano.

L’unico problema in cui potreste incappare sarebbe un contro-rilancio avversario. Ciò però risulta anche molto improbabile, in quanto tutti i giocatori hanno già fatto check.

ESEMPIO 32- FLUSH DRAW
Preflop - NL25 Blinds: €0.10/€0.25
Vi trovate in SB
  • UTG1, UTG2, UTG3, MP1 e MP2 fanno fold
  • MP3 e CO vedono €0.25
  • BU fa fold
  • Voi vedete €0.15
  • BB fa check
Flop - Giocatori attivi(4): Voi, BB, MP3, CO - Piatto: €1.00
  • Voi puntate €0.8
  • BB rilancia a €2
  • UTG1 e MP1 fanno fold

Parlando di draw bisogna ovviamente fare una piccola deviazione nel tema degli odds e outs. Qui bisogna chiedersi se sia opportuno fare call o meno. Se avete già letto gli articoli sui pot odds e gli implied pot odds, non dovreste avere alcuna difficoltà in merito.

Dopo il rilancio il piatto ammonta a €3.80. Voi dovete versare €1.20. In questo modo, avete pot odds di €3.80:€1.20, ossia circa 3:1. Vista così la situazione bisognerebbe fare fold, considerando che avete bisogno di pot odds di almeno 4:1 per vedere il turn, se al flop volete vedere una puntata in modo redditizio con un flushdraw.

Ma avete anche gli implied pot odds da considerare. Ciò significa che vi potete assegnare pot odds leggermente migliori, in quanto l’avversario non farà necessariamente subito fold se completate il flush al turn. Un’altra possibilità è che l’avversario non punti più al turn se voi fate call e a quel punto potete vedere ancora la rivercard, due carte al prezzo di una.

Ammettiamo che formiate il colore al turn. Quanti soldi dovreste ricevere dall’avversario per giustificare il call al flop dopo il rilancio? La soluzione è semplice.

Avete bisogno di solito di pot odds di 4:1, per poter fare un call redditizio. La puntata che dovete versare ammonta a €1.20. Il piatto dovrebbe quindi essere pari a 4 * €1.20 = €4.80.

Il piatto però ammonta a soli €3.80. La differenza è pari proprio a €1.00. È necessario quindi recuperare tale somma. È del tutto possibile che l’avversario versi ancora un euro persino quando formate il colore. Dopotutto, ha rilanciato la vostra puntata al flop e in presenza di tre avversari. Di conseguenza, avrà spesso una mano forte, che passerà a malincuore.

Made hand semiforti

Le made hand semiforti vanno sì giocate con cautela, ma non vanno passate al flop in ogni circostanza, in quanto in presenza di uno o due avversari avrete di solito la mano migliore.

Se prima di voi tutti fanno check, allora dovreste sempre puntare. Se dopo di voi qualcuno rilancia, passate la mano, indipendentemente dall’importo del rilancio.

Come si è chiarito all’inizio, in un piatto non rilanciato è necessario avere una mano sensibilmente più forte. Una semplice toppair non è sufficiente per continuare a giocare contro un rilancio.

Se prima di voi qualcuno punta qualcosa, allora rilanciate a condizione che non abbiate troppi avversari. In questo modo scoprirete come siete messi. Se viene effettuato un ulteriore rilancio, sapete di essere battuti e passate la mano. Se qualcuno fa call, al turn dovrete decidere nuovamente come procedere a seconda della carta e dell’avversario.

Se al flop non sono possibili draw degni di nota e qualcuno punta, allora con al massimo tre avversari in gioco potete vedere la puntata. Ciò non dovrebbe però diventare un’abitudine.

ESEMPIO 33 - TOPPAIR
Preflop - NL25 Blinds: €0.10/€0.25
Vi trovate in MP1
  • UTG1 vede €0.25
  • UTG2, UTG3 e MP1 fanno fold
  • Voi vedete €0.25
  • MP2, MP3, CO, BU e SB fanno fold
  • BB fa check
Flop - Giocatori attivi(3): Voi, BB, UTG1 - Piatto: €0.85
  • BB punta €0.5
  • UTG1 vede €0.5
  • Voi rilanciate a €2.25
  • BB rilancia a €7.3
  • UTG1 e Voi fate fold

In questa situazione, la vostra toppair è una made hand semiforte. Proprio perché sono possibili numerosi draw, dovreste necessariamente rilanciare la puntata precedente, per proteggere la vostra mano e ottenere ulteriori informazioni sulla forza delle mani avversarie.

Nella mano campione illustrata, il big blind rilancia ancora. Questo è il segno inequivocabile che siete battuti. Per questo motivo, passate la mano senza neanche pensarci.

ESEMPIO 34 - COPPIA INTERMEDIA
Preflop - NL25 Blinds: €0.10/€0.25
Vi trovate in BB
  • UTG1, UTG2, UTG3, MP1, MP2, MP3 e CO fanno fold
  • BU vede €0.25
  • SB vede €0.15
  • Voi fate check
Flop - Giocatori attivi(3): Voi, SB, BU - Piatto: €0.75
  • SB fa check
  • Voi puntate €0.6
  • BU vede €0.6
  • SB fa fold

Come si è già detto, si tratta di una mano limite. Considerando però che avete solo due avversari e che si tratta soltanto dello small blind e del button, che al preflop non avevano probabilmente alcuna mano forte, altrimenti avrebbero rilanciato, potete effettuare una puntata. Dopo il call del button, al turn dovete decidere nuovamente come procedere.

Made hand forti

Le made hand forti si giocano molto facilmente al flop. Solo in casi eccezionali si può fare fold, se siete assolutamente certi di essere battuti.

