Psicologia: come non farsi influenzare dagli upswing

    • MarsellusW
      MarsellusW
      Bronzo
      Presente da: 09-02-2007 Contributi: 860
      Spesso si sente dire: se sei in downswing, riguarda il tuo gioco ma non farti influenzare dalla sfortuna e continua a giocare il tuo A-game.
      Ora pero' vorrei capire cosa puo' succedere nel caso opposto: sono in un periodo fortunato da un po', circa 2000 mani... un upswing cosi' lungo non mi era mai capitato. Dato che prima o poi dovra' necessariamente terminare (e anzi, di solito appena uno parla di upswing si materializza un downswing all'istante :D ), vorrei evitare di metabolizzare giocate sbagliate, che sono andate bene solo grazie alla fortuna.
      Avete qualcosa da dire sull'argomento? Come vi regolate? Io di solito tendo ad analizzare solo le mani che perdo, quelle che vinco le lascio perdere... ma non e' corretto come approccio..
      E poi, di solito quanto durano i vostri upswing (in termini di mani giocate)? E cosa intendete veramente come upswing, in termini di winrate? E questi periodi hanno delle conseguenze sul vostro gioco?
      A me, credo, succede di diventare piu' tight-passive-aggressive (ovvero, piu' passive preflop e piu aggressive post flop), quando vinco, perche' posso "permettermi" di selezionare le mani da giocare, e quando gioco tendo a spingerle molto. Ma cosi' rinuncio ad un po' di EV.. e soprattutto il mio cervello si abitua a pensare in un certo modo, con la fortuna a favore, e mi allontano dal gioco migliore.

      Insomma, forse per voi e' un problema inesistente, ma io ho la forte paura che quando questo upswing finira', ovvero inevitabilmente molto presto, mi trovero' a giocare peggio e a perdere piu' del normale. Vorrei evitarlo!
  • 11 risposte
    • MarsellusW
      MarsellusW
      Bronzo
      Presente da: 09-02-2007 Contributi: 860
      ... ho appena riguardato le mie stats di queste ultime 2000 mani, e confermano quello che pensavo:

      VP$IP 12
      PFR 8
      AF 4
      WTS 24

      sono stats brutte!!!
    • nanowarrior
      nanowarrior
      Bronzo
      Presente da: 06-23-2008 Contributi: 635
      beh, penso che il problema principale degli upswings sia la voglia di fare level up senza un bankroll adeguato, e, per l'appunto, un aggressività eccessiva (anche se io avrei pensato ad aggressività maggiore anche preflop)

      d'altronde non lo so, a me gli upswing durano un'ora / due al massimo, e sono intervallati da settimane di downswing :/
    • Marioooooo
      Marioooooo
      Bronzo
      Presente da: 06-23-2007 Contributi: 24.411
      L'originale di nanowarrior

      d'altronde non lo so, a me gli upswing durano un'ora / due al massimo, e sono intervallati da settimane di downswing :/
      :D :D

      Io considero un upswing un qualisasi momento dove hai continui risultati (il che non vuol dire solo essere fortunato in mani dove eri dietro, ma anche non essere sfortunato quando sei avanti)

      Se ti reisci a distaccare un pò dal valore reale dei $ gli upswing ed i downswing non dovrebbero influenzarti molto..ma se ti accorgi che il tuo gioco risulta influenzato prenditi anche in questi periodi 1 giorno d pausa, magari da utilizzare solo per valutare il proprio gioco!
    • geniodelletartarughe
      geniodelletartarughe
      Coach
      Coach
      Presente da: 10-21-2007 Contributi: 3.662
      Beh, se spesso sei partito dietro e poi hai vinto qualche erroruccio credo tu l'abbia commesso ma.... niente paura: accendi un cero alla Madonna e dille di farti continuare con gli stessi risultati il più a lungo possibile :D
      A parte gli scherzi, quello che dici è vero, secondo me, Marsellus: quando vinciamo pensiamo di essere oramai totalmente superiori al limite dove stiamo giocando e non badiamo troppo alle mosse che effettuiamo. Analizzare le mani vinte in questi periodi è sicuramente un buon esercizio
    • wazaari
      wazaari
      Bronzo
      Presente da: 10-03-2007 Contributi: 7.384
      L'originale di MarsellusW... ho appena riguardato le mie stats di queste ultime 2000 mani, e confermano quello che pensavo:

