Questo sito usa i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Se continui a navigare su questo sito, accetterai i suddetti cookie. Per maggiori dettagli e per cambiare le tue impostazioni, guarda la nostra Policy sui Cookie e la Policy sulla Privacy. Chiudi

Tells poker live

  • 10 risposte
    • navigator7709
      navigator7709
      Bronzo
      Presente da: 06-16-2008 Contributi: 6.688
      Quelli "autentici", osservando l'avversario mentre guarda il flop... di solito evito di guardare le carte ed osservo l'oppo... cerco di fare questa cosa anche quando non sono in gioco, per capire in quale modo trasmette sicurezza o meno (al di là delle linee generali, oppi diversi reagiscono in modo diverso a flop che gli piaccono o meno).

      Poi dò un pò di attenzione alla tempistica della puntata... e per non dare a mia volta info, conto fino a 5/10 prima di fare un'azione (a volte anche per foldare 72o in un piatto 3bettato).
    • noelga
      noelga
      Bronzo
      Presente da: 01-02-2009 Contributi: 7.063
      Io i time tells ancora non li ho capiti, mi fai qualche esempio Mario.
    • navigator7709
      navigator7709
      Bronzo
      Presente da: 06-16-2008 Contributi: 6.688
      L'originale di noelgaIo i time tells ancora non li ho capiti, mi fai qualche esempio Mario.
      Sono tutti soggettivi... ad esempio, qualcuno anche senza una mano eccellente può guardare le carte un pò prima del suo turno, e pianificare di raisare in maniera rapida appena è il suo turno (magari se nessuno tight lo ha fatto in precedenza) per simulare forza, pur non avendo una mano eccellente.
      Ovviamente per essere "valida" come mossa, bisognerebbe raisare rapidamente anche mani forti, cosa che però solitamente non viene fatta (a meno di neofiti che si emozionano appena vedono AA :D )

      In generale, bisogna provare ad osservare l'avversario, capire se può darci volutamente dei finti tells (es. pensarci e magari fare anche la scenetta teatrale che non aveva mai fatto prima di raisare... spesso avrà qualcosa di forte).
    • danielasso
      danielasso
      Bronzo
      Presente da: 02-15-2008 Contributi: 12.124
      Mike Caro - The Book of Tells
    • Millenium187
      Millenium187
      Bronzo
      Presente da: 11-19-2008 Contributi: 918
      preferisco l'altro libro sui tells... Phil Hellmuth: "Read 'Em and Reap"
    • pelino69
      pelino69
      Bronzo
      Presente da: 07-20-2009 Contributi: 1.929
      L'originale di danielassoMike Caro - The Book of Tells
      l'ho letto anch'io ma non mi è piaciuto , forse perché i tells li capisci meglio se li vedi , un bel video didattico magari , ma ci vorrebbero attori veramente bravi per simulare il tell spontaneo
      E poi nel libro quelle foto anni 70 , fanno cagare.
    • pelino69
      pelino69
      Bronzo
      Presente da: 07-20-2009 Contributi: 1.929
      [quote][i] Poi dò un pò di attenzione alla tempistica della puntata... e per non dare a mia volta info, conto fino a 5/10 prima di fare un'azione (a volte anche per foldare 72o in un piatto 3bettato).[/quote]+1
      Anch'io faccio lo stesso , ritengo sia molto importante non farsi leggere , poi quando giochi con dei cavigli allora viene facile vedere certi atteggiamenti nervosi , l'irrigidirsi e il protrarsi in avanti con mani buone , il finto calmo , il finto sereno , le sopracciglia. Non mi fido dei movimenti delle mani ,il riguardare le carte , il proteggerle , troppo facile da simulare.
      La prima volta che ho visto Ivey (in video) mi son detto "questo è un libro aperto" , poi invece la faccia da spiritato ce l'ha sempre
    • anthonbet
      anthonbet
      Bronzo
      Presente da: 12-03-2007 Contributi: 4.191
      Avevo letto da qualche parte (forse sul suo blog) che Sergio uscì da un torneo e subito dopo acquistò un libro,e rivelò che se lo avesse letto prima non sarebbe uscito,per dei Tells dell'avversario,magari c'è lo può suggerire..
    • navigator7709
      navigator7709
      Bronzo
      Presente da: 06-16-2008 Contributi: 6.688
      L'originale di anthonbetAvevo letto da qualche parte (forse sul suo blog) che Sergio uscì da un torneo e subito dopo acquistò un libro,e rivelò che se lo avesse letto prima non sarebbe uscito,per dei Tells dell'avversario,magari c'è lo può suggerire..
      Se non sbaglio era proprio "The book of tells" :)
    • Swedfishclub
      Swedfishclub
      Bronzo
      Presente da: 11-02-2008 Contributi: 586
      8) in tanti usano gli occhiali da sole proprio per non incrociare gli sguardi altrui...
      anche se onestamente non mi ci vedo giocare cash con gli occhiali da sole...magari a casa con amici passa la fidanzata e mi crede idiota!!! ?(

      In ogni modo i tells, così come tutti i linguaggi del corpo e i movimenti che non si riescono a controllare si scoprono giocando live, io ho iniziato "live" poi mi sono adattato al poker on line, e devo dire che la differenza si vede.
      In tante mani live ed in alcuni momenti cruciali della partita si ha il cuore in gola, ma si cerca di nasconere le emozioni... il gioco on line sotto questo aspetto e molto più freddo...ci sono pro e contro e tante differenze tra i due modi giocare la stessa partita.
      Il rovescio della medaglia è il fatto che chi è partito live (io con le 5 carte... :f_cry: ) ha fatto o fa tuttora più fatica ad adattarsi al mondo on line proprio per la mancanza di info (a questo servono i software...ptracker, HUD, elephant..).

      per quanto concerne il libro Mike Caro - The Book of Tells non mi è affatto dispiaciuto, risveglia l'animo romantico del pokerista che c'è in me. :s_grin: :s_grin:

      ciao a tutti