Di norma con queste mani non si fa altro che giocare aggressivamente. Il piatto è piccolo mentre la vostra mano è forte. Questo è un motivo sufficiente per ingrandire il piatto. L’unico modo per raggiungere questo obiettivo è puntare o rilanciare. Come sempre, scegliete un importo che va dai 2/3 all’intera entità del piatto.

Se rilanciate una puntata avversaria, allora l’importo del vostro rilancio si ottiene secondo la seguente formula:

Rilancio = Piatto (incluse tutte le puntate) + 2 * puntata avversaria.

ESEMPIO 35
Preflop - NL25 Blinds: €0.10/€0.25
Vi trovate in MP1
  • UTG1, UTG2 e UTG3 fanno fold
  • Voi vedete €0.25
  • MP2, MP3 e CO fanno fold
  • BU vede €0.25
  • SB vede €0.15
  • BB fa check
Flop - Giocatori attivi(4): Voi, SB, BB, BU - Piatto: €1.00
  • SB fa check
  • BB punta €0.7
  • Voi rilanciate a €3.1
  • BU, SB e BB fanno fold

Non è bello che tutti facciano fold, ma almeno vincete un piccolo piatto e non ne perdete uno grande a causa di una bad beat. In questo esempio, esistono tantissimi draw e voi dovete proteggere la mano.

Al preflop c’era €1 nel piatto. L’avversario punta €0.7 e il piatto cresce così a €1.7.

Il vostro rilancio è quindi pari a €1.7 + 2 * €0.7 = €3.1

Se il board fosse meno minaccioso e non favorisse alcun flushdraw e straightdraw forte, potreste anche rilanciare di meno senza preoccuparvi troppo di proteggere la vostra mano.

ESEMPIO 36
Preflop - NL25 Blinds: €0.10/€0.25
Vi trovate in CO
  • UTG1 vede €0.25
  • UTG2 e UTG3 fanno fold
  • MP1 vede €0.25
  • MP2 e MP3 fanno fold
  • Voi vedete €0.25
  • BU e SB fanno fold
  • BB fa check
Flop - Giocatori attivi(4): Voi, BB, UTG1, MP1 - Piatto: €1.10
  • BB punta €0.5
  • UTG1 rilancia a €1.5
  • MP1 fa fold
  • Voi rilanciate a €6

Nonostante l’azione tenace, vi trovate di norma in vantaggio con il colore basso. Ciò nonostante non vorreste in nessun caso vedere al turn una quarta carta di Quadri, ma neanche nessun Asso, Dieci o Nove. Dovete proteggere la vostra mano e in questo caso portare al centro del tavolo quanti più soldi possibili.

Come si gioca al turn?

Un nuovo giro di puntate inizia al turn. Di norma si possono distinguere due situazioni:

  • Qualcuno ha puntato al flop.
  • Nessuno ha puntato al flop.

Se al flop nessuno ha puntato, allora la mano si gioca come al flop. Se al flop non avevate una made hand e riuscite a migliorare la vostra situazione formando ad es. una toppair, allora puntate. Se invece la situazione non è migliorata, fate check/fold. Se formate un draw, potete ancora vedere una puntata, se ricevete i pot odds adeguati, ad esempio 11:1 per un gutshot, 4:1 per un flushdraw e 5:1 per un OESD. Potete però fare call solo se siete sicuri che dopo di voi nessuno rilancerà.

Se qualcuno ha puntato al flop e voi avete visto la puntata, dovreste avere o una made hand semiforte o un draw. Innanzitutto, analizziamo la made hand.

Se al flop avete contro più di un avversario e uno di questi punta, allora dovreste fare fold con qualsiasi made hand semiforte. Con un draw potete fare call, se ricevete i pot odds adeguati e se siete sicuri che dopo di voi nessun giocatore rilancerà.

Se la vostra mano può migliorare, ad esempio in una doppia coppia, la decisione dipende dalle carte comuni e dalla strategia avversaria. Con quattro carte di Cuori sul tavolo una doppia coppia non sarà molto probabilmente la mano migliore. Se tuttavia pensate di avere la mano migliore, allora è opportuno effettuare una puntata o un rilancio.

Draw
ESEMPIO 37- FLUSHDRAW
Preflop - NL25 Blinds: €0.10/€0.25
Vi trovate in BU
  • UTG1, UTG2 e UTG3 fanno fold
  • MP1 vede €0.25
  • MP2, MP3 e CO fanno fold
  • Voi vedete €0.25
  • SB vede €0.15
  • BB fa check
Flop - Giocatori attivi(4): Voi, SB, BB, MP1 - Piatto: €1.00
  • SB, BB e MP1 fanno check
  • Voi puntate €0.8
  • SB vede €0.8
  • BB e MP1 fanno fold
Turn - Giocatori attivi(2): Voi, SB - Piatto: €2.60
  • SB fa check
  • Voi puntate €2

In questo esempio, al turn avete posizione sull’avversario. Avete quindi la possibilità di vedere come agisce. Fa check. Al flop avete giocato aggressivamente il draw, al turn però non avete formato alcun colore.

Avete due possibilità a vostra disposizione:

  • Fare check - Fate check e prendete una freecard. In questo modo mantenete il piatto piccolo e per così dire vedete due carte comuni solo con la puntata che avete effettuato al flop.

  • Puntare - Se l’avversario è uno di quei tipi che fanno spesso fold, allora è appropriato puntare. In pratica fate un secondo semi-bluff e pertanto avete dalla vostra la probabilità che l’avversario faccia fold oppure che formiate il colore al river. Se non formate il colore al river, o se l'avversario vi rilancia, allora dovrete abbandonare la mano.

