Le italiane, le migliori?