Questo sito usa i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Se continui a navigare su questo sito, accetterai i suddetti cookie. Per maggiori dettagli e per cambiare le tue impostazioni, guarda la nostra Policy sui Cookie e la Policy sulla Privacy. Chiudi

Come affrontano le WSOP i pro

    • willyss
      willyss
      Coach
      Coach
      Presente da: 07-02-2008 Contributi: 5.913
      ciao ragazzi,

      quella delle wsop è stata un'esperienza indimenticabile, ho avuto il piacere di vedere in azione i + grandi campioni di poker e non potete credere a quello che vi sto per dire; molti di loro tra cui Ivey, Pescatori e Negreanu usano una tecnica un po' bizzarra che però sembra funzionare visto i loro recenti successi:

      1)giocano + eventi possibili, anche 2 contemporaneamente (è possibile), in virtù del fatto che sono sponsorizzati.

      2) li giocano in maniera toatalmente MANIAC, iperaggressivi in cerca della sculata iniziale per fare stack, dopo di che si mettono a giocare a poker. Infatti quando Ivey ha vinto l'evento omaha 8 o better misto a stud hl, stava giocando anche un altro evento; chi era al suo tavolo , mi ha raccontato che reraisava e puntava quasi any cards con l'obbiettivo di cercare fortuna o essere eliminato in modo da dedicarsi poi all'evento dove aveva creato un solido stack iniziale.

      3) il tutto mi ha fatto riflettere su una cosa che pensavo e che anche Snyder in parte descrive su PTF1: se giochiamo on-line + tornei contemporaneamente e siamo iper-rollati, la tecnica migliore è proprio quella di giocare very loose all'inizio per poi giocare un poker + ragionato quando si ha uno stack dominante; infatti mi hanno raccontato che stattisticamente, chi va spesso ITM, come l 20% delle volte , non guadagnerà molto perchè farà pochissimi tavoli finali, un ITM + corretto per chi gioca loose è tra il 15 e 18% con l'obiettivo però di fare in % molti + final table, dove girano i veri $$.

      Io vi ho buttato un argomento su cui riflettere, così chi seguirà i miei coaching, capirà perchè spesso mi gioco certi coi-flip sin dall'inizio ;) .

      Vito
  • 22 risposte
    • illuminato5
      illuminato5
      Bronzo
      Presente da: 01-24-2009 Contributi: 1.037
      Interessante osservazione,ma forse non stravolge un po' molte "regole" che cerchiamo di seguire??
      Mi spiego meglio:quello che ho imparato qui è stato finora di giocare solido alll'inizio per non rischiare molto con bui piccoli e quindi creare un'immagine tight per poi aprirsi pian piano quando i bui contano...
      Ora si dice di rischiare magari qualche coinflip all'inizio per poi gestire meglio il torneo.Ma quell'immagine che diamo fin da subito non rischia di trasformarsi in un'arma a dopppio taglio,cioè verremo chiamati da altrettanti maniac che ragionano allo stesso modo?
    • noelga
      noelga
      Bronzo
      Presente da: 01-02-2009 Contributi: 7.063
      Qua si parla di tornei multitavolo, tutta un'altra pasta.
      Comunque la nostra immagine sarebbe "compromessa" solo in un tavolo, appena passiamo a un altro, con nuovi avversari, non hai più questo problema.
    • willyss
      willyss
      Coach
      Coach
      Presente da: 07-02-2008 Contributi: 5.913
      ma è meglio avere un'immagine wild, così quelle poche volte che abbiamo delle premium ci pagano.
      Comunque negli mtt + il field è ampio + bisogna giocare loose all'inizio, questo è un concetto fondamentale, poi ci sono tante cose da tenere in conto come lo stile degli avversari etc.
    • geniodelletartarughe
      geniodelletartarughe
      Coach
      Coach
      Presente da: 10-21-2007 Contributi: 3.662
      ...però un fatto da tenere in considerazione per questi grandi eventi, Vito, è che i campioni già affermati sono sponsorizzati e giocano questi grandi tornei abitualmente, per cui non fanno una piega quando escono. Uno di noi che è lì per giocarsi la chance della sua vita non può giocarsela allo stesso modo. Meglio cercare frequentemente di andare ITM per fare br e per farsi notare, poi si può pensare di giocare in modo più spregiudicato, secondo me
    • elfigus
      elfigus
      Black
      Presente da: 08-12-2008 Contributi: 7.207
      esatto genio, loro possono giocare gratis N tornei senza preoccuparsi dei risultati, una persona normale se si va a pagare già 2-3buy in diventa pesante per qualsiasi bankroll solido anche di gente che è fortissima ma è magari senza sponsor.