ESEMPIO 38 - FLUSH DRAW
Preflop - NL25 Blinds: €0.10/€0.25
Vi trovate in BU
  • UTG1, UTG2 e UTG3 fanno fold
  • MP1 vede €0.25
  • MP2, MP3 e CO fanno fold
  • Voi vedete €0.25
  • SB vede €0.15
  • BB fa check
Flop - Giocatori attivi(4): Voi, SB, BB, MP1 - Piatto: €1.00
  • SB, BB e MP1 fanno check
  • Voi puntate €0.8
  • SB e BB vedono €0.8
  • MP1 fa fold
Turn - Giocatori attivi(3): Voi, SB, BB - Piatto: €3.40
  • SB, BB e Voi fate check

E' la stessa situazione illustrata nell’esempio precedente, solo che questa volta siete contro due avversari al turn. Un semi-bluff in questa situazione non è una buona idea. Fate semplicemente check per vedere gratuitamente il river.

La situazione sarebbe diversa se in questo esempio aveste una made hand, con la quale avete puntato già al flop. A questo punto, dovreste valutare nuovamente se realisticamente potete ritenervi ancora in vantaggio. Quanti draw sono possibili? Quali mani migliori sono possibili? La carta al turn può aver aiutato un avversario? Quanti avversari sono ancora in gioco e come hanno giocato?

Con una made hand forte, e probabilmente anche con una overpair o una toppair, si punta ancora. Non fatelo però se viene completato un draw o se avete una toppair/overpair e scende una carta più alta. Solo avendo un avversario potete eventualmente ancora puntare, ma non con un numero maggiore. Quanti più avversari ci sono, tanto più forte deve essere la vostra mano.

Se la vostra puntata viene rilanciata, fate fold, tranne nel caso in cui avete una made hand forte. In tal caso, mettete i soldi al centro.

ESEMPIO 39 - OVERPAIR DEBOLE
Preflop - NL25 Blinds: €0.10/€0.25
Vi trovate in MP3
  • UTG1 e UTG2 vedono €0.25
  • UTG3, MP1 e MP2 fanno fold
  • Voi vedete €0.25
  • CO fa fold
  • BU vede €0.25
  • SB fa fold
  • BB fa check
Flop - Giocatori attivi(5): Voi, BB, UTG1, UTG2, BU - Piatto: €1.35
  • BB, UTG1 e UTG2 fanno check
  • Voi puntate €1.1
  • BU vede €1.1
  • BB, UTG1 e UTG2 fanno fold
Turn - Giocatori attivi(2): Voi, BU - Piatto: €3.55
  • Voi puntate €2.75
  • BU fa fold

Vi compiacete della carta al turn nell'esempio riportato. Se una delle carte al flop più basse forma una coppia al turn è di norma buon segno per la vostra overpair. Se al flop eravate in vantaggio, molto probabilmente lo siete ancora al turn.

Sono possibili anche numerosi draw. Da un lato, dovete proteggere la mano, dall’altro, volete ricavare soldi dai draw avversari. C'è una sola soluzione - dovete puntare. Se l’avversario rilancia, siete probabilmente battuti e potete passare la mano. Questa strategia è molto raramente un bluff e con la vostra mano riuscite a battere solo i bluff.

ESEMPIO 40 – OVERPAIR DEBOLE
Preflop - NL25 Blinds: €0.10/€0.25
Vi trovate in MP3
  • UTG1 e UTG2 vedono €0.25
  • UTG3, MP1 e MP2 fanno fold
  • Voi vedete €0.25
  • CO fa fold
  • BU vede €0.25
  • SB fa fold
  • BB fa check
Flop - Giocatori attivi(5): Voi, BB, UTG1, UTG2, BU - Piatto: €1.35
  • BB, UTG1 e UTG2 fanno check
  • Voi puntate €1.1
  • BU e BB vedono €1.1
  • UTG1 e UTG2 fanno fold
Turn - Giocatori attivi(3): Voi, BB, BU - Piatto: €4.65
  • BB e Voi fate check
  • BU punta €3
  • BB vede €3
  • Voi fate fold

Siete contro due avversari e la carta al turn è una "scare card" (carta che spaventa) - è il momento di lasciare perdere la mano. L'Asso di quadri completa un flushdraw, l’OESD con 32, e un avversario potrebbe aver ricevuto la toppair. La situazione è svantaggiosa. In ogni caso bisogna fare fold.

Al flop la vostra mano era semiforte e avevate due avversari contro, e ora la carta al turn è la peggior carta possibile che potesse scendere.

Made hand semiforti

Se avete solo una made hand semiforte contro un singolo avversario, allora è necessario stimare la forza della sua mano prima di decidere come giocare. Potete fare fold ad una sua bet, o vedere la puntata se pensate che possa avere spesso una mano peggiore e al river non fa bluff. Ricordate però che vedere al turn per fare poi fold al river è una strategia che non dovreste assolutamente prendere come abitudine.

Se l’avversario fa check, spetterà a voi decidere se puntare o fare check. In questo caso, avete a disposizione due tattiche di gioco standard.

  • Fare check e vedere una puntata al river (check behind turn, call river).

    Vantaggi di questa strategia di gioco:

    • Si mantiene il piatto piccolo.
    • Si induce l’avversario ad effettuare un bluff al river.

    Svantaggi:

    • Non si protegge la mano.
    • Si perde l’occasione di ricavare soldi dai draw avversari.

    Questa strategia di gioco è appropriata soprattutto contro giocatori aggressivi e con carte comuni con pochi (o nessun) progetti disponibili. In questo caso, non c'è la necessità di proteggere la propria mano contro un draw e l’avversario è abbastanza aggressivo da bluffare al river.

