Questo sito usa i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Se continui a navigare su questo sito, accetterai i suddetti cookie. Per maggiori dettagli e per cambiare le tue impostazioni, guarda la nostra Policy sui Cookie e la Policy sulla Privacy. Chiudi

Road to Pro - Lemnon's Blog

    • Lemnon95
      Lemnon95
      Bronzo
      Presente da: 09-30-2017 Contributi: 538


      Eccomi finalmente nella sezione blog.
      Conclusa la mia prima challenge, 600€ di Bankroll, è giunto il momento di fare le cose in grande.
      Per prima cosa, mi presento: mi chiamo Simone, ho 22 anni (quasi 23) e sono disoccupato. In teoria frequento l'università la Sapienza di Roma, corso di Informatica. Dico in teoria perché è da qualche mese che non studio, e non voglio continuare a farlo. Mi mancano credo 14 esami alla laurea, ho la media del 28.50, ma non provo passione per ciò che studio, e soprattutto non voglio prendere la laurea per andare a fare il dipendente in qualche azienda che fa cose che non mi interessano. Lavorare 8-17 dal Lunedì al Venerdì, ferie pagate, tredicesima etc, sono cose che non mi interessano. Sia perché non è un lavoro che mi piace, sia perché non è il tipo di vita a cui ambisco. Rispetto chi fa questo tipo di lavori o chi aspira a farli, ma io punto a cose diverse.
      Voglio costruirmi una vita in cui io decida per me stesso TUTTO, quando alzarmi, quando lavorare, quando uscire... senza dipendere da un lavoro a cui devo presentarmi obbligatoriamente.
      Inoltre sono anche un ballerino di salsa & bachata, da circa 4 anni. Ho svolto diverse competizioni anche nazionali classificandomi sempre sul podio della mia categoria. Ovviamente in coppia, con la mia ragazza. La salsa è la mia passione più grande, non immagino la mia vita senza. Uno dei miei obiettivi è ovviamente quello di diventare professionista, forse fare il maestro ed aprire una scuola.

      Ho iniziato a giocare a poker online ad ottobre 2017, sono quindi 8 mesi. Ma è da circa 4 che studio su questo sito e frequento questo forum. I miglioramenti sono stati molti e grazie alla challenge che ho appena concluso, so in che direzione andare.
      Sono un giocatore di cash fino al midollo, e proseguirò per questa strada.
      L'obiettivo è diventare professionista, giocare i limiti più alti possibili e vivere di questo, guadagnando svariate migliaia di €. Il poker non è solo un modo per fare soldi, ma un gioco che mi appassiona e a cui gioco con piacere, perché mi diverte. E' per questo che studio e mi impegno, perché mi appassiona. Altrimenti cliccare sarebbe noioso esattamente quanto prendere la laurea e lavorare da dipendente.


      Al momento sono al NL5 e gioco principalmente su Pokerstars. C'è abbondanza di fish e traffico, la rakeback fa schifo, però sinceramente non vedo alternative.
      Questo mese di Luglio non ho giocato, ho fatto solo una breve sessione, ma da Lunedì si comincia a grindare seriamente.

      OBIETTIVI:

      - raggiungere NL25 entro dicembre 2018 e mantenere almeno 8 bb/100.
      - raggiungere NL10 entro settembre 2018 e mantenere almeno 10 bb/100.
      - migliorare gestione mindset e tilt.
      - studiare studiare studiare.



      Ovviamente per la mia indole anticonformista (:D ) affronto ogni giorno pressioni da parte della famiglia per riprendere a studiare oppure a cercarmi un lavoro. Quando rispondo che il lavoro già ce l'ho, mi rispondono che mi avete fatto il lavaggio del cervello con il poker :D e che questo non è un lavoro.
      Quindi in questi 6 mesi rimanenti di 2018, l'obiettivo finale sarà quello di dimostrare di poter guadagnare almeno 500€ al mese nei primi mesi del 2019.

