Joe McKeehen contro gli orari delle WSOP

Ecco alcune storie che potreste esservi persi, incluse le invettive del campione contro l'inizio dei tornei alle 11 e pessime notizie per i pokeristi online del Canada e del Sud Africa.

Poker players 'trattati come schiavi'

L'attuale Campione del Main Event WSOP, Joe McKeehen, non sembra intenzionatissimo a essere un ambasciatore WSOP amichevole nei confronti dei Media, come lo erano stati i suoi predecessori. 

La scorsa settimana ha causato un po' di trambusto su Twitter, quando si è scagliato con rabbia contro la decisione di far cominciare quest'anno i tornei delle World Series of Poker alle 11 di mattina. Ha anche messo nel mirino i Media pokeristici per questo motivo, un fatto che a Daniel Negreanu non è andato affatto giù:

Joe mckeehen twitter rant

Alla fine il campione ha perfino asserito che i pokeristi alle WSOP sono trattati come "schiavi". 

Online poker? illegale in Sudafrica

poker sudafrica

Altra brutta giornata per il gioco online in Sudafrica, dove il governo ha introdotto la propria National Gambling Policy del 2016, che chiaramente stabilisce che nessuna forma di gambling sarà tollerata.

Notizia pessima per i giocatori online, dato che attualmente solo le scommesse sportive sono consentite, e il poker non ha molte speranze di essere accorpato a questa eccezione. 

Secondo le nuove regole, anzi, verranno imposte multe ai provider e alle banche che verranno colte a sollecitare le transazioni di gambling online. 

Il Canada considera di fermare il poker online

bandiera canadese poker

Anche la provincia canadese del Quebec sta considerando un nuovo regolamento che bannerebbe i siti di poker online non gestiti dal governo (e fra questi ci sarebbe anche PokerStars). 

Il disegno di legge imporrebbe ai provider di bannare gli utenti canadesi che accedono ai siti di poker online. 

Questa proposta è finita in ogni caso nel mirino di molti politici e dei provider stessi, i quali sostengono che sarebbe una misura estremamente costosa e facilmente abbattibile dopo una battaglia federale. 

PokerStars cresce in New Jersey

Nel brevissimo periodo trascorso da quando PokerStars ha potuto fare il rientro in USA, è già diventato il più grosso sito del New Jersey in termini di traffico registrato. Ora sembra che possa partire anche l'azione high stakes, su richiesta di un certo Jason Mercier:

 
Barry Carter

Barry Carter

è editorialista di PokerStrategy.com nonché co-autore di The Mental Game of Poker 1 & 2.

Condividilo con i tuoi amici

Condividi la pagina

Commenti (1)