    Nel caso in cui fate check al turn e l’avversario idem, dovete chiedervi nuovamente se sia oppurtuno puntare al river. Ci sono abbastanza mani più deboli della vostra che farebbero call ad una vostra puntata? Esistono mani migliori in grado di fare fold? Quante mani migliori in grado di sconfiggervi potrebbero esserci? Di norma, non dovreste puntare nulla e vedere lo showdown gratuitamente.

    Se invece puntate, dovrete avere la freddezza di fare fold ad un rilancio avversario.

  • Puntare e fare check al river (bet turn, check behind river)

    Vantaggi di questa strategia di gioco:

    • Si protegge la mano.
    • Si ricavano soldi dai draw avversari.
    • Si riesce talvolta a portare al fold mani migliori con un bluff.
    • Si determina il prezzo con il quale si vede lo showdown.

    L’ultimo punto è di particolare interesse. Determinando l’importo della puntata, avete anche la facoltà di stabilire il prezzo con il quale vedere lo showdown.

    Ammettiamo che il piatto ammonti a €10 e l’avversario faccia check. Se anche voi fate check, può succedere che l’avversario punti al river €10. Potrebbe essere un bluff, ma non necessariamente. Se però al turn puntate €6, è probabile che l'avversario non punterà al river, il che significa che riuscirete a giungere allo showdown per questi €6. Vi siete così risparmiati €4, vedete lo showdown e inoltre avete anche ricavato dei soldi da un possibile draw.

    Svantaggi:

    • Ci si espone al pericolo di un cosiddetto check/raise (l’avversario fa check, voi puntate, lui rilancia).
    • Togliete all’avversario la possibilità di bluffare al river con una mano più debole.

    Questa strategia di gioco risulta appropriata contro la gran parte dei giocatori, tendenzialmente passivi, dei limiti bassi, quando le carte comuni offrono draw oppure mani più deboli della vostra.

    In alcune circostanze potete anche puntare al river, in base alla carta che scende.

    Se l’avversario rilancia al turn dovreste lasciare la mano. Anche nel caso in cui dovesse bluffare, eventualità piuttosto rara in questi casi, il prezzo per scoprirlo sarà troppo elevato.

ESEMPIO 41 - COPPIA INTERMEDIA
Preflop - NL25 Blinds: €0.10/€0.25
Vi trovate in BB
  • UTG1, UTG2, UTG3, MP1, MP2, MP3 e CO fanno fold
  • BU vede €0.25
  • SB vede €0.15
  • Voi fate check
Flop - Giocatori attivi(3): Voi, SB, BU - Piatto: €0.75
  • SB fa check
  • Voi puntate €0.6
  • BU vede €0.6
  • SB fa fold
Turn - Giocatori attivi(2): Voi, BU - Piatto: €1.95
  • Voi puntate €1.5
  • BU fa fold

Sono possibili draw forti, c’è solo un avversario e la carta al turn molto probabilmente non lo ha aiutato. Non dovete puntare a tutti i costi, ma ci sono dei buoni motivi per farlo.

Contro due avversari o con una carta al turn per voi poco vantaggiosa, come un Nove, un Fante, una Donna o una carta di Quadri, puntare non risulterebbe proficuo.

ESEMPIO 42 – TOPPAIR DEBOLE
Preflop - NL25 Blinds: €0.10/€0.25
Vi trovate in BB
  • UTG1, UTG2, UTG3, MP1, MP2 e MP3 fanno fold
  • CO vede €0.25
  • BU fa fold
  • SB vede €0.15
  • Voi fate check
Flop - Giocatori attivi(3): Voi, SB, CO - Piatto: €0.75
  • SB punta €0.5
  • Voi e CO vedono €0.5
Turn - Giocatori attivi(3): Voi, SB, CO - Piatto: €2.25
  • SB punta €1.5
  • Voi fate fold

Questo esempio mostra un errore tipico che numerosi giocatori commettono ai limiti bassi. Vi trovate in mezzo a due giocatori. Il flop presenta una coppia di Otto e voi avete formato una toppair di Nove con una kicker decente, ossia la Donna.

Il giocatore prima di voi punta. Non siete obbligati a fare call in questa situazione, ma farlo non è comunque un errore. Non sono possibili molti draw - il vostro avversario potrebbe avere un Otto, un Nove migliore (con kicker Re o Asso), una overpair, una coppia più bassa o potrebbe bluffare.

Il giocatore dopo di voi fa anche lui call e pertanto dovrebbe esservi chiaro che non bisogna investire altri soldi se non riuscite a migliorare la mano.

Al turn, la cui carta non aiuta nessuno, lo small blind punta un’altra volta, sebbene due giocatori abbiano fatto call al flop. Anche nel caso in cui non dovesse battere la vostra toppair di Nove, probabilmente lo farà l’avversario dopo di voi. Se fate call, inoltre, quest'ultimo potrebbe rilanciare ancora.

Vi trovate quindi a giocare fra l'incudine e il martello. In particolare, il giocatore dopo di voi rende la situazione spiacevole. Non saprete mai come siete messi, resterete nel dubbio e questa è una cosa da evitare sempre nel poker.

In generale, la situazione è fin troppo pericolosa con una mano marginale e non c'è alcun motivo per fare call al turn.

Made hand forti

Se invece in questo esempio aveste una made hand forte, un colore, una scala, un tris o una doppia coppia, fareste nuovamente bet. Se a quel punto qualcuno rilancia, dovete però passare le doppie coppie. Anche la scala perde gran parte del suo valore. Un tris può essere portato avanti, in quanto ha ancora qualche chance di diventare un full house e voi potreste eventualmente trovarvi ancora in vantaggio. Questo però dipende dalle carte comuni, e se il vostro avversario ha chiaramente una mano migliore, potete passare anche il tris.