      A fine anno tireremo le somme e mi darò altri obiettivi, con l'obiettivo ultimo sempre bene in testa di andare a giocare i veri high stakes e diventare top pro italiano.

      Cercherò di rendere il blog il più interessante possibile, grazie a tutti quelli che decideranno di seguirmi.
      Se avete domande sarò qui a rispondere. Se avete consigli, sarò qui a riceverli. :f_drink:
  • 153 risposte
    • Lele310383
      Lele310383
      Bronzo
      Presente da: 08-16-2011 Contributi: 3.314
      Io di te sapevo già tutto quanto perché ti seguo da un po'. Se posso dire la mia, io se fossi in te cmq la laurea me la prenderei lo stesso, solo questo.
      Per il resto :gl:
    • anem804
      anem804
      Oro
      Presente da: 02-24-2017 Contributi: 2.032
      L'originale di Lele310383
      Io di te sapevo già tutto quanto perché ti seguo da un po'. Se posso dire la mia, io se fossi in te cmq la laurea me la prenderei lo stesso, solo questo.
      Per il resto :gl:
      mi ha anticipato come al solito superlele è sempre fulmineo
      quello che penso di te player lo sai ma....
      non permetterti di abbandonare gli studi che ti venco a prendere a calci.
      non ti piace quella facoltà?
      cambiala ma voglio il pezzo di carta.
    • THAIX
      THAIX
      HeadAdmin
      HeadAdmin
      Presente da: 03-19-2013 Contributi: 11.672
      Sei abbastanza motivato si sente da come scrivi.

      - raggiungere NL25 entro dicembre 2018 e mantenere almeno 8 bb/100.
      - raggiungere NL10 entro settembre 2018 e mantenere almeno 10 bb/100.
      - migliorare gestione mindset e tilt.
      - studiare studiare studiare.


      Dal mio punto di vista, questi sono obiettivi che potresti raggiungere, me lo auguro e farò il tifo per te, anche se sarà difficile perchè il tempo è breve e devi prendere in considerazione gli swing.

      L'obiettivo è diventare professionista, giocare i limiti più alti possibili e vivere di questo, guadagnando svariate migliaia di €.
      ecco, qui sarà dura. In italia credo che sia quasi impossibile diventare professionista e vivere di poker. Chi ci è riuscito si contano sulla punta delle dita, e quei pochi che ci sono riusciti sono stati costretti a trasferirsi all'estero. Non dico che è matematicamente impossibile, si potrebbe fare, ma sarà veramente durissima. Non lo dico per deluderti e smontare le tue aspirazioni. Lo dico solo per metterti in guardia e per farti capire come stanno le cose realmente.

      Ovviamente per la mia indole anticonformista (:D ) affronto ogni giorno pressioni da parte della famiglia per riprendere a studiare oppure a cercarmi un lavoro.
      E hanno ragione DISGRAZIATO che non sei altro :evil: , hai mollato gli studi e ti sei messo a giocare a poker......per forza.

      Guarda, ho 34 anni. E solo ora mi sto rendendo conto di quanto sia importante la cultura. Io mi sono pentito amaramente di non essermi laureato. Adesso sto cercando di recuperare. Fino a 25 anni non ero neanche diplomato.

      Mi sono diplomato al serale, lavoravo e studiavo, per 3 anni. E' stata dura ma ci sono riuscito, adesso invece sto cercando di trovare una materia universitaria per dedicarmi a quella. Passo dall'antropologia alla filosofia e alla psicologia. Sono Attratto da queste tre materie, e non riesco a decidermi.

      Il problema qual è' ? Che ormai è troppo tardi. Con un lavoro, due figli, lo sport, non riesco a studiare come si deve e vado molto a rilento. E qui mi mangio le mani tutti i giorni per non averci pensato prima, anche se ho avuto una vita abbastanza impegnativa ( sono andato via di casa a 17 anni ), quindi anche se ci avessi pensato non c'è l'avrei fatta lo stesso. Comunque ho deciso che una volta scelta la facoltà, studio per conto mio per qualche hanno poi mi iscrivo e cerco di dare gli esami, anche se ci metto 20 anni a laurearmi non me ne frega niente. Non lo faccio per lavoro, ma per una soddisfazione personale.

