Il lungo periodo.

    • Di4bhal
      Di4bhal
      Bronzo
      Presente da: 03-08-2008 Contributi: 3.860
      Ci tengo ad aprire questo thread perché è una questione che mi frulla per la testa da qualche giorno.
      Premetto che "gioco" a poker da circa un anno, fino a poco tempo fa giocando solo SNG, abbastanza saltuariamente e senza troppo impegno. Solo ultimamente ho deciso che volevo dedicarmi più seriamente al poker, iniziando a giocare cash.

      I primi tempi sono stati decenti, qualche perdita ma alla fine riuscivo sempre a tornare in positivo. Purtroppo i giochi son finiti sul più bello perché non si è fatto aspettare il fatidico downswing che mi ha costretto ad un downlevel. Anche se devo dire che da un lato sono contento almeno non ho occasione per montarmi la testa.
      Detto questo, entro nel vivo della mia questione: molte delle giocate che si fanno, soprattutto nel cash, guardano alla cosidetta long run, si tende quindi a standardizzare il proprio gioco seguendo i rigorosi principi matematici che noi tutti, chi più, chi meno, conosciamo. Tutto estremamente giusto, se non fosse che spesso, nel breve periodo, dove la fortuna è padrona questo discorso diventa molto relativo.
      A questo punto la mia domanda è: secondo voi è giusto seguire sempre e comunque questo tipo di gioco, lasciando da parte la propria testa, ed il proprio istinto?
      Ovviamente non parlo di situazioni in cui giochiamo secondo istinto (o reads sui players, se volete), in quanto secondo me in quei casi è sempre meglio affidarsi alla teoria prima, ma di situazioni dove decidiamo di non giocare perché pensiamo che potremmo perdere quella singola mano.

      Questo va visto dal punto di vista di chi, come me, sta cercando di crearsi un BR praticamente partendo da pochi spiccioli. Capirete che a questo punto ogni singola mano conta per costruire il proprio BR.

      Cosa ne pensate? Il mio ragionamento ha qualche spiraglio di logica oppure è solo una crisi da downswing e dovrei giocare comunque ogni mano matematicamente giusta perché tanto nella long run risulteranno +EV - fregandomene quindi del fatto che in quella singola mano potrei perdere?

      :D
  • 6 risposte
    • N4rk0
      N4rk0
      Bronzo
      Presente da: 03-27-2008 Contributi: 1.056
      Se fai questo ragionamento sei in tilt.... lo so che se io ho set ed uno ha un forte draw posso perdere , ma comunque è proficuo giocare perchè alla lunga vincerò ....se tu non giochi la mano o non rilanci per paura significa che stai perdendo valore , perdi soldi.
      Te lo dico perchè anche io ho una reazione simile alle situazioni sfortunate , tendo a diventare troppo chiuso e passivo per paura di qualsiasi monster che può avere l'avversario .... da lì capisci che è il momento di prendersi una pausa ;)

      Giocare bene significa fare la scelta +EV possibile , se fai fold il tuo EV è 0 , se un'altra azione avrebbe avuto un EV > 0 allora sicuramente tu non stai facendo il miglior gioco possibile.
    • pinerolo
      pinerolo
      Bronzo
      Presente da: 05-02-2008 Contributi: 7.483
      L'originale di Di4bhal

      Cosa ne pensate? Il mio ragionamento ha qualche spiraglio di logica oppure è solo una crisi da downswing e dovrei giocare comunque ogni mano matematicamente giusta perché tanto nella long run risulteranno +EV - fregandomene quindi del fatto che in quella singola mano potrei perdere?

      :D
      penso questo :)
    • Di4bhal
      Di4bhal
      Bronzo
      Presente da: 03-08-2008 Contributi: 3.860
      Avete ragione, è proprio un periodaccio, ma fa sempre bene sentire i commenti degli altri :)
    • raisamaro
      raisamaro
      Basic
      Presente da: 04-25-2009 Contributi: 57
      Hai introdotto un concetto molto interessante sul quale anch'io ultimamente mi vado interrogando.
      A mio (modestissimo) avviso, occorre distinguere nettamente.
      In realtà, ogni ambiente di gioco è un vero e proprio gioco completamente diverso.
      Iniziamo con il live e con l'online, per arrivare al SNG e al cash.
      Per cui avremo:
      SNG live
      cash live
      SNG online
      cash live

      Nel SNG live, il discorso del lungo periodo non si applica quasi per niente: puoi morire per un colpo partito a qualcuno perché starnutisce, che rimbalza su un palo della luce, poi su una portiera di automobile fa sponda su una soglia di marmo e ti raggiunge.
      Nel cash live, quel discorso ha già una sua buona valenza, anche se altri fattori sono più importanti.
      Nel gioco online, non essendoci molti altri elementi d'orientamento, è ovvio che le decisioni debbano essere maggiormente influenzate da certi presupposti.
    • ErMandrakeAA
      ErMandrakeAA
      Bronzo
      Presente da: 12-05-2008 Contributi: 4.992
      I sit & go live sopratutto nei circoli non andrebbero giocati se uno vuole avere un profitto

      Non ha senso giocarli

      Buy in altissimo..un sit dura 1 ora e mezza.. stack 5mila e bui 12 min.. una lotteria praticamente
    • navigator7709
      navigator7709
      Moderatore
      Moderatore
      Presente da: 06-16-2008 Contributi: 6.688
      Il problema dei sit live è che ne puoi fare pochi in una serata, per cui non puoi abbattere la varianza!
      Conosco diversi shark che li fanno con profitto, 2/3 a serata per almeno 4/5 giorni alla settimana, anche perchè conoscendo un posto conosci i "gambler" e come giocano.. e quindi sai in anticipo quando stanno per starnutire.. ;)

      Il discorso della "paura di scoppio" non deve esserci, specie nei SnG... la regola di fondo è semplice, se credi di essere avanti betta sempre (o quasi, però quando non lo fai mai per paura, ma per strategia), se giochi in Bankroll uno scoppio non dovrebbe falti tiltare.

      Se fai la scelta giusta, al di là dello scoppio, hai già vinto ;)