Se la carta al turn è innocua, ad es. non completa un colore o una scala, allora potete continuare a giocare una made hand forte al turn e tentare di far mettere al centro quanti più soldi possibile.

ESEMPIO 43 - COLORE AL TURN
Preflop - NL25 Blinds: €0.10/€0.25
Vi trovate in SB
  • UTG1, UTG2 e UTG3 fanno fold
  • MP1 vede €0.25
  • MP2 fa fold
  • MP3 e CO vedono €0.25
  • BU fa fold
  • Voi vedete €0.15
  • BB fa check
Flop - Giocatori attivi(5): Voi, BB, MP1, MP3, CO - Piatto: €1.25
  • Voi e BB fanno check
  • MP1 punta €1
  • MP3 vede €1
  • CO fa fold
  • Voi vedete €1
  • BB fa fold
Turn - Giocatori attivi(3): Voi, MP1, MP3 - Piatto: €4.25
  • Voi puntate €3
  • MP1 rilancia a €6

In questo esempio, a causa del numero degli avversari avete optato per una strategia di gioco passiva. Considerando i soldi che voi e MP1 ancora avete a disposizione, potete tranquillamente vedere la puntata. Al turn riuscite a formare il colore.

A questo punto dovete voi stessi diventare attivi. Se fate check, i vostri avversari raramente punteranno per paura di un colore. Tuttavia, proprio ai limiti più bassi, verrete spesso vist da giocatori che avrebbero altrimenti fatto solo check dopo di voi. Potrebbero, ad esempio, pensare che stiate bluffando.

Se a quel punto qualcuno rilancia, come succede in questo esempio, rilanciate nuovamente e a seconda delle dimensioni dello stack andate anche direttamente all-in. Nella mano descritta sopra la cosa migliore da fare è procedere all-in dopo il rilancio. Un normale rilancio da parte vostra vi renderebbe in un certo senso vincolati al piatto. Il piatto sarebbe a quel punto così grande che non potreste più abbandonarlo. Inoltre, la vostra mano è abbastanza forte, ma va comunque protetta. Una quarta carta di Cuori al river potrebbe costarvi l'intero stack.

ESEMPIO 44 – DOPPIA COPPIA
Preflop - NL25 Blinds: €0.10/€0.25
Vi trovate in MP3
  • UTG1 e UTG2 vedono €0.25
  • UTG3, MP1 e MP2 fanno fold
  • Voi vedete €0.25
  • CO fa fold
  • BU vede €0.25
  • SB fa fold
  • BB fa check
Flop - Giocatori attivi(5): Voi, BB, UTG1, UTG2, BU - Piatto: €1.35
  • BB, UTG1 e UTG2 fanno check
  • Voi puntate €1.2
  • BU fa fold
  • BB e UTG1 vedono €1.2
  • UTG2 fa fold
Turn - Giocatori attivi(3): Voi, BB, UTG1 - Piatto: €4.95
  • BB e UTG1 fanno check
  • Voi puntate €3.5
  • BB rilancia a €8
  • UTG1 e Voi fate fold

Probabilmente avete già incontrato una situazione simile. La vostra puntata al flop è standard. Dopo che i due giocatori fanno check al turn, voi dovreste nuovamente puntare. Ci potrebbero benissimo essere dei flushdraw, o anche mani più deboli, che a quel punto faranno call. Mantenete inoltre l’iniziativa. Facendo check non avrete più alcun controllo e non saprete neanche come siete messi.

Tuttavia, a quel punto arriva un rilancio da parte del big blind che in un primo momento ha fatto solo check. Così facendo, effettua un check/raise. Questa tattica di gioco al turn contro più avversari lascia intendere una forza estrema. Spesso avrà il flush. La vostra doppia coppia non sarà più buona e sarà quindi corretto rispondere con un fold.

La cosa sarebbe diversa se il big blind avesse puntato direttamente. In questo caso, si parla di donkbet. La strategia di gioco standard in questo caso prevede che se al turn viene completato un draw e un avversario fa una donkbet, allora bisogna rilanciare con un tris o una mano più forte. Con la doppia coppia si può eventualmente fare ancora call, ma se non si ha alcun miglioramento bisogna passare la mano al river. Con tutte le altre mani, si fa direttamente fold.

Come si gioca al river?

Siete giunti così all’ultimo giro di puntate. Se finora nessuno ha dimostrato interesse nel piatto e nessuna ha effettuato una puntata, non partite in quarta con un bluff, guardate la vostra mano e chiedetevi se sia il caso di...

  • ... puntare, in quanto potreste essere pagati da abbastanza mani più deboli.
  • ... vedere una puntata fatta dopo di voi, in quanto l’avversario potrebbe puntare con mani più deboli.

Se quindi al flop e al turn nessun ha puntato, al river si può effettuare una piccola puntata con tutte le toppair o le cosiddette 2nd pair (una coppia con la seconda carta comune più alta) per un importo pari a 1/3 del piatto esistente. Se la mano è più debole, non investite denaro.

Se nei giri di puntate precedenti c'è stata dell’azione, la strategia di gioco è diversa. Se avevate un draw, che non è stato poi completato, allora passate la mano. In questo caso, è irrilevante che abbiate giocato in maniera aggressiva o passiva. I piatti non rilanciati, in particolare nei limiti inferiori, non sono la situazione ideale per grandi bluff al river. Non ne vale la pena.

Con una made hand, bisogna nuovamente capire come è messa nei confronti delle possibili mani avversarie. A tal fine, dovrete nuovamente valutare le carte comuni e la strategia di gioco applicata fino a quel momento dagli avversari.