      Il mio consiglio è: Dedicati al poker per qualche anno, cerca di fare più soldi possibili per mettere su una bella scuola di danza, e dopo visto che la scuola è tua, magari avrai tempo anche per riprendere gli studi e studiare qualcosa che ti piace.

      La vita da poker player non è facile. Sopratutto adesso. Poi ci sono tutti i pro e i contro, e qui si apre una discussione infinita.

      Comunque ti faccio il mio in bocca al lupo e torna a studiare all'università DISGRAZIATO X(
    • Giuliocesare5
      Giuliocesare5
      Oro
      Presente da: 12-02-2011 Contributi: 1.442
      Mi ricordi mio figlio.

      Diversi anni fa aveva iniziato l'università e dato i primi esami, quando fu colpito dal poker on line portato in casa nostra dal fratello più grande.

      Iniziò a fare tardi la notte e a giocare a limiti sempre maggiori. Il suo main game erano gli HU.

      Naturalmente come padre a me non poteva andare bene, avrei voluto che si laureasse. Sono iniziate le prime discussioni e i primi rimproveri. Dopo qualche tempo mi disse che sarebbe andato a vivere con un suo amico in un'appartamento preso in affitto e così fece.

      Università abbandonata e giù a cliccare tutto il giorno (o meglio tutta la notte). Era diventato tra i 3 o quattro migliori della sua disciplina e debbo dire che era riuscito anche a scansarsi qualche soldino.

      Adesso, visto che gli HU praticamente non partono più, almeno con la frequenza che a lui servirebbe è dovuto ripiegare sugli spin, e meno male che almeno quelli per il momento hanno buon traffico e gli permettono di poter avere l'equivalente di un discreto stipendio.

      Ora dovrebbe sposarsi con la compagna con cui vive. L'università nel frattempo è stata abbandonata. Gli anni sono trascorsi e riprenderla adesso è improponibile, non ha contributi, né un lavoro sicuro ed il futuro è alquanto incerto.

      Te lo chiedo come lo chiesi a lui anni fa.

      Non fare il sui stesso errore. Laureati. Gioca, divertiti, segui le passioni che hai, ma non lasciare l'università. Tieniti aperta un'altra opportunità. Non puoi sapere cosa ti riserva il futuro.
    • gorgo80
      gorgo80
      Bronzo
      Presente da: 08-21-2015 Contributi: 2.153
      Asfalta tutti... al poker, all'universita',sul lavoro o dove ti pare. Il tuo posto di lavoro e di studio e' la tua testa.
    • pokerchallenge
      pokerchallenge
      Coach
      Coach
      Presente da: 09-03-2016 Contributi: 2.402
      oh finalmente un CASH GAMER PURO come me :D ti voglio bene ahahah
      buona fortuna nel tuo percorso :) ti seguirò!
    • pkrrrr
      pkrrrr
      Argento
      Presente da: 04-20-2011 Contributi: 3.284
      Se nell'altra sfida "Verso i 600€" ero certo sulla tua riuscita, in questa "Road to Pro" purtroppo ti devo quotare un po' meno (in realtà molto meno... purtroppo, e non per tue capacità, ma per situazione ambientale...). Comunque sia, buona fortuna! :f_biggrin:

      PS: ma fare una sfida intermedia in questo momento, tipo "cerchiamo adesso di battere il nl10" non sarebbe stato meglio?
    • danizx10r
      danizx10r
      Bronzo
      Presente da: 03-30-2012 Contributi: 2.122
      Le scuole di ballo ormai sono sature poi con tutti i ballerini cubani e domenicani che la fanno penso che non avresti un bacino di gente talmente grande da poterti permettere un buono stipendio.. io facevo animazione negl anni boom del latino ho partecipato a tutti i festival e stage in italia. Prima Valdes,poi roly maden, wilmer & Maria , michel fonts ,lazaro Martin Diaz,tropical gem .. conoscevo tutti nell ambiente.. non è facile confrontarsi con questi mostri. La strada del poker non é facile adesso .. meno fish poi non si sa cosa succederà in Italia sull azzardo.. consiglio di finire gli studi poi decidi..
    • fr4nz1991
      fr4nz1991
      Bronzo
      Presente da: 01-31-2011 Contributi: 356
      Ho vissuto praticamente la stessa cosa nel 2014,genitori contro etc etc,l'unica cosa che ti posso consigliare è si di valutare i consigli ma di fare di testa tua che è meglio perdere/vincere con le proprie idee che con quelle degli altri ma soprattutto meglio non avere rimpianti prima di buttarsi nel mondo del lavoro a fare quello che magari non ti piace...detto ciò ora è davvero dura,scegli accuratamente una specialità anche in vista del futuro .eu e studiala a fondo..magari prendendo coach.. GL
    • pkrrrr
      pkrrrr
      Argento
      Presente da: 04-20-2011 Contributi: 3.284
      L'originale di fr4nz1991
      Ho vissuto praticamente la stessa cosa nel 2014,genitori contro etc etc,l'unica cosa che ti posso consigliare è si di valutare i consigli ma di fare di testa tua che è meglio perdere/vincere con le proprie idee che con quelle degli altri ma soprattutto meglio non avere rimpianti prima di buttarsi nel mondo del lavoro a fare quello che magari non ti piace...detto ciò ora è davvero dura,scegli accuratamente una specialità anche in vista del futuro .eu e studiala a fondo..magari prendendo coach.. GL
      Qui stiamo parlando a un giovanissimo, che ha sicuramente molte skill (già dimostrate) in un settore fondamentale molto ampio e che ha un futuro certo e in crescita, che avrebbe perciò infinite possibilità di lavoro futuro (e anche presente). Inoltre specialmente al giorno d'oggi e sicuramente piu in futuro lavorare in quel settore non vorrebbe affatto dire doversi per forza limitare solo ad un lavoro dipendente in ufficio, ma consente anche infinite altre possibilità molto indipendenti.

      L'alternativa a tutto questo sarebbe di mollare tutto per fantasticare buttandosi in una nicchia incerta attualmente satura e pure in periodo di calo come quella del poker.

      Tu nei suoi panni e trovandoti oggi nella sua situazione (perciò non anni fa quando hai cominciato, dove c'erano gli status supernova, i tavoli che si aprivano a raffica, e via dicendo) cosa faresti? Ripeto, con skill certe nel settore informatico (settore in ampia e sicura crescita) e skill tutte da dimostrare nel poker (perciò non con le tue skill pokeristiche attuali, ma con le sue skill pokeristiche). Inoltre, in un momento di incertezza cosmica sul futuro del poker.

      Per me la risposta è chiarissima: caro Lemnon95, studia informatica, comunque sia se adesso non vuoi più studiare almeno comincia a lavorare in quel settore che oramai ti sei per qualche motivo scelto. Nel frattempo gioca pure a poker, ma per il momento e fino a quando non hai dimostrato di essere superskillato in questa nicchia che è il poker (che come qui sul forum in molti sappiamo significa possedere mille altre skill non tecniche e che un profano mai si sognerebbe essere così necessarie per giocare a poker), considera al momento il poker solo come un hobby, un hobby nient'affatto perditempo, anzi molto istruttivo, visto il numero di skill non strettamente pokeristiche che si imparano o perfezionano (economiche e statistiche, lato mindset, nel grinding, nella gestione di un bankroll, nella valutazione degli avversari, negli exploit di tendenze sbilanciate avversarie, nel bilanciamento antiexploit...).
    • fr4nz1991
      fr4nz1991
      Bronzo
      Presente da: 01-31-2011 Contributi: 356
      L'originale di pkrrrr
      L'originale di fr4nz1991
      Ho vissuto praticamente la stessa cosa nel 2014,genitori contro etc etc,l'unica cosa che ti posso consigliare è si di valutare i consigli ma di fare di testa tua che è meglio perdere/vincere con le proprie idee che con quelle degli altri ma soprattutto meglio non avere rimpianti prima di buttarsi nel mondo del lavoro a fare quello che magari non ti piace...detto ciò ora è davvero dura,scegli accuratamente una specialità anche in vista del futuro .eu e studiala a fondo..magari prendendo coach.. GL
      Qui stiamo parlando a un giovanissimo, che ha sicuramente molte skill (già dimostrate) in un settore fondamentale molto ampio e che ha un futuro certo e in crescita, che avrebbe perciò infinite possibilità di lavoro futuro (e anche presente). Inoltre specialmente al giorno d'oggi e sicuramente piu in futuro lavorare in quel settore non vorrebbe affatto dire doversi per forza limitare solo ad un lavoro dipendente in ufficio, ma consente anche infinite altre possibilità molto indipendenti.

