Esclusivo: Tapie ha bisogno dei soldi dei Pro

In un comunicato esclusivo, scopriamo un brutto ostacolo a pochi passi dalla conclusione dell'accordo tra Gruppo Tapie e Full Tilt Poker: pare che le finanze di FTP siano messe peggio del previsto e diventano quindi fondamentali i soldi mai ridati alla room dai grandi Pro.

Come certamente saprete, il Groupe Bernard Tapie (GBT) è un gruppo d'investimento francese che sta acquisendo Full Tilt Poker. Tapie, magnate dello sport (rilevò Adidas a Marsiglia in passato) ha già firmato un accordo con il Dipartimento di Giustizia (DOJ) USA per l'acquisizione dei fondi e delle risorse di FTP per $80 milioni, a patto che determinate condizioni vengano rispettate.

Il Groupe ha svolto ultimamente indagini approfondite sulle effettive condizioni dell'azienda FTP a tutti i livelli. Behn Dayanim, legale del GBT, ha detto a PokerStrategy.com che i requisiti per la cessione sono stati raggiunti  ma non completamente - "ci siamo quasi, manca ancora qualcosa".

Durante questo processo, il GBT ha scoperto che la situazione economica delle controllate di FTP è sostanzialmente peggiore di quanto si pensasse. Uno degli aspetti peggiori è che molti giocatori famosi devono ancora alla società cifre ingenti. La maggior parte di essi si è espressa al meglio con disinteresse.

"L'accordo così è a rischio"

Dato che il sistema FTP è messo peggio del previsto, il recupero dei debiti diventa una questione molto rilevante.

Behn Dayanim si è così espresso a riguardo con PokerStrategy.com:

"Il GBT non desidera acquisire fondi potenzialmente contestabili. In totale, la cifra dovuta alla società è tra i $10 e i $20 milioni. Tra i molti giocatori indebitati ma che non hanno espresso alcuna volontà di ripagare i propri debiti, ci sono Phil Ivey, Layne Flack, David Benyamine ed Erik Lindgren. Barry Greenstein, Mike Matusow e altri devono cifre minori ma comunque rilevanti.

Se il denaro non tornerà alle casse, creerà un ostacolo notevole per la conclusione dell'accordo. Non si tratta del solo problema e questo accordo non andrà a monte solo per un problema singolo, ma la questione dei debiti da onorare è fondamentale".

Alcuni pro hanno già detto in passato di non aver intenzione di ripagare il GBT e che prenderebbero in considerazione di farlo solo con la garanzia che la somma vada direttamente ai giocatori. Oggi, non sembra più un argomento molto forte, dato che impedire la conclusione dell'acquisizione impedirebbe l'emissione, da parte del GBT, di un'enorme quantità di denaro che tornerebbe proprio ai giocatori lesi dalla chiusura di FTP.

Come sempre, vi terremo informati su tutti gli sviluppi - Per tutta la storia e i colpi di scena, in questo thread trovate la cronologia news della saga pokeristica che ha cambiato il mondo del poker.


di Matt Kaufman
adatt cagnoozo

Condividi la pagina

Commenti (15)

mostra i nuovi
  • Holap

    #1

    Brutta notizia :(
  • cagnoozo

    #2

    O magari la pensavano dall'inizio sai...voglio dire, è più forte la posizione di Tapie se arriva a deal quasi fatto e poi inizia a dire "fate pagare i pro oppure mi fermo qua".
  • pirimpilla

    #3

    Di certo c'è solo che tutta la questione è una grande baraonda. Io ci ho rimesso solo qualche centinaio di dollari perchè vuoi per forrtuna o per non so che, giusto un mese prima del grande casino avevo ritirato quasi tutto il mio malloppo. Comunque ritengo inaccettabile, se fosse vero, che certi personaggi fondatori di full tilt siano in grado oggi di contrattare la loro uscita e/o appoggio a suon di milioni, quando esistono migliaia di persone in tutto il mondo che hanno perso anche cifre ingenti.
  • Shujee

    #4

    Speriamo :(.
  • TheTH84

    #5

    mortacci loro ho ancora il mio ex broll lì.
  • SIMO1313

    #6

    FULL TILT è IL PIU GRANDE SITO CHE ESISTE NON VEDO L ORA CHE RIAPRE RAGAZZI DATEMI RETTA è UNICO
  • TheBook85

    #7

    sentite qui i conti non tornano, tipo Phil Ivey?! cioè il suo grafico delle vincite al tavolo è assurdo senza calcolare tornei live ecc ecc, ora o mister Ivey si paca i suoi vizzi tipo ville appartamenti viaggi auto alla vecchia maniera cioè cash "alla mano" quindi i suoi debiti potrebbero avere un senso o qui davvero io non ci capisco più un cazzo eheh
  • doncarlucci

    #8

    Queste sono stupidaggini...figurati se sti milionari francesi si sono accorti solo adesso che mancano piu' soldi del previsto...semplicemente vogliono mettere sotto pressione i pro per non dover spendere soldi con avvocati dopo. Naturalmente a nessuno dei pro piace essere messo in cattiva luce di fronte al "popolino"...e questo spauracchio da parte di Tapie e' la mossa piu' economica di far cacciare i soldi ai pro... hanno gia' deciso di comprare con o senza i soldi dei pro.
  • cagnoozo

    #9

    @8 sono d'accordo, di certo Tapie non si accorge ora che 15 pro ti devono milioni.
  • GionniISCJ

    #10

    A breve arriverà la dichiarazione "Con i fonti che abbiamo possiamo restituire solo il 50% ai giocatori"
  • russianhaze9

    #11

    ma Tapie non deve restituire i fondi solo agli europei ??..
  • cagnoozo

    #12

    Il DOJ si occupa dei players USA, Tapie secondo l'accordo deve ripagare i "ROTW", cioè Rest of the World", cioè un sacco di gente =)
  • PQPJu29ro

    #13

    mmm... va bussando casa casa... secondo me dovrebbe far ritrovare nei loro letti una testa di cavallo... Una offerta che non potran rifiutare!!! :D
  • spinoso

    #14

    C'e' qualcosa di veramente incomprensibile in questa situazione.
    Parlo delle linee di credito offerte a questi "presunti" campioni.
    Dico presunti perche' inizio a dubitare dei loro successi e dei loro guadagni.
    A che titolo un giocatore puo' disporre delle casse di una societa' e perche' FullTilt era obbligata a concedere quei soldi ai suoi giocatori simbolo?
    Non e' che tutti quei tornei televisivi erano uno sporco teatrino per attirare nuovi clienti sulla piattaforma?
  • doncarlucci

    #15

    Alle case di gioco, sia fisiche che on line, fa sempre comodo fino ad un certo punto prestare soldi a certi players.Cosi come le banche concedono i castelletti a certe attivita'. La casa continua a guadagnare moltissimo specialmente sui cash game High stack.
    Cosi come una banca continua a guadagnare dagli interessi sul castelletto.
    Riguardo al reale bilancio economico di certi players sono completamente sicuro che molti "famosi" hanno perdite grandi come la loro fama. Non si puo' dimenticare che il gioco crea dipendenza come qualsiasi altro vizio... Personalmente non so quanti dei campioni siano aditti al gioco ma di sicuro so che quelli che sono dipendenti da gioco sono inesorabilmente in perdita per ovvie ragioni di mancanza di lucidita'e distacco. Mentre chi sa stare in equilibrio molto probabilmente e' in attivo.