Si può puntare con la vostra mano? Quali sono le carte comuni e cosa hanno fatto finora i vostri avversari? Quali mani sono possibili? Quali di queste sono migliori, e quali peggiori? Se solo un avversario rilancia, è possibile che abbia una mano peggiore?

Se decidete di vedere una puntata, dovrete tenere in considerazione alcuni fattori.

  • Caso A: un avversario punta e voi fate call.
  • Caso B: un avversario punta, un secondo avversario fa call e anche voi fate call.

Questi due casi sembrano simili. Nel caso B potrete persino vincere un piatto leggermente più ampio, in quanto un altro giocatore ha fatto call e ha investito altri soldi. Le due situazioni si distinguono però per un punto fondamentale.

Nel caso A, dovrete battere solo un avversario. Nel caso B, dovrete batterne due e almeno il giocatore che ha visto la puntata ha manifestato di avere una made hand con la quale pensa di poter vincere lo showdown.

Se un giocatore effettua una puntata al river, la vostra mano dovrà essere tanto più forte quanti più giocatori prima di voi hanno già fatto call. Nel caso B, fare call con una coppia intermedia o anche con una toppair con un kicker debole non ha molto senso. Le probabilità di battere due giocatori saranno molto basse.

Draw
ESEMPIO 45 – NON VIENE COMPLETATO IL FLUSHDRAW
Preflop - NL25 Blinds: €0.10/€0.25
Vi trovate in BU
  • UTG1, UTG2 e UTG3 fanno fold
  • MP1 vede €0.25
  • MP2, MP3 e CO fanno fold
  • Voi vedete €0.25
  • SB vede €0.15
  • BB fa check
Flop - Giocatori attivi(4): Voi, SB, BB, MP1 - Piatto: €1.00
  • SB, BB e MP1 fanno check
  • Voi puntate €0.8
  • SB vede €0.8
  • BB e MP1 fanno fold
Turn - Giocatori attivi(2): Voi, SB - Piatto: €2.60
  • SB fa check
  • Voi puntate €2
River - Giocatori attivi(2): Voi, SB - Piatto: €4.60
  • SB e Voi fate check

In questo esempio avete giocato il draw in maniera aggressiva al flop e al turn. Al river, non ha alcun senso puntare ulteriormente. Il giocatore seduto nello small blind non si è lasciato scacciare nel secondo giro di puntate e difficilmente abbandonerà la mano a fronte di una puntata al river. Potrebbe passare solo i flushdraw più deboli, che voi del resto riuscite in gran parte a battere.

Made hand semiforti

La situazione diventa interessante se al river avete una made hand semiforte. Se fino a questo momento siete stati l’aggressor e nei giri di puntate precedenti avete puntato, la vostra strategia di gioco al river dipenderà fortemente dalle carte comuni.

Se le carte al flop non offrivano alcun draw degno di nota, dovreste di norma al river effettuare una puntata per un importo compreso tra 1/3 ed 1/2 del piatto. Se qualcuno rilancia, fate fold.

Se siete in posizione e un possibile draw viene completato al river, dovreste tentare di giungere allo showdown senza alcuna ulteriore puntata.

Se invece non vi trovate in posizione e state affrontando non più di due avversari, potete puntare l’importo sopraccitato e passare la mano dopo un rilancio (che vi dirà che siete ormai battuti).

Di norma un raise al river è raramente un bluff. Se fate check, spesso subirete una puntata da un avversario dopo di voi e non saprete se state lasciando una mano peggiore o state chiamando con una mano migliore.

Sfortunatamente moltissimi avversari non punteranno dopo il vostro check, perché avranno paura di un possibile colore, ad esempio. Saranno però più spesso intenzionati a vedere una vostra puntata. Puntando e poi facendo fold a fronte di un raise perdereste lo stesso ammontare se faceste prima check e poi call con una mano perdente. D'altro canto, potete aspettarvi che i vostri avversari faranno call con mani peggiori, con le quali avrebbero fatto check dopo il vostro check, il che significa che a lungo termine vincerete più soldi rispetto al caso in cui fate check.

Se siete fuori posizioni e pensate che il vostro avversario abbia un flushdraw che non si è completato al river, potete giocare il "check/call for bluffinduce".

Ciò significa che si fa check con l'intenzione di fare call alla puntata dell'avversario. Se l’avversario ha effettivamente il draw mancato, raramente vedrà una puntata, ma potrà essere tentato a bluffare.

Le carte comuni e il gioco dei vostri avversari dovrebbero influenza la vostra decisione fra tentare una trappola o puntare direttamente. È quasi impossibile dare delle linee guida universalmente valide. Con un po’ di pratica riuscirete però a capire quale azione scegliere e quando.

ESEMPIO 46 - TOP PAIR
Preflop - NL25 Blinds: €0.10/€0.25
Vi trovate in MP1
  • UTG1 vede €0.25
  • UTG2 e UTG3 fanno fold
  • Voi vedete €0.25
  • MP2, MP3, CO, BU e SB fanno fold
  • BB fa check
Flop - Giocatori attivi(3): Voi, BB, UTG1 - Piatto: €0.85
  • BB punta €0.5
  • UTG1 vede €0.5
  • Voi rilanciate a €2.25
  • BB vede €1.75
  • UTG1 fa fold
Turn - Giocatori attivi(2): Voi, BB - Piatto: €5.85
  • BB fa check
  • Voi puntate €4.5
  • BB vede €4.5
River - Giocatori attivi(2): Voi, BB - Piatto: €14.85
  • BB e Voi fate check

In questo caso, non c’è più spazio per una puntata. L’avversario sembra avere qualcosa con cui valeva la pena investire €4.5 al turn. Si tratta o di una made hand o di un draw. Al river il vostro avversario o ha completato uno dei possibili draw, nel qual caso una puntata vorrà dire perdere altri soldi, oppure non l'avrà completato, il che vorrà dire che non chiamerà comunque una vostra puntata.