      L'alternativa a tutto questo sarebbe di mollare tutto per fantasticare buttandosi in una nicchia incerta attualmente satura e pure in periodo di calo come quella del poker.

      Tu nei suoi panni e trovandoti oggi nella sua situazione (perciò non anni fa quando hai cominciato, dove c'erano gli status supernova, i tavoli che si aprivano a raffica, e via dicendo) cosa faresti? Ripeto, con skill certe nel settore informatico (settore in ampia e sicura crescita) e skill tutte da dimostrare nel poker (perciò non con le tue skill pokeristiche attuali, ma con le sue skill pokeristiche). Inoltre, in un momento di incertezza cosmica sul futuro del poker.

      Per me la risposta è chiarissima: caro Lemnon95, studia informatica, comunque sia se adesso non vuoi più studiare almeno comincia a lavorare in quel settore che oramai ti sei per qualche motivo scelto. Nel frattempo gioca pure a poker, ma per il momento e fino a quando non hai dimostrato di essere superskillato in questa nicchia che è il poker (che come qui sul forum in molti sappiamo significa possedere mille altre skill non tecniche e che un profano mai si sognerebbe essere così necessarie per giocare a poker), considera al momento il poker solo come un hobby, un hobby nient'affatto perditempo, anzi molto istruttivo, visto il numero di skill non strettamente pokeristiche che si imparano o perfezionano (economiche e statistiche, lato mindset, nel grinding, nella gestione di un bankroll, nella valutazione degli avversari, negli exploit di tendenze sbilanciate avversarie, nel bilanciamento antiexploit...).
      quello che dici tu è giusto se pensiamo che i soldi e l'ev che gli può dare quel lavoro siano la cosa che conta di più...ma secondo me conta di più la felicità e la gratificazione personale,quindi se io ho un sogno sicuro inseguo quello e me ne fotto..a 24 anni non è poi cosi giovane,credo lui sappia cosa sta lasciando dietro e per cosa..
    • Lele310383
      Lele310383
      Bronzo
      Presente da: 08-16-2011 Contributi: 3.314
      Prendere la laurea sarebbe come avere un Asso nella manica se le cose con il poker non vanno come si spera secondo me. Con questo non dico che presa la laurea si debba per forza andare a lavorare, anzi se la mia aspirazione è fare i soldi con il poker ci provo con il poker, ma se tra 3 anni, che ne so per dire, mi accorgo che con il poker non va come sperato in precedenza, con la laurea posso salvarmi il culo =)
    • pokerchallenge
      pokerchallenge
      Coach
      Coach
      Presente da: 09-03-2016 Contributi: 2.402
      il poker PRO lo puoi fare dal nl50/100.. prima sei un semi-pro, semplicemente perchè puoi anche tenere 15bb/100 al nl25 ma non farai abbastanza soldi mensilmente da poter mantenere te (o peggio ancora una famiglia se ne hai/ne vorrai avere una)...

      nel 2018 scalare i limiti è piu difficile e soprattutto piu lento, con un coach il processo si velocizza ma comunque ci vogliono mesi e mesi per passare dal nl5 ad almeno il nl25... 6 mesi che è il time che ti sei dato sono però adeguati imho se giochi e studi con costanza giornalmente...