      insomma come dire che se Schumacher distrugge una Ferrari in pista durante l'esibizione se ne trova 2 in garage nuove, noi se la distruggiamo dobbiamo tornare a risparmiare per tutta la vita.. ovvio che lui possa permettersi di spingere + di noi.
    • willyss
      willyss
      Coach
      Coach
      Presente da: 07-02-2008 Contributi: 5.913
      se leggete bene quello che ho scritto, stiamo dicendo la stessa cosa, loro giocano gratis e possono permetterselo ;) .... io dicevo di fare la stessa cosa on-line in tornei dove abbiamo + di 200 buy-in di bankroll se vogliamo fare + tavoli finali e meno itm in generale.
    • valentik72
      valentik72
      Bronzo
      Presente da: 10-02-2006 Contributi: 6.180
      Ovvio che concordo con genio ed elfigus vuoi mettere il loro morale se escono son sempre campioni e il loro budget magari e' pure aumentato.
      Io da parte mia quando mi siedo ed incomincio un mtt lo gioco mano per mano se mi sento di andare all in ci vado , se devo raissare lo faccio insomma mano per mano valutando tutte le informazioni raccolte in quel momento in piena concentrazione poi se va va l' importante per me e alzarmi e dire e pensare piu' di cosi' non potevo propio fare. :D
    • Di4bhal
      Di4bhal
      Bronzo
      Presente da: 03-08-2008 Contributi: 3.860
      L'originale di geniodelletartarughe...però un fatto da tenere in considerazione per questi grandi eventi, Vito, è che i campioni già affermati sono sponsorizzati e giocano questi grandi tornei abitualmente, per cui non fanno una piega quando escono. Uno di noi che è lì per giocarsi la chance della sua vita non può giocarsela allo stesso modo. Meglio cercare frequentemente di andare ITM per fare br e per farsi notare, poi si può pensare di giocare in modo più spregiudicato, secondo me
      quello che dici è anche giusto, però è pure vero che un postulato fondamentale del poker dice che non bisogna aver paura di perdere :D
    • Ancalima
      Ancalima
      Bronzo
      Presente da: 05-12-2008 Contributi: 653
      si ma dalla paura di perdere a giocare maniac ce ne passa xD
    • elfigus
      elfigus
      Black
      Presente da: 08-12-2008 Contributi: 7.207
      L'originale di willyssse leggete bene quello che ho scritto, stiamo dicendo la stessa cosa, loro giocano gratis e possono permetterselo ;) .... io dicevo di fare la stessa cosa on-line in tornei dove abbiamo + di 200 buy-in di bankroll se vogliamo fare + tavoli finali e meno itm in generale.
      giustissimo, però concordi con me che o uno gioca MTT di un certo livello o giocare troppo loose vs scarsi calling station o altro porta solo che svantaggi, giocare tanto loose porta profitto nel momento in cui dall'altra parte hai gente che sa un minimo ragionare e ti folda che ne so A5 se gli tribetti preflop.

      io ho fatto solo mtt da al max 5 dollari e li vedevi di quelle mani preflop che andavano all in completamente a caso.. tipo i freeroll, vs sta gente qua c'è da giocar chiusi e sperare che ti paghino tutto ^^
    • Di4bhal
      Di4bhal
      Bronzo
      Presente da: 03-08-2008 Contributi: 3.860
      L'originale di elfigus
      L'originale di willyssse leggete bene quello che ho scritto, stiamo dicendo la stessa cosa, loro giocano gratis e possono permetterselo ;) .... io dicevo di fare la stessa cosa on-line in tornei dove abbiamo + di 200 buy-in di bankroll se vogliamo fare + tavoli finali e meno itm in generale.
      giustissimo, però concordi con me che o uno gioca MTT di un certo livello o giocare troppo loose vs scarsi calling station o altro porta solo che svantaggi, giocare tanto loose porta profitto nel momento in cui dall'altra parte hai gente che sa un minimo ragionare e ti folda che ne so A5 se gli tribetti preflop.

      io ho fatto solo mtt da al max 5 dollari e li vedevi di quelle mani preflop che andavano all in completamente a caso.. tipo i freeroll, vs sta gente qua c'è da giocar chiusi e sperare che ti paghino tutto ^^
      Io penso che nei tornei di un certo livello, come le WSOP, sia MOLTO più conveniente (se hai i mezzi finanziari per permettertelo) giocare tendenti al maniac, dato che troverai tantissime persone che hanno paura di uscire prematuramente a quello che magari è il loro primo torneo importante, commettendo degli errori che vanno a vantaggio dei "pro".