Con queste carte comuni, raramente una mano più debole vi pagherà; sono invece plausibili alcune mani migliori. Per questo motivo, dovreste essere contenti che l’avversario non punti e che abbiate la possibilità di giungere allo showdown gratuitamente.

ESEMPIO 47 - TOPPAIR
Preflop - NL25 Blinds: €0.10/€0.25
Vi trovate in BU
  • UTG1 vede €0.25
  • UTG2, UTG3, MP1, MP2, MP3 e CO fanno fold
  • Voi vedete €0.25
  • SB fa fold
  • BB fa check
Flop - Giocatori attivi(3): Voi, BB, UTG1 - Piatto: €0.85
  • BB e UTG1 fanno check
  • Voi puntate €0.5
  • BB vede €0.5
  • UTG1 fa fold
Turn - Giocatori attivi(2): Voi, BB - Piatto: €1.85
  • BB fa check
  • Voi puntate €1
  • BB vede €1
River - Giocatori attivi(2): Voi, BB - Piatto: €3.85
  • BB fa check
  • Voi puntate €2
  • BB fa fold

La situazione qui è totalmente diversa. L’avversario non ha mostrato alcuna forza. A causa della vostra puntata al turn, è improbabile che abbia un Cinque mentre avrà piuttosto un Re o un Dieci.

Riuscite a battere la maggior parte delle coppie e molto probabilmente l’avversario vedrà con queste un'ulteriore puntata al river. Dopo avervi dimostrato così tanta debolezza, potete puntare una terza volta con l’obiettivo di essere pagati dalle mani più deboli.

ESEMPIO 48 - TOPPAIR CON OVERCARD AL RIVER
Preflop - NL25 Blinds: €0.10/€0.25
Vi trovate in BU
  • UTG1 vede €0.25
  • UTG2, UTG3, MP1, MP2, MP3 e CO fanno fold
  • Voi vedete €0.25
  • SB fa fold
  • BB fa check
Flop - Giocatori attivi(3): Voi, BB, UTG1 - Piatto: €0.85
  • BB e UTG1 fanno check
  • Voi puntate €0.5
  • BB vede €0.5
  • UTG1 fa fold
Turn - Giocatori attivi(2): Voi, BB - Piatto: €1.85
  • BB fa check
  • Voi puntate €1
  • BB vede €1
River - Giocatori attivi(2): Voi, BB - Piatto: €3.85
  • BB e Voi fate check

Con una rivercard del genere, non dovete più puntare. È stato completata la OESD Donna Fante, con la quale l'avversario è in attesa di una vostra puntata per potervi rilanciare. Un Dieci farà di solito fold nel caso puntiate e soltanto una coppia più debole di Re potrebbe eventualmente ancora pagarvi.

Si tratta in complesso di una situazione troppo marginale per giustificare una puntata. Fate bene se fate check e vedete lo showdown.

ESEMPIO 49 - TOPPAIR
Preflop - NL25 Blinds: €0.10/€0.25
Vi trovate in CO
  • UTG1 vede €0.25
  • UTG2 e UTG3 fanno fold
  • MP1 vede €0.25
  • MP2 e MP3 fanno fold
  • Voi e BU vedono €0.25
  • SB fa fold
  • BB fa check
Flop - Giocatori attivi(5): Voi, BB, UTG1, MP1, BU - Piatto: €1.35
  • BB, UTG1 e MP1 fanno check
  • Voi puntate €1
  • BU vede €1
  • BB, UTG1 e MP1 fanno fold
Turn - Giocatori attivi(2): Voi, BU - Piatto: €3.35
  • Voi puntate €2.25
  • BU vede €2.25
River - Giocatori attivi(2): Voi, BU - Piatto: €7.85
  • Voi puntate €3.5
  • BU rilancia a €9
  • Voi fate fold

Al river viene completato un flushdraw di Fiori e dovete decidere se puntare o fare check. In questo caso, puntare è la scelta migliore. L’avversario potrà benissimo versare ancora una puntata con un Fante più debole. Se possiede un flush, rilancerà per cui potrete passare la mano. Ricordate, raramente un rilancio al river è un bluff.

ESEMPIO 50 - COPPIA INTERMEDIA
Preflop - NL25 Blinds: €0.10/€0.25
Vi trovate in BB
  • UTG1, UTG2, UTG3, MP1, MP2, MP3 e CO fanno fold
  • BU vede €0.25
  • SB vede €0.15
  • Voi fate check
Flop - Giocatori attivi(3): Voi, SB, BU - Piatto: €0.75
  • SB fa check
  • Voi puntate €0.6
  • BU vede €0.6
  • SB fa fold
Turn - Giocatori attivi(2): Voi, BU - Piatto: €1.95
  • Voi puntate €1.5
  • BU vede €1.5
River - Giocatori attivi(2): Voi, BU - Piatto: €4.95
  • Voi fate check
  • BU punta €2
  • Voi fate fold

In questo caso, non vale la pena puntare ancora. Stando allo sviluppo della mano, potete fare fold. Al flop e al turn avete già effettuato due puntate risicate. L’avversario potrebbe sì bluffare con due carte di Quadri, ma è altrettanto possibile che abbia un Dieci oppure abbia pescato una Donna al river o che abbia semplicemente un Due. La decisione più redditizia rimane il fold al river.