      detto ciò però non è cosa da tutti riuscirci e poi fare il poker pro vuol dire sopportare swing, orari, stress che altri lavori non ti causano a parità di guadagno o quasi. quindi imho ha senso fare il poker PRO nel 2018 solo se il tuo guadagno orario è nettamente superiore a quello di un lavoro medio che potresti avere (considera che non hai ferie pagate, malattie, senza contare che, a differenza di un gestire un' attività privata standard non hai personale che ti sostituisca in caso di necessità)...

      quello che ti consiglio io, da 23 enne come te e che sto facendo io stesso ora, è:
      1) finisci gli studi e/o trova lavoro da qualche parte (in modo da avere un pezzo di carta in mano per il futuro e/o un lavoretto che ti consenta di mantenerti dignitosamente con uno stipendio sicuro mensile, seppur minimo... ci sarò pure un altro lavoro "sicuro" che ti può piacere atm)
      2) nel frattempo continua a studiare e giocare poker, scalando i limiti e migliorandoti... (certo ci metterai pi- tempo che non facendo SOLO poker all day, ma così non avrai problemi se qualcosa dovesse andar storto col poker, avrai sempre un piano B nella vita)

      io ho iniziato studiando all'università economia (non con i tuoi risultati comunque) e nel frattempo ho scalato i limiti (dai sit 0,50 cent ai sit da 25€ e poi cash nl10 al nl50/100 in 3 anni)...
      adesso ho la laurea in mano (sto valutando se fare anche la magistrale o se fare poker pro a tempo pieno adesso, con altre entrate secondarie)ma però non ho mollato il poker e anzi, sono arrivato ad un punto dove ho il bankroll, le competenze e il mindset per realizzare il sogno e inoltre ho un piano B se il poker dovesse andar male per qualsiasi motivo che dipende da me o no (vedi stato :D )