      Certo che negli mtt online da 5$ di contro è molto difficile fare questo discorso e sono totalmente d'accordo con elfigus :D
    • mentegatto
      mentegatto
      Bronzo
      Presente da: 01-13-2009 Contributi: 589
      non credo che williss volesse stravolgere la strategia per la fase iniziale dei tornei che tanto abbiamo imparato ad apprezzare, lui dice solo che ci vuol far riflettere su delle strategie alternative che alcuni grandi campioni hanno sperimentato e usano in PARTICOLARI situazioni.
      E solo per chi è iper-rollato e cioè già pienamente padrone delle strategie insegnate da PS, così da poter rendere più imprevedibile e vario il proprio gioco.
    • Brianmayroma
      Brianmayroma
      Bronzo
      Presente da: 08-30-2008 Contributi: 4.004
      Hellmutt cosa direbbe a riguardo?
    • sauzer00
      sauzer00
      Bronzo
      Presente da: 11-15-2007 Contributi: 5.642
      Secondo me sta cosa non è malaccio.
      Ovvio non la si può fare alle wsop.
      Ma magari uno che ha qualcosa come 100K di bankeroll la puo fare negli eventi da 2-300 €
    • raisamaro
      raisamaro
      Basic
      Presente da: 04-25-2009 Contributi: 57
      Interessantissima notazione, coach,
      tuttavia, ritengo che loro possano fare quel tipo di gioco, soltanto perché possono permetterselo.
      Non tanto perché sono sponsorizzati, ma soprattutto perché sono dei campioni, loro.
      Per giocare da maniac in quel modo, infatti, devi avere la consapevolezza di essere una spanna superiore a tutti gli avversari al tavolo. Soltanto in quel modo puoi controllare il tavolo senza particolari preoccupazioni, diversamente, ti vai a schiantare.
      E' chiaro che anche a loro una sportellata può capitare, ma se ci giocassero i comuni mortali così le sportellate arriverebbero appena usciti dal paddock.

      Vogliamo riconoscergli una superiorità a questa gente o no?
      Attenzione che quando parlo di superiorità, intendo riferirmi non alla capacità di calcolare esattamente come scolaretti le pot odds, le card odds, le implied odds e via discorrendo. Questo lo lasciano fare volentieri agli avversari, usandolo come arma nei loro confronti.
      Credo che i grandi campioni non siano dei ragionieri del poker, ma dei genii. Il poker, oltre un certo livello di preparazione di base è genio allo stato puro. E' esattamente tutto quello che non si può imparare da nessuna parte.

      Coach, pensi davvero che uno che approccia al poker dicendoti che quando faceva il trading faceva più soldi o che chiede se c'è la possibilità di installare un programma che giochi in sua vece possa giocare in quel modo?
    • willyss
      willyss
      Coach
      Coach
      Presente da: 07-02-2008 Contributi: 5.913
      sicuramente i grandi pro hanno capacità superiori alla norma ed usano le nostre debolezze contro di noi; non volevo generalizzare, il poker è troppo complesso per dire che per vincere bisogna giocare loose o tight etc. ci sono troppe situazioni da considerare ed è anche vero che conta molto il buy-in ed il livello medio degli avversari; nel live è + facile capire il carattere e lo stile dei tuoi avversari, da come si vestono, parlano, atteggiano e tante altre cose, oltre che non ti faranno mai dei call a vanvera perchè hanno paura della figuraccia che potrebbero fare; tuttavia l'anno scorso ho provato a cambiare stile e ho giocato 200 tornei circa in un mese cercando di essere + loose aggressive nei buy-in tra 55-109$ ed ho avuto i migliori risultati di sempre, questo non vuol dire giocare a caso ed aggredire tutti con tutto, l'aggressività va sempre selezionata e ben ponderata.
    • Galliani
      Galliani
      Bronzo
      Presente da: 10-26-2007 Contributi: 5.562
      Io quoto Vito e da qualche tempo (un mesetto e mezzo) gioco proprio così: maniac semi wild nudo a mani in tasca.

      Ci vuole molta confidence nel proprio gioco e nelle varie fasi e situazioni ... da sconsigliare ai new comers e a chi sta imparando .... per chi ha pelo sullo stomaco sicuramente questa è, imo, la strategia migliore.

      :D Meno ITM ma molti più piazzamenti di rilievo .... questa è quello che vedo io!

      Daje Vito daje!
    • AlexInside
      AlexInside
      Bronzo
      Presente da: 08-13-2007 Contributi: 7.092
      L'originale di Ancalimasi ma dalla paura di perdere a giocare maniac ce ne passa xD
      Si e no.
      Ognuno ha il suo stile, e per giocare il suo metagame deve usarlo ''indistintamente'' dal bi che ha scelto di giocare. Non ha senso per un LAG andare a un EPT e mettersi a giocare solo AKo+QQ+ perchè è l'occasione della vita e non vuole uscire subito. E non ha senso per un TAG/NIT provare di punto in bianco a mettersi a giocare iper-aggro perchè rischia di prendere batoste assurde.
    • cobe84
      cobe84
      Bronzo
      Presente da: 03-25-2009 Contributi: 101
      Questa strategia funziona secondo me in base agli avversari che hai al tavolo, molti alle wsop cercano l'occasioni della propria vita, i pro queste occasioni le hanno già avute e sciuramente sfruttano la loro immagine per intimorire questi avversari "novelli".

      Avere Phil Ivey, Doyle brunson, Patrick Antonius, Daniel Negreanu al proprio tavolo comunque qualche emozione la provoca secondo me, anche involontaria.

      Come strategia secondo me può funzionare alla grande, o esci subito oppure arrivi fino in fondo e sicuramente hai meno incazzature che uscire in bolla!!
    • 1
    • 2