      VP$IP 12
      PFR 8
      AF 4
      WTS 24

      sono stats brutte!!!
      Molto meglio di quelle ke mi hai fatto vedere mese scorso :D
      Ora concentrati sul PFR e ATS
    • Ryuga84
      Ryuga84
      Bronzo
      Presente da: 11-22-2007 Contributi: 4.112
      Gli upswing lunghi...per me sono come quando: giochi a calcio... partita tranquilla...fino a che fai un gol decisivo, ti gasi, e dopo giochi molto meglio... + o meno così....mi da quella verve in + che mi fa giocare ancora meglio... fino al momento di prendere una palata in testa...out per primo...e ritornare normale! :D :D :D
    • MarsellusW
      MarsellusW
      Bronzo
      Presente da: 09-02-2007 Contributi: 860
      PFR: io giocando la BSS piu' di questo non riesco a fare!!!!
      ATS: rubare al NL25 e' quasi controproducente.. aspetto di essere almeno al NL50

      e comunque devo dire la verita: non sono partito quasi mai dietro, e' solo che quando sono avanti vengo sorpassato meno spesso del solito... vedi l'ultima mano che ho giocato e in cui ho triplicato: io QQ, un oppo JJ e l'altro AK, tutti allin preflop e board blank che mi ha dato la vittoria... poi secondo me e' full tilt che in un certo orario si riempie di fish...
    • MarsellusW
      MarsellusW
      Bronzo
      Presente da: 09-02-2007 Contributi: 860
      L'originale di geniodelletartarugheBeh, se spesso sei partito dietro e poi hai vinto qualche erroruccio credo tu l'abbia commesso ma.... niente paura: accendi un cero alla Madonna e dille di farti continuare con gli stessi risultati il più a lungo possibile :D
      A parte gli scherzi, quello che dici è vero, secondo me, Marsellus: quando vinciamo pensiamo di essere oramai totalmente superiori al limite dove stiamo giocando e non badiamo troppo alle mosse che effettuiamo. Analizzare le mani vinte in questi periodi è sicuramente un buon esercizio
      gia', infatti mi sono preso dei giorni di pausa (in realta' pausa forzata, sono via per lavoro), e l'unica cosa che faccio e' guardarmi le mani...

      non te lo volevo dire genio, ma bronzo non ti si guarda :D
    • sauzer00
      sauzer00
      Bronzo
      Presente da: 11-15-2007 Contributi: 5.642
      Anche io sono in up ma vedo che mi aiuta a giocare meglio.
      Quando inizio una sessione con un bel +50 poi gioco per tutto il tempo meglio aggredisco di + chiudo bene mani iniziate in modo aggressivo.

      Vedo che le mie stats variano di 2 punti anche quando vinco bene gioco 16/12 quando non vinco tendo a chiudermi per evitare di perdere molto e gioco 14/9.
      Quindi gli up son da prendere e da cavalcare credo.
    • Traxxer
      Traxxer
      HeadAdmin
      HeadAdmin
      Presente da: 08-01-2008 Contributi: 7.856
      Risposta da inesperto: ma anzichè pensare in termini di upswing o downswing non si può semplicemente analizzare come si gioca? Sarò scemo, ma quando vinco una mano partendo sotto non sono contento e quando ne perdo una partendo sopra sono soddisfatto. Statisticamente se riesci a leggere bene le mani e a partire sempre con un certo vantaggio alla lunga vincerai.

      E dico sul serio: sono reduce appena ora da due tornei, uno l'ho vinto e mi ha salvato una scala infilata fortunosamente su un all in, nell'altro mi hanno crackato due K. Sono più contento per il secondo, dove un genio (dopo rilanci consistenti) aveva risposto al mio all in con una coppia di 2 e aveva infilato un set al turn. E specifico che non ho uno stile di gioco spregiudicato, tale da indurre l'avversario a pensare a un bluff.

      Secondo me bisognerebbe astrarre il risultato finale dal discorso e guardare solo quanto sono buone le proprie chiamate. Aspetto smentite. ;)
    • MarsellusW
      MarsellusW
      Bronzo
      Presente da: 09-02-2007 Contributi: 860
      Nota: APPENA ho aperto questo thread, l'upswing e' stato sostituito da un downsing. In 20 minuti, perso flush vs flush, JJ vs AA, 99 vs 66 allin al flop.

      Bello!