ESEMPIO 51 - TOPPAIR / RIVER INNOCUO
Preflop - NL25 Blinds: €0.10/€0.25
Vi trovate in CO
  • UTG1 vede €0.25
  • UTG2 e UTG3 fanno fold
  • MP1 vede €0.25
  • MP2 e MP3 fanno fold
  • Voi e BU vedono €0.25
  • SB fa fold
  • BB fa check
Flop - Giocatori attivi(5): Voi, BB, UTG1, MP1, BU - Piatto: €1.35
  • BB, UTG1 e MP1 fanno check
  • Voi puntate €1
  • BU vede €1
  • BB, UTG1 e MP1 fanno fold
Turn - Giocatori attivi(2): Voi, BU - Piatto: €3.35
  • Voi puntate €2.25
  • BU vede €2.25
River - Giocatori attivi(2): Voi, BU - Piatto: €7.85
  • Voi fate check
  • BU punta €3
  • Voi vedete €3

Questo esempio è già stato analizzato. Il flop offre un flushdraw. L’avversario gioca passivamente e al flop e al turn vede le vostre puntate. È molto probabile che abbia il flushdraw. Al river la sua mano non varrà più nulla.

In questo caso, è opportuno quindi fare check e vedere una puntata dell’avversario. In questo modo gli offrite la possibilità di tentare un bluff. Anche nel caso in cui dovesse avere una coppia più debole, ad esempio due Otto, potrebbe comunque puntare pensando che abbiate una mano più debole.

ESEMPIO 52 - TOPPAIR / RIVER INNOCUO
Preflop - NL25 Blinds: €0.10/€0.25
Vi trovate in CO
  • UTG1 vede €0.25
  • UTG2 e UTG3 fanno fold
  • MP1 vede €0.25
  • MP2 e MP3 fanno fold
  • Voi e BU vedono €0.25
  • SB fa fold
  • BB fa check
Flop - Giocatori attivi(5): Voi, BB, UTG1, MP1, BU - Piatto: €1.35
  • BB, UTG1 e MP1 fanno check
  • Voi puntate €1
  • BU vede €1
  • BB, UTG1 e MP1 fanno fold
Turn - Giocatori attivi(2): Voi, BU - Piatto: €3.35
  • Voi puntate €2.25
  • BU vede €2.25
River - Giocatori attivi(2): Voi, BU - Piatto: €7.85
  • Voi puntate €3.5
  • BU fa fold

Se al flop non c’era alcun draw, allora è indicato effettuare ancora una puntata moderata al river e abbandonare il piatto in risposta ad un rilancio.

Made hand forti

Con le made hand forti dovreste sempre puntare. A seconda di quanto sia disposto a pagare l’avversario, effettuate una puntata compresa tra la metà e l’intero piatto. Ciò vale anche per i draw che avete completato al river.

In questo caso non potete presuppore che l’avversario punterà dopo un vostro check. Se prima avete giocato il draw in maniera passiva vedendo soltanto le puntate avversarie, dovrete essere voi a puntare al river. I vostri avversari faranno check troppo spesso e perderete l'occasione di vincere più soldi.

ESEMPIO 53 - FLUSH
Preflop - NL25 Blinds: €0.10/€0.25
Vi trovate in SB
  • UTG1, UTG2 e UTG3 fanno fold
  • MP1 vede €0.25
  • MP2 fa fold
  • MP3 e CO vedono €0.25
  • BU fate fold
  • Voi vedete €0.15
  • BB fa check
Flop - Giocatori attivi(5): Voi, BB, MP1, MP3, CO - Piatto: €1.25
  • Voi e BB fate check
  • MP1 punta €1
  • MP3 vede €1
  • CO fa fold
  • Voi vedete €1
  • BB fa fold
Turn - Giocatori attivi(3): Voi, MP1, MP3 - Piatto: €4.25
  • Voi puntate €3.5
  • MP1 vede €3.5
  • MP3 fa fold
River - Giocatori attivi(2): Voi, MP1 - Piatto: €11.25
  • Voi puntate €7
  • MP1 fa fold

Situazione semplice: una mano appartenente alla quinta categoria viene portata avanti in maniera aggressiva e dare la possibilità agli avversari di perdere più soldi possibili contro di voi.

Conclusione

Arrivati a questo punto, avrete acquisito una visione panoramica di come giocare nelle diverse situazioni nel caso in cui al preflop non ci sia stato alcun rilancio. Sono stati analizzati alcuni esempi relativi alle diverse situazioni possibili ed è stato chiarito il motivo per cui in alcune circostanze si investe mentre in altre si rimane in disparte.

È importante che non vi facciate tentare dalla possibilità di giocare passivamente le made hand al flop. Con le made hand si punta o si fa fold. Considerando che il piatto è ancora molto piccolo, le informazioni sulla forza delle mani avversarie risultano ancora più importanti rispetto a quanto non lo siano nei piatti più consistenti, in cui al preflop c’è stato un rilancio.

Il modo migliore per trarre informazioni è puntare voi stessi. Se giocate passivamente e un avversario punta dopo di voi, non capirete che tipo di mano può avere.

Invece se puntate voi, l’avversario di solito rilancerà con una mano monster. Questo è il tipo di informazioni che si tentano di avere, e l'unica maniera di ottenerle è puntando.

In generale, in un piatto non rilanciato dovreste giocare in maniera molto solida e lineare. Avete investito pochi soldi, il piatto è piccolo e l’avversario potrebbe avere un’ampia gamma di carte. Fate lievitare il piatto solo se avete una mano veramente forte.

È un errore colossale giocare in un piatto non rilanciato con mani semiforti per contendersi piatti sostanziosi. Tenetelo sempre in mente.

 

Commenti (2)

#1 blackmagicnew, 08.12.13 23:10

visto

#2 monkad, 22.07.14 10:09

letto