      spero ciò ti possa essere statpo da'iuto :)
    • pkrrrr
      pkrrrr
      Argento
      Presente da: 04-20-2011 Contributi: 3.284
      L'originale di fr4nz1991
      a 24 anni non è poi cosi giovane,credo lui sappia cosa sta lasciando dietro e per cosa..
      Preciso che ho specificato che è "giovanissimo" (ne ha 22) per evidenziare che ha tanti anni davanti a cui dover pensare quando sceglie cosa fare, perciò ogni decisione che prende e che lo indirizza per i decenni futuri è molto importante. Ad esempio se avesse 40 anni o più non mi preoccuperei più di tanto se volesse fare il poker pro, avrei scritto semplicemente "ok vai, prova". :f_biggrin:
    • fr4nz1991
      fr4nz1991
      Bronzo
      Presente da: 01-31-2011 Contributi: 356
      L'originale di pkrrrr
      L'originale di fr4nz1991
      a 24 anni non è poi cosi giovane,credo lui sappia cosa sta lasciando dietro e per cosa..
      Preciso che ho specificato che è "giovanissimo" (ne ha 22) per evidenziare che ha tanti anni davanti a cui dover pensare quando sceglie cosa fare, perciò ogni decisione che prende e che lo indirizza per i decenni futuri è molto importante. Ad esempio se avesse 40 anni o più non mi preoccuperei più di tanto se volesse fare il poker pro, avrei scritto semplicemente "ok vai, prova". :f_biggrin:
      si ma i vostri discorsi son giusti,è solo la mia opinione che magari metto in secondo piano (ora non potrei più permettermelo) i soldi e la strada "più sicura"..sul fatto di fare tutte e due le cose ho dubbi,credo che non sia fattibile a meno che non sia una facoltà poco impegnativa...tornando a prima, per farti capire il mio tp,io darei tutto ciò che ho vinto a poker per tornare indietro nel tempo e non avere l'infortunio che mi ha fatto quittare calcio che era il mio sogno davvero e non c'è giorno che non ci penso..sry lemnon per il mio divagare nel tuo blog ;)
    • pkrrrr
      pkrrrr
      Argento
      Presente da: 04-20-2011 Contributi: 3.284
      L'originale di pokerchallenge
      io ho iniziato studiando all'università economia (non con i tuoi risultati comunque) e nel frattempo ho scalato i limiti (dai sit 0,50 cent ai sit da 25€ e poi cash nl10 al nl50/100 in 3 anni)...
      adesso ho la laurea in mano (sto valutando se fare anche la magistrale o se fare poker pro a tempo pieno adesso, con altre entrate secondarie)ma però non ho mollato il poker e anzi, sono arrivato ad un punto dove ho il bankroll, le competenze e il mindset per realizzare il sogno e inoltre ho un piano B se il poker dovesse andar male per qualsiasi motivo che dipende da me o no (vedi stato :D )
      Da considerare anche che economia è meno facilmente spendibile/giocabile a piccole dosi nel mercato del lavoro, è più per un lavoro full time. Informatica invece è spendibile in modo molto granulare. Perciò in quanto a flessibilità sarebbe pure avvantaggiato rispetto al tuo percorso, che peraltro da quello che vedo mi sembra ben impostato e molto equilibrato per chi ha tanti anni a cui pensare (anche qui come sopra ci starebbe "giovane", ma in effetti oggi ho capito che dire "giovane" è troppo ambiguo, contiene troppe info non volute).
    • THAIX
      THAIX
      HeadAdmin
      HeadAdmin
      Presente da: 03-19-2013 Contributi: 11.672
      Puoi anche far leggere i commenti ai tuoi genitori così si renderanno conto da soli che non ti abbiamo fatto il lavaggio del cervello anzi.... Al contrario
    • Pot74
      Pot74
      Bronzo
      Presente da: 11-11-2010 Contributi: 1.570
      Quando si e' ragazzi si ragiona come te e non c'e' nulla di male sia chiaro, ma il rischio di schiantarsi contro un albero e trovati fra qualche anno con solo un pugno di mosche in mano e' bello alto (stai giocando un 20/80 pre con tante variabili e incognite pergiunta).

      cmq il fatto che chiedi consiglio e' una cosa positiva (ammeno che non fai parte di quei ragazzi che cercano solo le risposte che gli fanno comodo per autoconvincersi anche quando sanno che stanno per fare un cazzata pazzesca) e come puoi ben notare le risposte sono tutte indirizzate nella stessa direzione..continua l'universita' e perche' no, gioca anche a poker.

      Basta che ti organizzi per benino il tempo e la vita e con capacita' pari alla norma (visto la tua media voti sembra che ne hai), si puo' portare a termine sia l'universita' che perche'no anche il poker.

      obv l'universita' ha la priorita' e con il tempo che ti rimane, poi te la giochi con il poker, ragazza e ballo.

      L'originale di Lemnon95
      Lavorare 8-17 dal Lunedì al Venerdì, ferie pagate, tredicesima etc, sono cose che non mi interessano.
      Questo e' una visone molto distrorta del mondo del lavoro e si capisce bene da quello che hai scritto che i "Tuoi" stanno messi piu' che bene economicamente perche' chi viene dal mondo del "lavoro duro" se lo sogna la notte di staccare il venerdi pomeriggio e riattacare il lunedi mattina, passando tutti i week end, ponti varie, ferie e festivita' a sollazzarsi a piacimento a casa; un vero lusso di questi tempi!!

      Poi qualsiasi cosa deciderai di fare, non posso fare altro che farti un grandissimo "in bocca al lupo" anche perche' sarai tu a pagare nel bene o nel male la tua scelta.:D

      GL:f_drink:
    • Pot74
      Pot74
      Bronzo
      Presente da: 11-11-2010 Contributi: 1.570
      ah dimenticavo..

      se porti a termine l'univerista' e deciderai di presentarti alla microsoft sappi che tra le prime domande che ti faranno ci sara' sicuramente anche questa: "perche' il tombino e' rotondo?":D :D